Dalla Puglia, biogas per tutto il Mediterraneo

Dalla Puglia, biogas per tutto il Mediterraneo

18 ott, 2013

Rinnovabili: dalla Puglia un laboratorio del fatto bene per tutto il Mediterraneo
Il intende promuovere nella regione un laboratorio del “Biogas fatto bene” da esportare in tutta l’area mediterranea
 Venerdì 18 ad un convegno con la partecipazione di imprenditori, ricercatori e della Regione.

Fonte: Consorzio Italiano Biogas

Bari, Italia. 15 Ottobre 2013. Il numero di impianti a biogas installati in Puglia rimane ancora basso, solo l’1 per cento sul totale nazionale, eppure l’agricoltura pugliese, e in generale quella mediterranea, si presterebbe maggiormente all’utilizzo di questa fonte rinnovabile che, partendo dall’utilizzo di sottoprodotti agroindustriali e colture di integrazione,  può  incidere favorevolmente sul reddito delle imprese e migliorare l’impatto ambientale dell’attività agricola.

Il biogas come risorsa oltre la produzione di energia è il tema che il Cib, Consorzio Italiano Biogas, che rappresenta a livello nazionale il settore del biogas da digestione anaerobica in agro zootecnia, discuterà ad Agrilevante, venerdì 18 ottobre nella sala Olmo (pad. 10) a partire dalle 14,30, con la partecipazione di imprenditori, ricercatori. Chiuderanno i lavori gli assessori regionali all’agricoltura e all’ambiente e .

«Il biogas – spiega , presidente del Cib – se integrato in un’azienda agricola rappresenta una grande opportunità per differenziare e rafforzare l’attività tradizionale, che subisce pesantemente gli effetti della crisi. La digestione anaerobica permette di migliorare la sostenibilità e le competitività delle aziende perché consente di produrre energia da una fonte rinnovabile e consente, allo stesso tempo, di ridurre i costi di fertilizzazione, diversifica gli sbocchi di mercato e rafforza le capacità di credito delle aziende agricole».

In Puglia ad oggi si contano soltanto poche unità di impianti agricoli, che si aggira attorno all’un per cento dei circa mille impianti presenti in Italia. La potenza media di ciascun impianto è di circa 700 kW per una potenza installata di 6,3 MW.

«Partendo dall’esperienza già sviluppata in altri territori del nostro Paese – conclude Gattoni – possiamo lavorare con il mondo della ricerca, l’industria tecnologica e della meccanizzazione agraria, le imprese agricole  e le Istituzioni per promuovere in Puglia un modello del “biogas fatto bene” da esportare in tutta l’area Mediterranea».

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Agrilevante biogas biometano consorzio italiano biogas Fabrizio Nardoni Lorenzo Nicastro Piero Gattoni

Lascia una risposta

 
Pinterest