Ford svela a Las Vegas il futuro della ‘smart mobility’

Ford svela a Las Vegas il futuro della ‘smart mobility’

8 gen, 2015

La casa dell’ovale blu lancia 25 progetti per trasformare la mobilità del domani

• Ford ha annunciato, al di Las Vegas, il , la strategia dell’Ovale Blu per portare la connettività e l’automazione di bordo a nuovi livelli, implementare modelli flessibili e sociali di proprietà dell’auto e trasformare la futura esperienza di guida. Il lancio del programma è stato annunciato nel corso del keynote tenuto da , Presidente e CEO di Ford Motor Company

• Per rendere la smart mobility una realtà globale, Ford lancerà quest’anno 25 progetti di ricerca in tutto il mondo per mettere alla prova idee, sperimentare innovazioni e affrontare le sfide della mobilità nei differenti contesti. I risultati ottenuti indirizzeranno i futuri investimenti dell’Ovale Blu

• Dei 25 progetti, 9 saranno localizzati in Europa e Africa. A Londra si studieranno soluzioni on-demand per la guida in città e gli effetti sulle spese assicurative della smart mobility. In Germania è già stato lanciato un programma sperimentale di car-sharing che coinvolge più di 50 città

Fonte: Ford Italia

 

Colonia, Germania e Las Vegas, USA. 7 gennaio 2015. Ford ha annunciato, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il Ford Smart Mobility Plan, la strategia dell’Ovale Blu per portare la connettività e l’automazione di bordo a nuovi livelli, implementare modelli flessibili e sociali di proprietà dell’auto e trasformare la futura esperienza di guida.

Il lancio del programma è stato annunciato nel corso del keynote tenuto da Mark Fields, Presidente e Chief Executive Officer di Ford Motor Company, e avrà lo scopo di affrontare le nuove sfide della mobilità.

Per rendere la smart mobility una realtà globale, Ford lancerà quest’anno 25 sperimentazioni in tutto il mondo, per mettere alla prova idee, sperimentare innovazioni e affrontare le sfide della mobilità nei differenti contesti. I risultati ottenuti indirizzeranno i futuri investimenti dell’Ovale Blu.

“Qui a Las Vegas mostriamo lo stato dell’arte delle auto connesse e dei veicoli a guida autonoma, ma partecipiamo al Consumer Electronics Show di quest’anno principalmente per motivi di rilevanza globale”, ha dichiarato Mark Fields nel corso del keynote che ha tenuto durante la kermesse americana dedicata alla tecnologia. “Ogni elemento nel nostro business è guidato dall’innovazione, per essere leader non solo nel settore dell’auto, ma anche in quello della connettività. Il nostro obiettivo è rivoluzionare la mobilità globale esattamente come 111 anni fa fece il nostro fondatore, Henry Ford”.

 

25 esperimenti di ‘smart mobility’

La fase iniziale del Ford Smart Mobility Plan prevede l’istituzione di una serie di progetti globali di ricerca che permetteranno di studiare le differenti condizioni che si verificano in tutto il mondo, comportando ciascuna una sfida differente. Delle 25 sperimentazioni che Ford lancerà quest’anno, 9 saranno portate avanti in Europa e Africa, 8 in Nord America, 7 in Asia e 1 in Sud America. Ognuna di queste servirà ad acquisire una maggiore consapevolezza dell’ecosistema locale dei trasporti.

“Immaginiamo un mondo in cui i veicoli comunicano tra loro e interagiscono non solo con il guidatore, ma anche con le infrastrutture e con la rete dei trasporti urbani e dei programmi di condivisione dell’auto, per ridurre il traffico, rendere la vita più semplice e minimizzare i tempi degli spostamenti quotidiani casa-lavoro”, ha aggiunto Fields.

“Le sperimentazioni che porteremo avanti ci permetteranno di definire i modelli del sistema dei trasporti e della mobilità che caratterizzeranno i prossimi 10 anni e oltre”.

