Completato il progetto eMERGE in Germania

Completato il progetto eMERGE in Germania

3 ago, 2015

Contributo fondamentale di allo sviluppo della mobilità del futuro

Completato il progetto di prova nel mondo reale diffuso da eMERGE

Addatto soprattutto per distanze giornaliere di 50 km e finanziariamente attraente sulle e-car

Progetto flotta eMERGE2 ora lancianto con 200 Mercedes-Benz Classe B Electric Drive e modelli ibridi plug-in

Fonte: Daimler AG

 

Stoccarda e Berlino, Germania. 30 Luglio 2015. Dopo più di un milione di chilometri in due anni – da maggio 2013 al giugno 2015 – il processo ci conoscenza del comportamento delle auto elettriche nel mondo reale è stato completato. I partecipanti al progetto sono stati clienti privati ​​e commerciali con 146 vetture Smart fortwo electric drive da Berlino, Potsdam e del Nord Reno-Westfalia. Alcuni di loro hanno fissato dei record: il più basso consumo energetico medio in un anno è stato di 10,4 kWh/100 km, mentre l’autonomia più lunga è stata di 161 km. La smart fortwo electric drive è certificato con un consumo di 16,3 kWh/100 km e una gamma di 145 chilometri.

I test di eMERGE svolti su ampia base nel quadro del progetto non solo ha fornito informazioni sul comportamento degli utenti e della tecnologia e-car; ma ha anche studiato sistemi di ricarica intelligente per migliorare l’utilizzo del sistema di alimentazione, così come diversi sistemi di tariffazione per quanto riguarda l’accettazione del cliente.

Sulla base di modelli di trasporto, i partner del progetto hanno esaminato la necessità di una tariffazione delle infrastrutture a disposizione del pubblico. Nell’ambito del progetto Daimler è stata responsabile per la raccolta della guida e dei dati necessari per la valutazione della prova di ricarica sul campo. Dati come tempo di ricarica e frequenza di ricarica sono stati raccolti in modo anonimi e scientificamente valutati; oltre le interviste regolari con i partecipanti.

“I partecipanti al progetto di ricerca eMERGE hanno dato un contributo fondamentale per la mobilità del futuro. Con le loro aiuto, abbiamo scientificamente studiato l’uso dei clienti del mondo reale di auto elettriche e così ottenuto dati preziosi per aiutarci a sviluppare le auto elettriche future”, afferma , responsabile dello sviluppo Electrics / Elettronica & E-Drive Mercedes-Benz Cars.

“Sempre più spesso i sistemi di batterie a basso costo ci permetterà di offrire ai nostri clienti prezzi sempre più interessanti in futuro. Tuttavia, sosteniamo che un sistema interessante di incentivi sia in ​​grado di dare un rapido impulso alla mobilità elettrica. Daimler offre già la flotta più diversificata del mondo di veicoli elettrici e ibridi e sta continuando ad investire pesantemente nello sviluppo di sistemi di propulsione alternativi”.

Accanto all’iniziativa Mercedes-Benz plug-in ibrida, che prevede un totale di dieci modelli entro il 2017, l’azienda sta progettando anche tutti i veicoli elettrici alimentati da una cella a combustibile.

In occasione della manifestazione di chiusura , Sottosegretario di Stato parlamentare presso il Ministero federale dei Trasporti e delle Infrastrutture digitale (BMVI), ha sottolineato:

“Il governo federale è coinvolto nel progetto della flotta eMERGE con un sostegno finanziario di circa 6,5 ​​milioni di euro . Siamo lieti di sostenere attivamente lo sviluppo del mercato della mobilità elettrica.

Abbiamo bisogno di un’ampia gamma di veicoli elettrici sul mercato per incentivare il loro uso nelle flotte pubbliche e private. BMVI è pronta a dare il buon esempio. “

 

Studio eMERGE: auto elettriche finanziariamente attraenti da 50 km al giorno

Il sostenitore tipico della mobilità elettrica è educato e tech-savvy con un reddito superiore alla media – secondo un’analisi del target group del progetto eMERGE.

I ricercatori hanno anche fatto alcune scoperte interessanti circa le persone che rifiutano la mobilità elettrica: meno di un intervistato sapeva della mobilità elettrica, il più negativo era loro parere.

