Ford Fusion: benzina, ibrida e ricaricabile

2013 Ford Fusion

10 gen, 2012

Nuova ancora più tecnologica ed efficiente con tre motorizzazioni: benzina, ibrida e ricaricabile

La nuova Ford Fusion è la prima berlina disponibile nelle versioni benzina, ibrida e ibrida ricaricabile, ciascuna destinata a diventare leader nel suo segmento per risparmio di carburante, offrendo ai clienti un’ampia varietà di scelta

Con una dotazione ricca di tecnologie, tra cui il sistema di mantenimento della corsia, il controllo adattivo della velocità, il sistema di parcheggio semiautomatico e MyFord Touch®, la nuova Fusion è la perfetta dimostrazione di come Ford sappia offrire caratteristiche di autentico valore e interesse per i clienti

La gamma di motorizzazioni non è mai stata così ampia con la tecnologia EcoBoostTM, i motori ibridi e ibridi ricaricabili, le trasmissioni automatiche o manuali e la tecnologia Start&Stop

Presentata in Nord America per il segmento delle berline medie, la nuova Fusion preannuncia l’avvento sui mercati mondiali della Ford Mondeo di nuova generazione

Fonte: Ford

Roma, 9 gennaio 2012 – La nuova Fusion si fa portavoce della più moderna generazione di vetture Ford caratterizzate da una maggiore espressività. È la prima berlina ad offrire motorizzazioni a benzina, ibride e ibride ricaricabili, ciascuna pensata per garantire un risparmio di carburante imbattibile e un’esperienza di guida entusiasmante.

Con il suo profilo elegante e il frontale ridisegnato, la nuova Fusion si allinea alla compatta Fiesta 2011 e alla gamma Focus 2012, che insieme costituiscono un pool di vetture appositamente concepite per soddisfare i clienti di tutto il mondo offrendo loro livelli eccezionali di risparmio carburante, tecnologie di ultima generazione e un look rivoluzionario.

“Progettando la Fusion avevamo in mente un obiettivo chiaro: creare una sintesi perfetta di tutto il meglio che la strategia One Ford rappresenta”, ha dichiarato , Vice Presidente del gruppo per la divisione Sviluppo prodotti globali. “Abbiamo attivato una collaborazione fra i nostri team globali chiedendo loro di ripartire da zero per sviluppare una vettura di taglia media che avesse un design di assoluta avanguardia e un risparmio di carburante mai visto prima, una vettura insomma capace di aiutare gli automobilisti a viaggiare meglio e più sicuri. E il risultato è la nuova Fusion”.

La Fusion è stata presentata in Nord America nelle versioni S, SE e Titanium (top della gamma), anticipando l’arrivo della nuova Ford Mondeo sui mercati di tutto il mondo.

Tre motorizzazioni per un eccezionale risparmio di carburante La nuova Fusion è stata progettata per conquistare il primato nel suo segmento in termini di risparmio carburante sia con le motorizzazioni a benzina che con quelle ibride e ibride ricaricabili, realizzando l’obiettivo di Ford che punta ad essere leader, o fra i leader, per efficienza dei consumi con ogni nuovo prodotto immesso sul mercato.

La varietà di motorizzazioni efficienti disponibile a bordo della nuova Fusion è la più ampia nel segmento delle vetture medie. La gamma comprende versioni ibride e ibride ricaricabili, due motori EcoBoostTM a quattro cilindri, un motore ad aspirazione anch’esso con quattro cilindri, il sistema Start&Stop automatico, trazione sia anteriore che integrale e trasmissioni a sei rapporti con cambio manuale o automatico a scelta.

Per il motore EcoBoost da 1,6 litri sono previsti consumi pari a 26 mpg in città e 37 mpg in autostrada, i più bassi nel segmento delle motorizzazioni a quattro cilindri non ibride. Per chi ama le prestazioni, il top della gamma è la versione dell’EcoBoost da 2,0 litri equipaggiata con trasmissione a sei rapporti SelectShift AutomaticTM, ruote e pneumatici da 19″ e trazione integrale con possibilità di trasmettere coppia aggiuntiva al posteriore.

