Citroën Concept C4 Cactus Airflow 2L

Citroën Concept C4 Cactus Airflow 2L

6 ott, 2014

: solo 2 litri per 100 km

Fonte: Citroën Italia

 

Parigi, Francia. 18 settembre 2014. Concentrazione urbana, esigenze ambientali, pressione economica: oggi il consumo di carburante è la preoccupazione principale dei clienti. La Marca Citroën, fedele al proprio DNA, mette tutta la creatività e la tecnologia a servizio di questa nuova sfida, e al Salone di Parigi rivela il concept C4 Cactus AIRFLOW 2L.

Il concept C4 Cactus AIRFLOW 2L, vero laboratorio creativo, è un concentrato di tecnologie e di know-how che dimostrano la volontà e la capacità di Citroën di innovare, per soddisfare le esigenze automobilistiche di oggi e di domani.

Con il concept C4 Cactus AIRFLOW 2L, Citroën propone un veicolo dal consumo di 2l/100 km. Consumi che segnano una svolta e si ottengono con:

- l’ottimizzazione del design con un miglioramento aerodinamico del 20%,

- la riduzione della resistenza al rotolamento (pneumatici Tall&Narrow)

- l’alleggerimento, per ridurre la massa globale della vettura di 100 kg

- l’introduzione della tecnologia Hybrid Air, per un un risparmio del 30% sui consumi.

 

Come nasce il concept C4 Cactus AIRFLOW 2L

Il progetto C4 Cactus AIRFLOW 2L è stato inserito nel programma Véhicule 2l/100km della Plateforme de la Filière Automobile*, il cui obiettivo è trovare soluzioni concrete per ridurre i costi di utilizzo dell’auto e ridurre l’impronta ecologica causata dagli spostamenti.

 

*Plateforme de la Filière Automobile : organizzazione che riunisce costruttori, produttori di equipaggiamenti e fornitori francesi, per potenziare la filiera francese dell’auto.

 

Citroën sviluppa questo progetto a partire dal nuovo modello C4 Cactus. Con questo veicolo, Citroën ha scelto di offrire più di ciò che conta realmente per i clienti di oggi: più design, più comfort e più tecnologie utili, con un budget controllato. Più di ogni altro veicolo, C4 Cactus si presta a un programma particolarmente ambizioso: immaginare un concept tecnologico dal consumo bassissimo, ma efficiente e affascinante.

 

Il Concept Citroën C4 Cactus AIRFLOW 2L:

Design minimale, linee guida tecnologiche a servizio dell’ottimizzazione della massa, motori efficienti: Citroën C4 Cactus di serie dispone già di ottime strategie per ridurre il consumo.

Con il concept C4 Cactus AIRFLOW 2L, Citroën va ancora oltre.

 

1. Silhouette ottimizzata per l’aerodinamica

Il design unico di Citroën C4 Cactus unisce estetica e funzionalità, abbinando volumi fluidi ed elementi grafici distintivi a servizio della praticità (protezione con gli Airbump e i passaruota; trasporto di oggetti con gli archi del tetto; luminosità con il grande tetto panoramico in vetro).

Sul concept C4 Cactus AIRFLOW 2L, il perfezionamento dell’aerodinamica rispetto al modello di serie ha portato alla modifica o all’aggiunta di alcuni elementi stilistici:

° Elementi di stile a geometria variabile:

- Il nuovo paraurti anteriore dispone di tre entrate dell’aria pilotate che si azionano in base all’utilizzo del veicolo, per raggiungere un’apertura ottimale, sia per il raffreddamento del motore che per il deflusso dell’aria.

- I deflettori laterali mobili sono stati aggiunti in fondo alla fiancata posteriore per convogliare meglio il flusso d’aria intorno al veicolo.

- I cerchi hanno dischi mobili azionati e pilotati dalla forza centrifuga.

° Elementi di stile a geometria fissa:

- I pneumatici scelti, di ultimissima generazione, sono chiamati Tall&Narrow 19”. Sono molto stretti ma di grande diametro, e migliorano il rendimento energetico del veicolo grazie alla “ultra” bassa resistenza al rotolamento (WBRR) e a una migliore aerodinamica. Contribuiscono anche al comfort grazie al grande diametro che assorbe meglio le irregolarità della strada.

