La Chevrolet Bolt Electric Car 2018

La Chevrolet Bolt Electric Car 2018

16 gen, 2015

Cosa è e cosa non è.. . e cosa significa per Tesla

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

13 Gennaio 2015. La cosa grande circa il Detroit Auto Show è che porta così tanti dirigenti del settore auto a livello mondiale insieme sotto lo stesso tetto.

Quindi ci sono state molte discussioni sul concept dell’auto elettrica Chevrolet Bolt: quello che è (per gli acquirenti, per GM, e per le altre case automobilistiche), quello che non è, e forse quello più sentito nell’atmosfera, che cosa significa per Tesla Motors.

Abbiamo speso oltre tre giorni a parlare con le fonti, la maggior parte delle quali solo discuttono sul concept Bolt oltre i record.

Quello che segue è una sorta di questioni e risposte di quello che abbiamo sentito, quello che ci è stato detto, e quello che pensiamo da quello che abbiamo appreso.

 

Cosa è la Chevrolet Bolt?

Si tratta di un concept di auto di una vettura utilitaria elettrica disegnata con carrozzeria cinque porte hatchback alta, molto simile in proporzione alla poco più lunga BMW i3.

Il suo obiettivo è un’autonomia di 200 miglia (321 km), il prezzo è stato segnalato in 37,500, dollari ed è probabile che venga lanciata nel 2017 come un nuovo modello 2018 della gamma Chevrolet.

 

Quanto del veicolo reale è un concept?

Dato che GM ha lanciato e poi ucciso la sua auto elettrica EV1 – che l’ex amministratore delegato Rick Wagoner ha chiamato il più grande errore del suo mandato – sarebbe altamente improbabile per l’amministratore delegato di General Motors svelare un tale concept car dirompente e di alto profilo nel grande salone dell’auto del Nord America a meno che la società non intendesse costruirla.

Crediamo che GM intende produrre e vendere una macchina basata sulla Bolt, utilizzando basi della prossima generazione dell’utilitaria Chevy Sonic..

La Bolt non ha un pianale dedicato tipo “skate”, del tipo piano, lungo, con larghi pacchi batteria sotto il pavimento, come la Tesla Model S.

Invece, riutilizza le strutture pesantemente modificate e molto costose e alcuni elementi di sospensione della prossima Sonic e tutti i suoi derivati.

Si potrebbe chiamare una “derivata dedicata” della famiglia di veicoli GM.

 

Sarebbe una Bolt di produzione ad apparire cosi simile al concept?

Sì, anzi. La forma e le proporzioni della Bolt base presentata ieri è probabilmente abbastanza vicina a un modello di produzione, anche se i requisiti normativi e l’usabilità dei consumatori modificheranno molti dei dettagli che vedete nelle foto.

L’interno del concept, però, probabilmente non ha molto a che fare con quello che andrà in produzione.

Scommettiamo che il cruscotto, i sedili ed altri particolari degli interni saranno quelle della prossima generazione della Sonic modificata.

E ci aspettiamo molti dei componenti della catena cinematica dei componenti utilizzati nella Chevry Volt 2016 lanciata da Barra poco prima che lei abbia introdotto la Bolt.

Ci saranno anche alcuni contributi dalla Spark EV, compresa la produzione del sistema di ricarica rapida DC con i rispettivi connettori del veicolo.

 

Può davvero raggiungere 200 miglia (321 km)?

Probabilmente. Un dirigente LG Chem ha detto l’anno scorso che la società avrebbe cominciato a fornire delle celle agli ioni di litio per una vettura elettrica di 200 miglia durante il 2016, considerando le richieste di diversi grandi clienti automobilistici dell’azienda.

E dato una certa pubblicità è inciampata prima del lancio della Volt di prima generazione – ricordare le 238 mpg? – sospettiamo che GM sarebbe molto cauta nel citare pubblicamente qualsiasi cifra di autonomia.

In altre parole, dato diversi anni di esperienza con le batterie di produzione ed i cicli di prova di autonomia dell’EPA, non sarebbe da aspettarsi che il CEO della società annunci un’autonomia inferiore di quella che ogni Bolt di produzione avrebbe fornito in fase di omologazione.

L’autonomima nel mondo reale, ovviamente, può variare prima o poi, come ogni conducente di veicolo elettrico sa.

 

Con quali veicoli dovrebbe compettere la Bolt?

C’è stata molta copertura mediatica a dire che la Bolt punta agli obiettivi della previsto Tesla Model 3, una berlina compatta di medie dimensioni completamente elettrica che dovrebbe avere un’autonomia di 200 miglia e un prezzo di 35 mila dollari se e quando sarà lanciata nel 2017 o successivamente.

Abbiamo il sospetto però che il pubblico acquirente di un’auto elettrica non necessariamente la vede in questo modo.

Tesla è riuscita, nel corso di tre anni di produzione della Model S, di inserirsi tra le fila dei marchi di lusso automobilistico, nella stessa categoria di Audi, BMW, Jaguar e Mercedes-Benz.

Mettere il cravattino della Chevy Bolt assicura virtualmente che la piccola auto elettrica sarà percepita più come un concorrente per abbassare l’autonomia delle auto elettriche ed essere a livello della Nissan Leaf e forse della BMW i3 piuttosto che ad avere la lunga autonomia dei modelli Tesla.