La Fusion Ibrida, auto dell’anno 2010 in Nord America, continua ad evolversi con tecnologie innovative, come le batterie agli ioni di litio che sono più leggere e generano maggiore potenza delle precedenti versioni a idruro di nichel-metallo, consentendo di aumentare la velocità da 47 a 62 mph quando si utilizza esclusivamente l’alimentazione elettrica.

Inoltre, la Fusion Ibrida è equipaggiata con il nuovo motore benzina da 2,0 litri con quattro cilindri a ciclo Atkinson, che ha una cilindrata sensibilmente ridotta rispetto all’unità da 2,5 litri pur mantenendo gli stessi standard di prestazione. Per questo motore innovativo sono previsti consumi pari a 47 mpg in città e 44 mpg in autostrada, i più bassi nel suo segmento.

Il risparmio di carburante conseguito con la Fusion Ibrida dovrebbe superare la Toyota Camry Hybrid di 4 mpg in città e 5 mpg in autostrada e la Hyundai Sonata Hybrid 2011 di 12 e 4 mpg rispettivamente per gli stessi parametri.

Il massimo dell’efficienza in termini di consumi è offerto dalla versione ibrida ricaricabile Fusion Energi, progettata per conseguire il primato mondiale per risparmio di carburante nel segmento delle medie. Il lancio della Fusion Energi è previsto in autunno e, secondo le stime, questa vettura dovrebbe superare i 100 MPGe, una misura di equivalenza al miglio per gallone che si riferisce alle auto elettriche. Un simile risultato oltrepassa di 8 MPGe la Chevrolet Volt e con 13 MPGe batte anche i livelli di efficienza stimati per il modello ibrido ricaricabile della Toyota Prius.

La nuova Fusion da 1,6 litri è la prima vettura Ford a trasmissione automatica disponibile con sistema Start&Stop. Questa tecnologia spegne automaticamente il motore quando la vettura si ferma e lo riavvia senza il minimo disagio non appena il conducente rilascia il pedale del freno.
Grazie a questo sistema, la Fusion riduce del 3,5% circa i consumi di carburante e le emissioni.

Ford Fusion: una vera compagna di strada
La nuova Fusion offre una gamma senza precedenti di tecnologie che coadiuvano il conducente e semplificano le manovre di guida grazie all’ausilio di sensori, telecamere e radar con cui la vettura rileva le condizioni dell’ambiente circostante e reagisce di conseguenza.

Con i suoi dispositivi, la Fusion aiuta il conducente a mantenere la corsia, regolare la velocità di crociera in base alle diverse condizioni del traffico, identificare spazi idonei ed eseguire le manovre di parcheggio e persino uscire in retromarcia da un posteggio quando la visuale è ostruita. Le tecnologie disponibili comprendono:

  • Sistema di mantenimento della corsia: questa tecnologia unica nel segmento consiste di tre elementi che aiutano il conducente a mantenere la corsia di percorrenza. Utilizzando una piccola telecamera installata dietro il retrovisore interno, il sistema “osserva” la strada di fronte alla vettura e monitora i segni di demarcazione per verificare che il conducente resti in carreggiata. Se rileva comportamenti che possono suggerire sonnolenza o manovre anomale, avverte il conducente. Il secondo elemento del sistema interviene attivando una vibrazione dello sterzo quando la Fusion si avvicina eccessivamente alle linee di demarcazione. Infine, il dispositivo di mantenimento della corsia applica una pressione sul volante per riportare più agevolmente la vettura al centro della carreggiata.
  • Sistema di controllo adattivo della velocità: se attivata, questa tecnologia si avvale di un radar puntato nel senso di marcia per monitorare la strada davanti alla vettura e riduce la velocità quando rileva un rallentamento del traffico antistante. Inoltre, emette un segnale se identifica un pericolo di collisione e contribuisce a rallentare la vettura con il sistema di assistenza alla frenata.
  • Sistema di parcheggio semiautomatico: con l’ausilio di appositi sensori, il sistema rileva la presenza di aree sufficientemente ampie, calcola la traiettoria e ruota lo sterzo per impostare il parcheggio nello spazio disponibile. Il conducente non deve fare altro che premere i pedali dell’acceleratore e del freno,
  • Sistema rilevamento veicoli nella zona d’ombra (BLIS®): i sensori posizionati su entrambi i lati della Fusion rilevano la presenza di altre vetture nella zona d’ombra del veicolo e avvertono il conducente con segnali visivi e sonori.