- Nel passaruota è stata integrata una tendina d’aria “Air Curtain”. Piccole fenditure verticali aerodinamiche alle estremità del paraurti anteriore convogliano il flusso d’aria lungo le ruote e ottimizzano la circolazione.

- Lo spoiler è stato allungato, ed è stato inserito un estrattore dell’aria a livello del paraurti posteriore per guidare meglio il flusso d’aria intorno a C4 Cactus AIRFLOW 2L e diminuire le turbolenze che incidono sulla deportanza del veicolo.

- I retrovisori tradizionali sono stati sostituiti da telecamere posteriori, più piccole e sottili, per ridurre l’impatto sulla circolazione del flusso d’aria.

- Il sottoscocca è interamente carenato. Permette una perfetta circolazione del flusso, evitando le turbolenze causate dagli organi sotto al veicolo.

- Infine, un modulo con proiettori anteriori e posteriori a LED sostituisce quello precedente. Il basso assorbimento elettrico permette di risparmiare energia e quindi carburante.

Queste evoluzioni si identificano per i colori e i materiali utilizzati: il colore arancione identifica tutti gli elementi aerodinamici e potenzia il carattere tecnologico del concept C4 Cactus AIRFLOW 2L.

Queste modifiche definiscono un design forte, in cui gli elementi di stile sono a servizio dell’aerodinamica della vettura. Riducono il coefficiente di penetrazione nell’aria e la deportanza del veicolo, per un risparmio aerodinamico complessivo del 20%, rispetto al modello di serie.

 

2. Materiali innovativi a servizio dell’alleggerimento

Ai 200 kg già ridotti su C4 Cactus di serie rispetto alla massa di Citroën C4, il concept C4 Cactus AIRFLOW 2L recupera altri 100 kg (catena di trazione compresa).

Alleggerimento dei pezzi strutturali: il sottoscocca del concept C4 Cactus AIRFLOW 2L prevede nuovi materiali:

- alluminio, in particolare per la paratia superiore, i longheroni interni e il pianale posteriore,

- acciai ad alto limite elastico per i longheroni anteriori o il pianale del pavimento,

- materiali compositi per il pianale anteriore.

Questi nuovi materiali sono strutturali. Contribuiscono all’assorbimento dell’energia in caso d’urto e rispettano i requisiti più severi in materia di tenuta meccanica.

Questa struttura del sottoscocca con materiali diversi ha portato al perfezionamento di particolari tecniche di assemblaggio, inedite nel settore delle auto. Un vero laboratorio esplorativo: le parti in materiale composito sono un elemento fondamentale per alleggerire i veicoli del futuro. La loro produzione su larga scala è oggi una delle sfide tecnologiche e industriali da affrontare nel settore.

Oltre alle parti strutturali, è tutto l’insieme dei componenti che viene studiato per ridurre la massa del concept C4 Cactus AIRFLOW 2L.

Sono stati selezionati materiali leggeri e performanti:

- Materiali compositi a base di carbonio sono utilizzati per le molle della sospensione, il portellone posteriore, i sedili posteriori, le fiancate, il tetto, le traverse del tetto, i parafanghi e le porte. Per la soglia del sottoscocca, i passaruota o la parte inferiore del paraurti anteriore, la “goffratura” del carbonio sottolinea l’aspetto mat e valorizza il contrasto con il colore perlato delle parti vicine.

- L’alluminio è utilizzato per l’arcata del motore. Il cofano mantiene la definizione di C4 Cactus di serie, già in alluminio.

Con una densità ampiamente inferiore (dell’ordine di 2700 kg/m3 per l’alluminio e di circa 1200 kg/m3 per il carbonio contro 7800 kg/m3 per l’acciaio), l’utilizzo di questi materiali contribuisce in modo considerevole alla riduzione della massa finale del veicolo.

Dal momento che ogni singolo grammo è importante, Citroën ha scelto di utilizzare anche:

- nuovi processi per ridurre gli spessori dei tubi e delle coppelle della linea di scarico, e quindi di ridurre la massa;

- policarbonato traslucido per il tetto panoramico in vetro: un materiale ancora più leggero del vetro multistrato, con le stesse proprietà di isolamento termico, acustico, e di filtraggio dei raggi ultravioletti;

- fibre di carbonio sugli Airbump® per alleggerire il materiale mantenendone la caratteristiche tecniche.

