L’aereo elettrico prende il volo

L’aereo elettrico prende il volo

31 mag, 2014

L’aereo elettrico “Impossibile” prende il volo

Il Berlin Air Show ha assistito ad un silenzioso volo di prova pulita del velivolo E –Fan, biposto da Airbus, che è interamente alimentato da energia elettrica

di Julia Pyper

Fonte: ClimateWire

 

Berlin, Germania. 27 maggio 2014 . Il nuovo aereo biposto è stato progettato fin dall’inizio per la propulsione elettrica, dal suo sistema di gestione dell’energia fino alle caratteristiche di sicurezza. Nello sviluppo di questa tecnologia, Airbus mira a ridurre considerevolmente in futuro le emissioni di anidride carbonica del settore aerospaziale.

A Berlino, quando un Panavia Tornado salta tra le nuvole sopra il Berlin Air Show prima ei piombare giù verso la Terra, i giardini sotto vengono scossi dal rombo dei motori gemellati del bombardiere da combattimento.

Quando invece l’aereo seguente – l’E-Fan di Airbus appunto – è decollato verso il cielo, l’air show è rimasto stranamente tranquillo.

Il velivolo E -Fan è completamente elettrico, progettato da Airbus Group, ed ha fatto una delle sue prime manifestazioni pubbliche qui la scorsa settimana dopo che è volato per la prima volta in Francia l’11 marzo scorso scorso.

“E ‘un modo molto diverso di volare”, ha detto , direttore tecnico e dell’innovazione di Airbus Group, “assolutamente nessun rumore, nessuna emissione”.

Una serie di batterie agli ioni di litio sono state montate sulle ali dell’aereo e sono l’ unica fonte di alimentazione dei due motori elettrici da 30 chilowatt del E -Fan. Un motore elettrico da 6 kW nella ruota principale fornisce l’energia supplementare durante l’accelerazione e rullaggio per ridurre il consumo di energia elettrica a terra.

Ma nonostante il suo design ad alta efficienza energetica, l’E -Fan ha solo un autonomia di un’ora, il che significa che non può lasciare le vicinanze di un aeroporto. Per combattere l’ansia di autonomia, l’aereo è dotato di una batteria di backup a fini dell’atterraggio e di un paracadute che può essere aperto più in alto a oltre duemila metri.

Come una macchina elettrica, un indicatore sul cruscotto indica al pilota quanta energia rimane nelle batterie e segnala che l’aereo sia collegato quando si ha bisogno di ricaricare.

“Stiamo cercando questo. Non è di entrare nel business del piccolo velivolo”, ha detto Botti. “E’ per imparare a fare un nuovo business”.

 

Gli obiettivi di Airbus

L’obiettivo finale di Airbus Gruppo è quello di fare un jet pendolare da 70 a 80 persone ibrido – elettrico con tre ore di autonomia entro il 2050. Disegni iniziali del velivolo E-Thrust mostrano l’aereo con sei eliche alimentate elettricamente, che sarà alimentato da un accumulatore di energia e da combustibile durante la salita e la fase di crociera per poi atterrare usando solo l’energia elettrica durante la discesa.

Nel passo successivo verso il raggiungimento di questo, Airbus farà un aereo di nuova generazione elettrico a due posti, con il lancio fissato nel 2017 e un aeroplano elettrico a quattro posti con un range extender alimentato da combustibili fossili, previsto per il lancio nel 2019.

Questi progressi sono mirati come strada verso la realizzazione del Flight Path 2050, obiettivo aggressivo dell’Unione Europea per ridurre le emissioni di ossido di azoto del settore del trasporto aereo del 90 per cento, l’inquinamento acustico del 65 per cento e le emissioni di anidride carbonica del 75 per cento entro il 2050.

Mentre Airbus e altre società aerospaziali stanno spingendo i limiti della tecnologia di oggi, ci vorrà ancora un salto di qualità dalla tecnologia degli aeromobili di oggi per raggiungere gli obiettivi fissati nel Flight Path 2050, secondo Botti.

Di fronte agli incombenti regolamenti del clima ora in fase di negoziazione presso l’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile, i produttori di aeromobili e operatori di tutto il mondo sono alla ricerca di soluzioni per migliorare le prestazioni ambientali della loro flotta.

Per raggiungere gli obiettivi del settore del clima a breve termine, Airbus ha ridisegnato i suoi aerei A350 con le ultime caratteristiche aerodinamiche, materiali leggeri e tecnologie avanzate. Secondo Airbus, l’A350 XWB nuovo include un miglioramento del 25 per cento nel risparmio di carburante sul Boeing 777 e un miglioramento del 6 per cento rispetto al Boeing 787, due aeroplani che attualmente dominano il mercato a lungo raggio.

Il nuovo Airbus A320neo dispone anche di tecnologie avanzate a basso consumo, tra cui un motore di state-of -the-art da parte della società statunitense Pratt & Whitney. Il nuovo motore riduce il consumo di carburante fino al 20 per cento, risparmiando 2,5 milioni dollari e fino a tremila tonnellate di emissioni di CO2 per aereo all’anno.

 

Nuova sfida Solar Impulse all’orizzonte

Diversi vettori aerei commerciali, tra cui Lufthansa, Air Alaska e United Airlines, stanno anche riducendo la loro impronta di carbonio, sviluppando e testando i loro aerei con biocarburanti. Per contribuire ad aumentare la disponibilità di combustibile, la British Airways ha annunciato una partnership all’inizio di quest’anno per creare un nuovo carburante dai rifiuti urbani.

Continuare ad adottare l’efficienza energetica e la tecnologia delle energie rinnovabili nel settore aerospaziale e altri settori è essenziale per l’umanità, e anche riuscire a combattere il cambiamento climatico, secondo , medico svizzero, esploratore e pilota del velivolo a emissioni zero Solar Impulse.

L’anno scorso, Piccard ed il collega pilota hanno attraversato gli Stati Uniti in un aereo ad energia solare, giorno e notte in volo, senza usare una goccia di carburante. Con l’utilizzo di celle solari e una batteria, l’aereo potrebbe teoricamente rimanere in aria per sempre se il pilota non ha bisogno di fare delle pause.

Il Solar Impulse è stato costruito utilizzando tecnologie già esistenti, come i motori elettrici, sistemi di illuminazione ed attrezzature efficienti. Quando questo tipo di tecnologie saranno ampiamente disponibili sul mercato, il consumo globale di energia potrebbe essere tagliato a metà, ha detto Piccard, parlando la scorsa settimana in occasione del vertice del Forum internazionale dei trasporti a Lipsia, in Germania, che si è svolto in concomitanza con il Berlin Air Show.

In una missione per incoraggiare soluzioni più all’avanguardia per la crisi climatica, Piccard e il suo team intendono volare intorno al mondo intero nel Solar Impulse 2.

“Solar Impulse … non è solo un aereo fatto per fare voli spettacolari”, ha detto. “Per me, è uno strumento per mostrare alla gente che cose incredibili sono possibili, e anche che le cose impossibili sono possibili, con queste tecnologie”.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: air show berlin airbus e-fan André Borschberg bertrand piccard Jean Botti

Lascia una risposta

 
Pinterest