Il potere della voce
A bordo della nuova Fusion è disponibile l’ultimissima versione dell’esclusivo e pluripremiato sistema di comunicazione e intrattenimento SYNC® a comando vocale che integra i dispositivi mobili dei clienti con l’impianto audio della vettura.

La gamma Fusion offre inoltre l’ultima versione di MyFord Touch®, che permette al conducente di interagire con i sistemi di bordo con i comandi vocali, sfiorando il touch screen o premendo un tradizionale pulsante.

I sistemi SYNC e MyFord Touch (basato su SYNC) contribuiscono a limitare le distrazioni grazie ai comandi vocali che permettono di utilizzare le funzionalità della vettura tenendo entrambe le mani sul volante e gli occhi sulla strada.

Un design completamente rinnovato

“La versione precedente della Fusion aveva un look familiare al quale i clienti si accostavano con facilità”, ha dichiarato , Chief Exterior Designer del nuovo modello. “Questa volta, invece, il nostro obiettivo era offrire all’acquirente medio del segmento un’estetica di grande raffinatezza, capace di stuzzicare anche il lato emozionale di tutti quei clienti che scelgono una Fusion per motivi pratici”.

Il team addetto al design ha lavorato su cinque elementi principali:

  • Silhouette innovativa: il profilo sinuoso della Fusion differenzia nettamente questa vettura dalle classiche berline medi con il loro design a tre blocchi, cofano-abitacolo-bagagliaio.
  • Aerodinamicità evidente: le linee caratterizzanti che si allungano verso il retro e la configurazione del tetto conferiscono alla vettura un’assoluta agilità
  • Raffinatezza delle superfici: la Fusion dimostra che un design sofisticato e sapientemente eseguito non ha bisogno di elementi complessi
  • Grafica d’ispirazione tecnica: gli elementi funzionali come i fari anteriori, i fanali di coda a LED e i terminali di scarico comunicano immediatamente l’alto valore tecnologico della vettura
  • Un nuovo frontale: la Fusion si fa portavoce del nuovo linguaggio stilistico globale che Ford sta adottando per le proprie vetture

Gli interni della nuova Fusion hanno un appeal sportivo e sono stati progettati con particolare attenzione per il conducente. I sedili di nuova generazione offrono livelli più elevati di funzionalità.
Anche la console centrale è stata riprogettata con un’altezza maggiore per soddisfare meglio le esigenze del conducente e inserire vani portaoggetti intelligentemente studiati per avere tutto a portata di mano.

Lo spazio a disposizione del passeggero è stato aumentato spostando il cruscotto verso il parabrezza, accorgimento che ha il pregio ulteriore di rendere più arioso e aperto l’abitacolo. Telai più sottili e leggeri sostengono i confortevoli sedili di nuova generazione rivestiti con tessuti derivati da materiale sostenibile riciclato.

Dinamismo e cura per i dettagli: la qualità non è un optional La sensazione di qualità che il look della Fusion trasmette diventa tangibile grazie all’uso particolare dei materiali, a livelli di fattura eccezionali e all’estrema cura per i dettagli.

