Bladeglider, il concept sportivo di Nissan

Bladeglider, il concept sportivo di Nissan

25 nov, 2013

: il segreto alla base delle sue eccellenti prestazioni

Fonte: Nissan Italia

Yokohama, Giappone. 20 novembre 2013. Nissan ha presentato il suo ultimo concept sportivo, Nissan BladeGlider, pronto a sovvertire gli schemi convenzionali delle auto sportive in termini di manovrabilità, impianto frenante e distribuzione del peso. Il prototipo sfoggia una carrozzeria dal design radicale, con una carreggiata anteriore decisamente più stretta di quella posteriore, che ricorda il profilo di una freccia se osservata dall’alto.

L’asse anteriore stretto riprende la stessa tecnologia utilizzata per Nissan ZEOD RC (Zero Emission on Demand Racecar), che il prossimo anno occuperà il “Garage 56″ della 24 Ore di Le Mans.

, Direttore di Nissan Motorsport Innovation e designer della ZEOD RC, ha offerto la propria consulenza anche durante la fase di sviluppo di BladeGlider.

“Chiunque vede il frontale stretto per la prima volta, manifesta un certo scetticismo sulla manovrabilità del veicolo,” ha dichiarato Bowlby. “Ma il concept ha dato prova di sé in pista, tenendo testa agli altri sfidanti. E sono certo, dopo aver condotto numerosi test in pista con piloti professionisti, che nonostante lo scetticismo iniziale Nissan BladeGlider ha tutte le carte in regola per diventare l’auto di serie più maneggevole al mondo.”

Bowlby ha anche descritto tutti i vantaggi, in termini di prestazioni, del design di BladeGlider, caratterizzato da una carreggiata anteriore stretta e una carreggiata posteriore più larga.

Accelerazione

La distribuzione del peso di BladeGlider lo rende il veicolo ideale per partenze da fermo rapide ed efficienti e una accelerazione decisa una volta in corsa. Il motivo principale è che gli pneumatici posteriori sono considerevolmente più ampi rispetto a quelli anteriori e offrono quindi una maggiore trazione posteriore e una migliore aderenza alla superficie di guida. Inoltre, l’ampia carreggiata posteriore fa in modo che quasi tutti i componenti più pesanti del veicolo – inclusi i due motori elettrici in -wheel, le batterie agli ioni di litio e i passeggeri – si trovino tra gli pneumatici posteriori; quindi, la maggior parte del peso (il 70% in questo caso) poggia direttamente sulle due ruote motrici. Di conseguenza, quando la potenza viene trasmessa alle ruote posteriori, la configurazione a motore centrale e trazione posteriore di BladeGlider riduce al minimo lo slittamento, consentendo agli pneumatici 285/35 di mordere l’asfalto e spingere il veicolo con la massima efficienza.

Grazie a un frontale eccezionalmente stretto, dotato di pneumatici 100/80, la resistenza di BladeGlider è minima. Il veicolo vanta uno dei coefficienti di resistenza aerodinamica più bassi mai visti su una concept car da strada, grazie al quale si ha la sensazione di “planare”, ovvero di prendere velocità con una bassa resistenza.

Un altro vantaggio dell’asse anteriore stretto è il peso. Grazie a un minor numero di parti hardware e a componenti più piccoli, il peso in ordine di marcia di BladeGlider è notevolmente inferiore rispetto a quello di auto paragonabili, dal frontale tradizionale.

Manovrabilità

Il vantaggio più impressionante, e degno di nota, di BladeGlider rispetto alle controparti convenzionali è la manovrabilità.

Se da un lato gli appassionati delle sportive tradizionali si chiederanno perplessi in che modo un’auto con un frontale così stretto possa affrontare le curve; dall’altro la risposta è relativamente semplice. La carreggiata anteriore stretta di BladeGlider fa in modo che vi sia meno peso a carico delle ruote anteriori. Benché alcuni ritengano che un maggior peso sugli pneumatici anteriori equivalga a una migliore aderenza, è vero anche l’esatto contrario. Di certo, grazie a pneumatici eccezionalmente ampi, un carico extra può comportare una migliore aderenza, ma si tratta di una soluzione non per forza efficiente e non sempre vera. Ad esempio, le auto con un anteriore pesante sono soggette a un eccessivo sottosterzo, ovvero a una perdita di aderenza delle ruote anteriori che si verifica quando il veicolo non sterza a sufficienza.

Gli pneumatici anteriori più sottili di BladeGlider permettono di sterzare senza problemi perché solo il 30% del peso totale del veicolo grava su di essi. Un ulteriore beneficio è il miglioramento dello sterzo in termini di sforzo, sensibilità e precisione.

Il vantaggio più impressionante, e degno di nota, di BladeGlider rispetto alle controparti convenzionali è la manovrabilità.

Se da un lato gli appassionati delle sportive tradizionali si chiederanno perplessi in che modo un’auto con un frontale così stretto possa affrontare le curve; dall’altro la risposta è relativamente semplice.