I 25 progetti sono divisi in 4 macro-aree (incremento della popolazione, espansione della classe media, qualità dell’aria e salute pubblica), ognuna delle quali rappresenta la radice dalla quale nascono le principali sfide locali che, specialmente nelle aree urbane, limitano l’efficienza, la rapidità e l’esperienza della mobilità personale.

9 dei progetti saranno localizzati in Europa e Africa. A Londra si studieranno soluzioni on-demand per la guida in città e gli effetti sulle spese assicurative della smart mobility.

In Germania è già stato lanciato un programma sperimentale di car-sharing che coinvolge più di 50 città.

Dei 25 progetti, 11 sono portati avanti nell’ambito del progetto Innovate Mobility Challenge, un’iniziativa lanciata dal Ford nel 2014 in tutto il mondo grazie alla quale gli sviluppatori di app possono mettersi alla prova e creare soluzioni hi-tech ai problemi della mobilità urbana.

 

Le sperimentazioni di Londra

Londra sarà la sede nella quale saranno portati avanti diversi progetti pilota indirizzati a sviluppare soluzioni destinate alle aree urbane a elevata densità abitativa, come le modalità flessibili di proprietà e condivisione dell’auto e i sistemi di localizzazione dei parcheggi tramite smartphone.

“La nostra filosofia è essere aperti verso modalità più innovative e intelligenti per muoversi in libertà, per il benessere e il progresso di tutti. Cambiare il modo in cui pensiamo e collaboriamo è essenziale per assicurare l’indipendenza delle persone e delle economie”, ha dichiarato , Chief Operating Officer di Ford Europa.

“Non esistono soluzioni universali alle sfide della mobilità. In questo momento siamo in una fase di ricerca e verifica, per portare avanti progetti che ci permettano di identificare soluzioni funzionali e intelligenti per garantire a tutti la libertà di movimento.

 

I progetti che saranno portati avanti a Londra saranno:

• City Driving On-Demand (guidare on-demand in città): ha l’obiettivo di comprendere quali siano le caratteristiche che dovrebbe avere un sistema di car-sharing più efficiente, flessibile e adatto agli scenari urbani rispetto ai progetti attuali. La ricerca pilota si avvarrà di una flotta di Focus Electric a zero emissioni e di Fiesta EcoBoost 1.0 3 cilindri ad alta efficienza

• Data Driven Insurance (assicurazione in base all’utilizzo effettivo dell’auto): permetterà di monitorare l’utilizzo individuale dell’auto per creare un modello di assicurazione personale calibrata sulle effettive abitudini di guida, per ridurre le spese assicurative. Il monitoraggio avverrà attraverso un’app che terrà anche sotto controllo l’auto mostrandone sullo smartphone la posizione e le condizioni, dal livello del carburante allo stato del motore. I dati raccolti permetteranno inoltre di aiutare a conoscere meglio, e di conseguenza ridurre, i flussi e le congestioni del traffico urbano

• Dynamic Social Shuttle (servizio dinamico di navetta condivisa): un nuovo sistema di mobilità on-demand per gli spostamenti di gruppo, per esempio quelli che abitualmente si compiono per recarsi in aeroporto. Il sistema, basato sulla condivisione del veicolo, è più pratico dell’autobus e meno costoso dei taxi

• Painless Parking (parcheggi senza stress): sviluppato in sinergia con le autorità locali, questo progetto prevede la creazione di un’app che permetta di trovare il parcheggio in base alle proprie necessità e alla disponibilità degli spazi, verificata in tempo reale Secondo un recente sondaggio condotto da Ford, il 56% dei cittadini europei prenderebbe in considerazione l’utilizzo di sistemi di car-sharing*. Le ricerche indicano inoltre che ogni auto condivisa può sostituirne ben 13**. Secondo la Commissione Europea, i costi sociali del traffico superano ogni anno i 100 miliardi di euro***.

 

Car-sharing in Germania

Ford ha sviluppato in Germania un programma di car-sharing, in collaborazione con FHD GmbH, DB Rent e con la propria rete di dealer. Il programma è il primo servizio nazionale di car-sharing al mondo basato sul coinvolgimento della rete di concessionarie.

