Il popolare Car Sharing elettrico di Parigi

Il popolare Car Sharing elettrico di Parigi

7 ott, 2012

Bolloré : il popolare Car Sharing elettrico di Parigi

 

 

L’auto elettrica più popolare di Parigi non è come si potrebbe pensare la Nissan Leaf, la Mitsubishi i-MiEV e nemmeno le due cugine dirette Citroen C-Zero o Peugeot i-On.

E’ una tre porte colore argento, quattro posti e interni base che guidano i parigini solo per pochi minuti o al massimo per alcune ore, da una stazione car sharing ’ ad un altra.

Si tratta della Bollorè Bluecar, e ci sono 1.750 parcheggiate nei 670 postazioni lungo le strade di Parigi e anche in alcuni sobborghi.

L’obiettivo finale è quello di rendere disponibili tremila Bluecar in 1050 stazioni per permettere ai parigini di utilizzarle a breve termine, circolando ad emissioni zero.

Il grande successo del sistema di car-sharing Autolib’ sul modello di Parigi, include anche il programma Velolib con le biciclette,

Più di 37.000 persone hanno già aderito al sistema e Autolib’ iscrive altri nuovi 1200 utenti ogni settimana.

Le Bluecar sono state noleggiate più di 500.000 volte in 10 mesi, per una percorrenza complessiva di oltre 5 milioni di km.

Oggi, sono a noleggio da 4.000 a 5.000 volte la settimana, con il più alto uso nei fine settimana. Non è possibile girare in centro a Parigi per oltre 15 minuti senza vedere passare almeno una di queste auto sulla strada.

Quando tutti i 3.000 posti auto sono su strada, si prevede di viaggiare 60 milioni di chilometri a emissioni zero all’anno, riducendo collettivamente le emissioni dell’equivalente di 22.500 automobili a Parigi.

Mentre gli utenti sono stati prevalentemente uomini in un primo momento, sempre più donne stanno prendendo confidenza con il sistema Autolib ‘. La maggior parte degli utenti sono dell’età dai 25 ai 39 anni, e il 70 per cento di loro non possiedono un auto.

Il più bellio è che le macchine non devono essere restituiti alla stazione originale, un buon 90 per cento dei viaggi sono a senso unico. La vettura viene riconsegnata in una diversa stazione Autolib’, così come lo è per le bici Velolib.

La stessa vettura è stata disegnata da Pininfarina ed è assemblata a Torino, per il Gruppo Bolloré, azienda francese di oltre 190 anni di vita che è tra le 500 più grandi aziende del mondo.

La Bluecar è una vettura da 300-kg, con batterie al litio da 30 kilowatt-ora alloggiate sotto i sedili dei passeggeri, che alimentano un motore elettrico che aziona le ruote anteriori.

Bolloré cita un’autonomia di 250 km in uso urbano o 150 km in autostrada.

Le batterie al litio-metallo-polimero sono realizzati in due stabilimenti, uno in Bretagna (Francia) e l’altro a Montreal, in Canada.

I servizi sono minimi: c’è un airbag per il conducente, ed un cicalino per avvisare i pedoni quando l’auto si avvicina in silenzio.

Il quadro strumenti è montato in posizione centrale in un contenitore che si trova sulla superficie piatta del cruscotto.

La maggior parte dei controlli sono gestiti tramite il touchscreen centrale, compreso il controllo del clima, il sistema audio, navigazione GPS, chiamate in vivavoce di telefonia mobile, e la selezione di tre modalità di guida (Eco, Sport, o Icy).

Gli automobilisti possono anche chiamare un operatore Autolib’ in caso di emergenza.

Mentre le versioni che si distinguono per la verniciatura d’argento alluminio di Autolib’ sono di gran lunga le più numerose, Bolloré offre anche la Bluecar da 3 a 12 mesi di vacanze a società, flotte e privati.

Tale versione, fedele al suo nome, è verniciata di colore blu scuro.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: autolib bluecar mondial de l'automobile salone parigi

Lascia una risposta

 
Pinterest