 

3. Tecnologia Hybrid Air, consumi senza precedenti

Grazie a motori di ultimissima generazione e di bassa cilindrata, compatibili con le future normative Euro 6, Citroën C4 Cactus di serie vanta già consumi tra i migliori del segmento, con emissioni di CO2 a partire da 87g e consumi di soli 3,4l/100 km.

Il concept C4 Cactus AIRFLOW 2L fa ancora meglio, grazie alla catena di trazione Hybrid Air. Questa tecnologia, presentata dal Gruppo PSA PEUGEOT Citroën nel gennaio 2013 e al salone di Ginevra del 2013 su Citroën C3, si fonda sull’abbinamento di diversi organi o tecnologie ampiamente consolidati: una motorizzazione benzina 3 cilindri PureTech, un sistema di stoccaggio dell’energia sotto forma di aria compressa, un insieme composto da due pompe idrauliche e una trasmissione automatica, che utilizza un treno epicicloidale. L’insieme è pilotato da una centralina elettronica, che acquisisce le richieste del conducente per ottimizzare il dispendio di energia.

Sono possibili 3 modalità di funzionamento:

- Modalità Air (zero emissioni) in cui il motore ad aria compressa sostituisce il motore termico a benzina

- Modalità benzina, in cui funziona solo il motore termico

- Modalità combinata che unisce la potenza del motore termico alla potenza dell’aria compressa

I due serbatoi di aria compressa del concept C4 Cactus AIRFLOW 2L sono in materiale composito e posizionati sul lato posteriore del veicolo.

Il motore PureTech 82, già proposto sul veicolo di serie, è ottimizzato per adattarsi alla nuova catena di trazione ibrida. Le dispersioni per attrito, che costituiscono il 20% della potenza assorbita da un motore, sono state ridotte con l’utilizzo del rivestimento Diamond Like Carbon, l’alleggerimento dei pezzi in movimento e l’utilizzo di cuscinetti per lo scorrimento dei pezzi in rotazione. L’adozione di nuovi cuscinetti in polimeri e di un olio a bassa viscosità completa queste migliorie. Abbinata all’ottimizzazione della resa di combustione, il rendimento globale del motore è migliorato del 5%.

L’abbinamento del motore PureTech 82 con la tecnologia Hybrid Air sul concept C4 Cactus AIRFLOW 2L permette di ridurre il consumo di carburante del 30% e contribuisce ampiamente allo sviluppo di un veicolo che potrà vantare un consumo di 2l/100 km, con prestazioni dinamiche pari a quelle garantite dalla motorizzazione PureTech 110.

 

Concept C4 Cactus AIRFLOW 2L, solo 2l/100 km

La combinazione di queste innovazioni tecnologiche permette un consumo di 2l/100 km e rende possibile, a medio termine, questo obiettivo per un veicolo come C4 Cactus.

Questi consumi eccezionali sono il risultato:

- dell’ottimizzazione del design, con un miglioramento aerodinamico del 20%,

- della diminuzione della resistenza al rotolamento (pneumatici Tall&Narrow),

- dei lavori di alleggerimento che diminuiscono la massa globale della vettura di 100 kg,

- dell’introduzione della tecnologia Hybrid Air che porta a un risparmio del 30% sui consumi.

Il concept C4 Cactus AIRFLOW 2L è un concentrato di tecnologie e di know-how che dimostrano la volontà e la capacità di Citroën di innovare, per soddisfare le esigenze automobilistiche di oggi e di domani.

 

Caratteristiche tecniche

Massa a vuoto: 865 kg

Lunghezza: 4156 mm

Larghezza: 1729 mm

Altezza: 1487 mm

SCx : miglioramento del 20%

Catena di trazione Hybrid Air abbinata al motore PureTech 82 S&S

Pneumatici: Michelin 155/70/R19

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Citroën Concept C4 Cactus Airflow 2L mondial de l'automobile salone parigi

Lascia una risposta

 
Pinterest