Un altro risultato dello studio: il prezzo di acquisto è un criterio chiave pro o contro una macchina elettrica. D’altra parte, gli intervistati erano spesso inconsapevoli del risparmio dei consumi. Il gruppo target ideale per lo studio si è rivelato essere i pendolari che guidano una distanza giornaliera pari o superiore a 50 km, perché questo fa dell’acquisto di un’auto elettrica finanziariamente attraente a causa dei costi di esercizio e di manutenzione.

Gli intervistati hanno anche associato una gran importanza all’autonomia, le prestazioni, lo spazio e il tempo di ricarica. Dallo studio è emerso che la decisione a favore di un auto elettrica è scesa principalmente a ragioni di immagine, considerando che la consapevolezza ambientale personale è stata di minore importanza. D’altro canto, si è constatato che la decisione di acquisto è stata positivamente influenzata dall’accesso a un’infrastruttura di ricarica pubblica.

 

I risultati relativi al processo di ricarica

Nel quadro di eMERGE la guida ed i profili di carica di potenziali utenti sono stati analizzati e la corrispondente domanda è stata identificata. Secondo questo circa un quarto delle infrastrutture di ricarica è probabile che siano richieste nei luoghi pubblici, con oltre la metà ad essere necessarie in luoghi semi-pubblici come centri commerciali o strutture per il tempo libero.

Un altro importante risultato: la domanda di ricarica notturna è ciò che determina la domanda complessiva delle infrastrutture, perché vi è generalmente una sola carica notturna per punto di ricarica, considerando che diverse spese sono possibili durante il giorno.

Un ulteriore obiettivo della ricerca è stato quello di testare il Plug & Charge tra i partecipanti con un proprio impianto fotovoltaico. Plug & Charge significa che la carica automaticamente si avvia senza la necessità di ulteriore identificazione. Una ricarica intelligente RWE del tipo scatola a muro ha permesso di essere ulteriormente sviluppata. I partecipanti a eMERGE sono stati in grado di adattare la loro strategia di ricarica, come la tariffazione della loro smart fortwo electric drive esattamente quando la potenza sufficiente era disponibile da fonti energetiche rinnovabili – in questo caso dal proprio sistema solare. Ciò consente agli utenti di caricare in modo conveniente, intelligente e attento all’ambiente.

 

Progetto flotta con 200 veicoli Mercedes-Benz: eMERGE2

eMERGE sarà seguito direttamente da eMERGE2, che vedrà fino a 200 vetture in uso nelle regioni modello di Berlino / Potsdam, Stoccarda, Reno-Ruhr e Reno-Meno. Il parco veicoli sarà costituito dall’elettrica Mercedes Classe B 250 E e dalle ibride plug-in di Mercedes-Benz. Le diverse tecnologie ed i diversi segmento di veicoli indicano diversi motivi per l’uso rispetto il caso della smart fortwo electric drive. L’inclusione di ibridi plug-in consente ai partner del progetto di studiare le modalità di utilizzo di un ulteriore gruppo di clienti e confrontarli con quelli dei clienti con veicoli completamente elettrici. In questo modo, i risultati di uso dei clienti del mondo reale in eMERGE2 possono, a loro volta, essere messe in comune con altri dati empirici – come da prove di resistenza – ed essere incorporati nello sviluppo di trasmissioni e dei sistemi elettrici.

 

Cosa è eMERGE

Derivato da ” Electric Mobility Model Regions “, eMERGE impiega un approccio olistico. L’uso, la ricarica ed il marketing dei modelli di mobilità elettrica sono valutati e ulteriormente sviluppati sulla base di dati reali dei clienti dalle regioni Reno-Ruhr e Berlino. Questo ha lo scopo di promuovere l’innovazione in auto elettriche e di vincere l’accettazione di modelli di business. L’obiettivo è il successo di mercato a lungo termine dei veicoli elettrici. eMERGE ha sette partner di cooperazione: Daimler AG, Fraunhofer Institute per Open Communication Systems (FOKUS), PTV AG, RWE Effizienz GmbH, RWTH Aachen University (cattedra di Management Accounting), TU Berlin (Facoltà di Economia e politica delle infrastrutture / WIP) e l’Università di Siegen (Cattedra di Marketing). eMERGE è promosso dal Ministero federale tedesco dei Trasporti e delle Infrastrutture Digital (BMVI) nell’ambito delle regioni modello per la mobilità elettrica.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: emerge Harald Kröger Norbert Barthle

Lascia una risposta

 
Pinterest