Arriva la Tata Megapixel

tata_megapixel_01

8 mar, 2012

Fonte: Tata Motors

Tata Motors ha presentato una nuova concept car all’82esimo Motor Show di Ginevra.
La concept , una nuova gamma di city car a quattro posti, REEV (Range Extended Electric Vehicle) per la ricerca di prestazioni e l’automobilista attento all’ambiente in qualsiasi parte del mondo. La Megapixel è una bella bestiolina ed è stata sviluppato dai centri Tata in India, Regno Unito e Italia. Come concept car globale, questa idea è sia la continua evoluzione che la casa automobilistica ha sviluppato della city car ideale per ambienti urbani a livello mondiale, e quella che chi non vive in India ha la maggior probabilità di vedere per prima.

Tata global car

La Tata Megapixel è alimentata combinando quattro motori elettrici, ognuno dei quali è montato hub, così da trasmettere la potenza alle ruote. Questi motori sono alimentati da una batteria da 13 kWh agli ioni di litio fosfato ed un generatore a benzina per la ricarica in movimento. La batteria permette di viaggiare per 87 km con una carica completa. La Tata Megapixel offre una autonomia che raggiunge i 900 km (con un solo serbatoio di carburante), le emissioni di CO2 arrivano a soli 22 g/km e i consumi registrano i 100 km/litro (quando usa la batteria come unica fonte di alimentazione).

La caratteristica migliore della Tata Megapixel è che la si può caricare all’80 percento in soli primi 30 minuti. Le batterie possono essere ricaricate da una piastra ad induzione sul fondo della macchina. Se la carica si esaurisce, entra in azione un motore ausiliario. Si tratta di un motore a benzina a singolo cilindro che fa 30 bhp.

La Megapixel Tata ha diversi altri punti di forza, tra cui la possibilità di girare le ruote ad angoli acuto, fatto che le conferisce un raggio di sterzata di soli 2,8 metri (9,2 ft). La Megapixel è capace di una velocità massima di 110 km orari e dispone di un cambio tiptronic. La vettura è equipaggiata con copertoni 215/45 R16.

Nel 2011 la concept car Tata Pixel è stata mostrato a Ginevra con lo “Zero Turn”, sistema di azionamento che è stato sviluppato ulteriormente nella Megapixel. Quando parcheggi, i quattro motori elettrici indipendenti azionano le ruote in direzioni opposte, mentre le ruote anteriori sono posizionate ​​ad angolo acuto. Il raggio di sterzata incredibilmente corto permetterà di parcheggiare in spazi che non verrebbero nemmeno presi in considerazione.

La Megapixel Tata si distingue fondendo elegantemente l’unicità indiana – i colori, i temi grafici o materiali, come le porte scorrevoli nelle due direzioni e l’assenza del solito design dei sedili a B rende facile l’entrata e l’uscita, oltre a consentire la visibilità superba. Le porte anteriori scorrono in avanti, verso la parte anteriore della macchina, mentre le porte posteriori scorrono verso il retro. La macchina ha inoltre un’interfaccia operatore che viene visualizzata su un pannello LCD nel centro della plancia. La Tata dispone anche di un sistema E iDrive simile a quello del Pixel.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: salone di ginevra Tata Megapixel

Lascia una risposta

 
Pinterest