Il servizio Ford Carsharing copre già 55 città tedesche. Previa registrazione presso un dealer Ford, i clienti possono prenotare tramite app, sito web o telefono, un veicolo Ford dalla Ka al Transit, nonché uno dei 3.600 veicoli della flotta di car-sharing di Flinkster.

“Questi progetti di ricerca sottolineano quanto l’impegno di Ford nel produrre innovazione e guidare il progresso vada ben oltre la produzione di veicoli”, ha dichiarato Erica Klampfl, Global Future Mobility Manager di Ford. “Investiamo in ricerca, tecnologia e partnership per lo sviluppo di nuovi modelli di business in grado di offrire soluzioni di trasporto sicure, efficienti e accessibili, e che allo stesso tempo riescano efficacemente a ridurre le emissioni, le congestioni e la durata dei propri spostamenti quotidiani”.

 

Veicoli a guida autonoma

Al Consumer Electronics Show, Ford ha ribadito l’importanza dei veicoli a guida autonoma, che in futuro saranno una realtà.

“Già oggi produciamo e vendiamo veicoli che automatizzano alcune operazioni, come il parcheggio, la regolazione della velocità e le frenate d’emergenza grazie a sofisticati software e a speciali sensori”, ha dichiarato , Chief Technical Officer e Vice Presidente Sviluppo Prodotti di Ford. “In futuro ci sarà un veicolo Ford a guida autonoma, e stiamo lavorando in quest’area di ricerca con grande impegno”.

L’elenco dei sistemi di assistenza alla guida Ford disponibili già oggi include il monitoraggio e il mantenimento della corsia di marcia (Lane-Keeping Aid), il controllo adattivo della velocità di crociera (Adaptive Cruise Control), la frenata automatica con assistenza pre-collisione e riconoscimento dei pedoni (Pre-Collision Assist with Pedestrian Detection), il sistema semiautomatico di parcheggio (Active Park Assist), il riconoscimento dei segnali stradali (Traffic Sign Recognition), i sensori luce e pioggia per fari e tergicristalli automatici. Nel prossimo futuro arriverà a bordo delle auto Ford anche l’assistenza alla guida nel traffico (Traffic Jam Assist).

E’ in avanzata fase di test su strada il prototipo di una speciale Ford Fusion Hybrid (la gemella americana della nuova Mondeo Hybrid), a guida completamente automatica.

Il prototipo si avvale di tecnologie già disponibili oggi, con l’aggiunta di 4 sensori LiDAR che generano in tempo reale una mappa 3D dell’ambiente circostante. Il veicolo è in grado di riconoscere la presenza di oggetti e pedoni, e di prevedere i pattern di spostamento di questi ultimi tramite sofisticati algoritmi.

“La nostra priorità non è fare annunci di marketing o competere per essere i primi costruttori a vendere un’auto a guida completamente autonoma”, ha aggiunto Fields.

“La nostra priorità sarà realizzare un veicolo a guida autonoma Ford accessibile al grande pubblico e in grado di cambiare davvero in meglio la vita dei nostri clienti”.

“Henry Ford ci ha insegnato che una buona azienda realizza prodotti eccellenti e ne trae profitto, mentre un’ottima azienda fa tutto ciò, ma contemporaneamente crea anche un mondo migliore”, ha concluso Fields. “E’ questo lo spirito che ancora oggi ci guida”.

 

* Statistica condotta a luglio/agosto 2012 su un campione di 6.028 guidatori in Italia, Danimarca, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna.

** E. Martin, S. Shaheen, J. Lidicker, “The Impact of Carsharing on Household Vehicle Holdings: Results from a North American Shared-Use Vehicle Survey.” Transportation Research Record, 2010.

*** “Clean Transport, Urban Transport”: http://ec.europa.eu/transport/themes/urban/urban_mobility/index_en.htm

 

.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Barb Samardzich ces las vegas Consumer Electronics Show ford smart mobility plan Mark Fields Raj Nair

Lascia una risposta

 
Pinterest