Certamente la Chevy Volt ibrida plug-in ha portato nuovi acquirenti in Chevrolet, che altrimenti non avrebbero mai considerato l’acquisto di una Chevy, e la Bolt potrebbe fare lo stesso.

Ma la capacità di Tesla di soddisfare le richieste del mercato di massa rimane sconosciuta. Mentre esiste la Model 3 oggi solo in teoria – nessun concept è stato mai mostrato, e probabilmente non lo vedremo per un po’, un ipotetico faccia a faccia tra le due vetture sembra piuttosto strano.

Sarebbe come paragonare una BMW Serie 5 diesel berlina sportiva contro una Pickup Ecodiesel Ram 1500: Entrambi i veicoli hanno tecnologie di propulsione simili, ma sono progettati per diversi acquirenti e scopi.

Se fossimo i progettisti di prodotto della seconda generazione Nissan Leaf 2017, che comunque prevede di offrire più opzioni di pacchi batterie, con oscillazioni dalle attuali 84 miglia ad un massimo di 150 miglia di autonomia (da 135 km a 241 km) – potremmo essere spaventati e preoccupati dalla idea che GM metta la Bolt in produzione.

E in secondo luogo, date le analogie dimensionali e di forma della BMW i3 alla Chevy Bolt, ci si potrebbe aspettare che un’i3 da lunga autonomia nel model year 2018 possa anche essere vista come una concorrente naturale.

 

È una macchina di conformità, o si intende venderla in grandi volumi?

Questa è la grande domanda. Ancora non conosciamo la risposta.

Da un lato, la progettazione, l’ingegneria, e la produzione di una carrozzeria dedicata indica aspirazioni per elevati volumi. Il costo è di milioni di dollari solo per l’ingegnerizzazione delle porte, tanto per fare un esempio.

E la molto pubblicizzata e pesantemente coperta natura del lancio della Bolt – con la stessa CEO di GM ad essere coinvolta quando la storia è trapelata Venerdì sera dal The Wall Street Journal – assicura un alto profilo per l’auto.

Per contro, nessun grande esecutivo GM ha presentato la Chevrolet Spark EV nel primo evento automobilistico sotto la pressione di un grande show automobilistico internazionale.

La vettura è pensata per “prestazioni a lungo raggio in tutti i 50 stati ed in molti mercati globali”, secondo la società – quindi in teoria, non sarà confinato in California ed in pochi altri stati americani.

 

Ma …

D’altra parte, fonti esterne a General Motors indicano che la Chevy Bolt è prevista solo per essere costruita in volumi pari a migliaia – non decine o centinaia di migliaia come la Nissan Leaf ha accumulato durante la sua vita.

E una fonte della società ha suggerito che ogni Bolt in produzione potrebbe non avvicinarsi ai volumi che Nissan ha già conseguiti con la Leaf (attualmente circa 150.000 in più di quattro anni, e ora forse 5.000 o 6.000 al mese a livello globale).

Può essere che GM deva capire esattamente quanti soldi è disposta a perdere sulla vettura.

Se la società è in grado di contenere il suo costo batteria nel 2017 fino a, diciamo, $ 300 per kilowatt-ora – e una macchina elettrica di 200 miglia richiede un pacchetto di almeno 50 kWh – che significa che la batteria da sola sarebbe costato $ 15.000 o di più.

Non ci aspettiamo che GM utilizzi la struttura in plastica di alluminio e fibra di carbonio rinforzata che rende la BMW i3 così leggera, dando così il punteggio massimo di efficienza per ogni auto elettrica venduta in Nord America.

Ciò renderebbe una produzione Bolt più economica per costruire la concorrente dell’i3 da 82 miglia, che parte da più di $ 40.000. Ci sono ancora forti rimostranze se tale programma sarebbe mai in pareggio per la casa automobilistica.

 

Allora perché GM ha svelato la Chevy Bolt Concept?

Che si tratti di una macchina di conformità o meno, GM vuole chiaramente continuare a definire se stessa come leader nella tecnologia dei veicoli elettrici plug-in.

Se può lanciare una vettura elettrica da 200 miglia di autonomia per meno di 40 mila dollari, utilizzando le più recenti celle agli ioni di litio LG Chem per farlo, segnerà immediatamente l’azienda come un pioniere nel portare i veicoli elettrici a batteria a prezzi di acquisto accessibili al pubblico.

Se si rompe, anche in questo modo è una questione molto diversa.

Ma lo scopo principale dela Bolt è la discontinuità.

“Questo è tutto rottura”, ha detto una fonte del settore. “Tesla è considerata una discontinuatrice della tradizione e GM vuole fare lo stesso.”

“Con la Bolt, GM sta comprando la discontinuità”

 

Porterà il nome Bolt?

Ci sono voluti solo un paio d’ore ieri prima di aver ricevuto il seguente messaggio da un collega di lavoro: “Beh, ho avuto la mia prima confusione tra Bolt e Volt in una conversazione”.

Ci auguriamo vivamente che GM cambi il nome di qualsiasi macchina venga prodotta sulla base del concept Bolt.

 

.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: chevrolet bolt concept mary barra naias north american international auto show salone detroit

Lascia una risposta

 
Pinterest