Le superfici degli interni sono più morbide al tatto e le aree di transizione con gli esterni sono state ridotte al minimo, mettendo particolare cura nel rivestire ogni bordo e superficie. All’apertura del portellone posteriore, ad esempio, un’apposita copertura a molla nasconde automaticamente i meccanismi di chiusura del portabagagli.

“Il duplice obiettivo che ci siamo posti con la nuova Fusion era quello di realizzare una vettura che fosse l’autentica incarnazione della qualità, tanto nel look quanto nell’esperienza di guida offerta ai clienti”, ha osservato , Ingegnere Capo del programma Fusion.

Per raggiungere questo scopo è stato fondamentale il lavoro sui livelli di tenuta e andatura che ottimizzano la dinamica di guida.

“È una vettura progettata in funzione del conducente”, ha commentato , Responsabile del programma. “Guidare la Fusion non è mai stato così piacevole, grazie ad un servosterzo elettrico (EPAS) appositamente calibrato, sospensioni anteriori con montanti MacPherson e nuovissime sospensioni posteriori multilink di alta qualità, paragonabili a quelle di una Audi o una BMW”.

Il meticoloso lavoro di perfezionamento eseguito dal team Ford addetto alle funzionalità di andatura e tenuta ha dato i suoi frutti: la nuova Fusion vanta una dinamica di guida che sa farsi apprezzare dagli appassionati e dà sicurezza agli automobilisti meno esperti.

Con l’impiego di schermi isolanti a protezione del sottoscocca e materiali fonoassorbenti leggeri, l’abitacolo della Fusion è particolarmente silenzioso. Queste dotazioni riducono al minimo il rumore della strada e del motore contribuendo a migliorare l’efficienza aerodinamica, che a sua volta si traduce in risparmio di carburante. Il nuovo modello vanta inoltre una serie di caratteristiche, come la guarnizione perimetrale del cofano, che ne fanno un punto di riferimento assoluto nel segmento delle berline medie per chi desidera un’esperienza di guida silenziosa.

Anche la Fusion Ibrida e Fusion Energi sono equipaggiate con il sistema di controllo attivo della rumorosità, che utilizza l’impianto audio per mitigare il frastuono proveniente dalla strada accentuando i suoni del motore.

Resistenza e sicurezza
La nuova Fusion è stata progettata per garantire ai clienti il massimo della sicurezza. Gli ingegneri hanno incrementato del 10% la robustezza della scocca, utilizzando acciai ad alta resistenza come il boro, e hanno installato doppi airbag per le ginocchia nella prima fila ed airbag anteriori adattivi che vengono gonfiati e tensionati in base alla corporatura, alla posizione e all’uso della cintura del passeggero.

Il team Fusion addetto alla sicurezza ha lavorato in base agli standard più severi in materia adottati da enti del settore, ad esempio le valutazioni della National Highway Traffic Safety Administration, i Top Safety Pick dell’Insurance Institute for Highway Safety e altri standard di rilievo nei mercati globali dove questa vettura sarà commercializzata.

L’esempio più tangibile è l’architettura frontale della Fusion, che deve adattarsi simultaneamente a norme diverse vigenti nelle diverse regioni. La sezione anteriore, infatti, è progettata in modo tale da conformarsi agli standard del Nord America in materia di urto nonché agli standard europei per la protezione dei pedoni. Il tutto grazie a lunghe ore di modellizzazione computerizzata e 180 crash test di validazione.

La Fusion verrà prodotta nello stabilimento di Hermosillo, in Messico, al quale si aggiungerà presto anche l’AutoAlliance International Plant di Flat Rock, nel Michigan. La nuova vettura sarà disponibile negli showroom Ford in Nord e Sud America nei prossimi mesi dell’anno. La Mondeo, invece, sarà commercializzata il prossimo anno in Asia e in Europa.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Adrian Whittle Chris Hamilton Derrick Kuzak Ford fusion John Jraiche

Lascia una risposta

 
Pinterest