La carreggiata anteriore stretta di BladeGlider fa in modo che vi sia meno peso a carico delle ruote anteriori. Benché alcuni ritengano che un maggior peso sugli pneumatici anteriori equivalga a una migliore aderenza, è vero anche l’esatto contrario. Di certo, grazie a pneumatici eccezionalmente ampi, un carico extra può comportare una migliore aderenza, ma si tratta di una soluzione non per forza efficiente e non sempre vera. Ad esempio, le auto con un anteriore pesante sono soggette a un eccessivo sottosterzo, ovvero a una perdita di aderenza delle ruote anteriori che si verifica quando il veicolo non sterza a sufficienza. Gli pneumatici anteriori più sottili di BladeGlider permettono di sterzare senza problemi perché solo il 30% del peso totale del veicolo grava su di essi. Un ulteriore beneficio è il miglioramento dello sterzo in termini di sforzo, sensibilità e precisione.

In più, la carreggiata anteriore stretta comporta un trasferimento minimo del peso in senso laterale durante le curve, sia nel frontale che in coda. In fase di sterzata, le auto con una carreggiata anteriore più ampia spostano nettamente il loro peso sullo pneumatico esterno, lasciando quello interno praticamente privo di carico.

Pertanto, in genere, è solo uno pneumatico ad accollarsi tutto lo sforzo di sterzata in curva; ma nel caso di BladeGlider, entrambi gli pneumatici mantengono una buona aderenza al manto stradale e condividono quasi lo stesso carico, lavorando di concerto come fossero un’unica unità. E grazie al sistema di sospensioni indipendenti, l’efficacia di ciascuno pneumatico è supportata a ogni curva.

L’ampia carreggiata posteriore e i relativi pneumatici contribuiscono ulteriormente all’eccezionale manovrabilità di BladeGlider. Fornendo una base di appoggio stabile e solida, permettono agli pneumatici anteriori di puntare efficacemente il muso del veicolo nella giusta direzione. Funziona come con un martello. Se si posiziona il martello a terra e si muove il manico nella direzione desiderata, non è necessario un grande sforzo perché la testa del martello è una base di appoggio solida. Questo effetto unico di BladeGlider può essere amplificato con l’impiego del sistema Torque Vectoring (o l’applicazione di un differenziale a slittamento limitato) che può essere integrato nei due motori in-wheel, cosicché le ruote posteriori contribuiscano a indirizzare l’auto nella giusta direzione.

Impianto frenante

Diversamente dai tradizionali veicoli stradali, i freni posteriori di BladeGlider lavorano di più di quelli anteriori quando si rallenta l’auto; quindi, sono più grossi e potenti (per tutte le altre vetture da strada vale il contrario).

Questa caratteristica si traduce in un enorme vantaggio quando si frena alle alte velocità, in quanto gli pneumatici più ampi, che sostengono la maggior parte del peso del veicolo, offrono un’eccellente trazione in fase di decelerazione.

Poiché gli pneumatici posteriori fanno la maggior parte del lavoro durante l’accelerazione e la frenata e gli pneumatici anteriori garantiscono l’aderenza in curva, il carico di lavoro complessivo è distribuito uniformemente nei quattro punti di contatto: le ruote anteriori sterzano l’auto, mentre quelle posteriori spingono e arrestano il veicolo.

Fattore X

Dato che il conducente è seduto esattamente al centro dell’abitacolo, vicino alle ruote posteriori, il telaio di BladeGlider fornisce un feedback chiaro e immediato al guidatore. Pertanto, in caso di perdita di aderenza degli pneumatici anteriori o posteriori, il telaio rileva immediatamente il cambiamento, lasciando al conducente il tempo necessario a correggere la traiettoria del veicolo.

Un altro valore aggiunto è l’usura, o meglio la mancata usura, degli pneumatici. Visto che ogni pneumatico anteriore e posteriore sopporta lo stesso carico di lavoro (come osservato in precedenza), anche il loro tasso di usura è uguale. Contrariamente alle auto tradizionali, che spesso presentano un’usura degli pneumatici diversa, BladeGlider non richiederà la sostituzione degli pneumatici con la stessa frequenza di una vettura convenzionale, specialmente in caso di guida aggressiva e spinta.

Nissan Motor Co.

Nissan Motor Co., Ltd., seconda Casa automobilistica giapponese per volumi di vendita, ha sede a Yokohama, in Giappone, ed è partner dell’Alleanza Renault -Nissan. Nissan ha circa 236.000 dipendenti in tutto il mondo e ha venduto più di 4,9 milioni di veicoli, generando un fatturato pari a 9,6 trilioni di yen (116,16 miliardi di dollari USA) nell’esercizio 2012. Nissan offre una gamma completa di oltre 60 modelli commercializzati con i marchi Nissan e Infiniti.

Dal 2010, anno di introduzione di Nissan LEAF, Nissan è leader incontrastato della mobilità a emissioni zero. LEAF, il primo veicolo totalmente elettrico per il mercato di massa lanciato a livello internazionale, è attualmente l’EV più venduto della storia.

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Ben Bowlby Nissan BladeGlider tokyo motor show

2 commenti

  1. sarei curioso di provarla. ma il design è a metà strada tra un motoscafo ed una dune buggy…

  2. M.Padin /

    Beh… pure io sarei curioso e interessato a provarla… ma anche se le persone che conosco in Nissan sono state sempre gentilissime, non credo che mi darebbero questo prototipo in prova….

Lascia una risposta

 
Pinterest