CITROËN/ Al Salone dell’Agricoltura con C4 Bio Tech e C1 HDi 55

CITROËN/ Al Salone dell’Agricoltura con C4 Bio Tech e C1 HDi 55

1 mar, 2007

Fonte: Asa Press

Parigi (Francia). 1 marzo 2007. Protagonista di rilievo nella ricerca di tecnologie innovative, Citroën è impegnata da diversi anni nell’ambito della protezione dell’ambiente e del risparmio energetico, con una serie di soluzioni sostenibili ed efficaci.

Le microibride C2 e C3 Stop & Start, C3 Gas Metano, i motori Diesel HDi, il Filtro antiparticolato oppure, a breve, e anche, a medio termine, C4 Hybride HDi sono proposte che offrono allo stesso tempo un alto livello di protezione dell’ambiente e grande efficienza, a condizioni economiche accessibili al grande pubblico. In occasione del , Citroën espone due veicoli.

C4 Bio Tech, che sarà commercializzata in Francia dal mese di settembre, è un veicolo Flexfuel che può utilizzare un carburante benzina a tenore di variabile, da 0 a 85%. E poi C1 HDi 55, particolarmente sobria nei consumi e nelle emissioni di CO2 (109 g/km), può utilizzare miscele contenenti fino al 30% di estere metilico da oli vegetali nel gasolio.

Analogamente, i modelli benzina della gamma possono funzionare, senza alcun adattamento, con miscele contenenti fino al 10 % di etanolo. Citroën commercializza altri veicoli, che coniugano piacere di guida e protezione dell’ambiente. Le microibride benzina C2 e C3 Stop & Start permettono una riduzione dei consumi e delle emissioni di CO2 di circa il 10% in città, e fino al 15% in condizioni di traffico intenso.

Questi risultati si ottengono grazie all’abbinamento di due tecnologie di punta: un alternatore reversibile a gestione elettronica e il cambio SensoDrive. C3 GNV funziona principalmente a gas metano, con una riduzione delle emissioni di CO2 di circa il 20% rispetto alla benzina, senza emissioni di ossidi di zolfo e di piombo.

I motori Diesel HDi permettono di ottenere prestazioni ambientali di alto livello, con consumi ed emissioni di CO2 ridotti. Ogni famiglia della gamma Citroën comprende almeno un’offerta di motorizzazioni HDi. Il FAP consente al motore Diesel HDi vantaggi ecologici evidenti, completando efficacemente le proprie prestazioni intrinseche, grazie all’eliminazione del particolato e delle fumosità. Questa tecnologia viene proposta su diverse versioni di C3, C4, Xsara Picasso, C4 Picasso, Grand C4 Picasso, C5, C6 e C8. Citroën è una delle marche con la gamma più ampia di motorizzazioni Diesel abbinate al filtro antiparticolato.

Infine, il dimostratore C4 Hybride HDi, presentato ai saloni di Ginevra e Parigi nel 2006, preannuncia il veicolo di serie disponibile per il pubblico a medio termine. La soluzione adottata realizza eccellenti risultati a livello di consumi (3,4 l per 100 km) e di emissioni di CO2 (90 g/km), conservando il confort di guida abituale ed apprezzato nelle motorizzazioni HDi, a cui aggiunge i vantaggi specifici della catena di trazione ibrida. Il Salone dell’Agricoltura rappresenta inoltre l’occasione per Citroën di esporre la sua gamma di veicoli commerciali leggeri: due Berlingo, uno in versione 4X4, l’altro con finitura First, due Jumpy, uno in versione furgone lamierato, il secondo in versione isotermica, due Jumper, uno trasformato in «negozio di macelleria » e l’altro con autotelaio a motricità rinforzata.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: C4 Bio Tech e85 etanolo motore ibrido Salone Internazionale dell’Agricoltura stop&start

Lascia una risposta

 
Pinterest