Anteprima smart fourjoy a Francoforte

Anteprima smart fourjoy a Francoforte

9 set, 2013

“pure urban joy of life” a 4 posti

Fonte: Smart

Stoccarda, Francoforte. Germania. 5 settembre 2013. “pure urban joy of life”, con l’emozione che il brand smart trasmette non è più riservata solo a due persone.

Precursore di una nuova generazione smart, il concept fourjoy celebra il suo debutto internazionale a Francoforte e si presenta come una compatta quattro posti che possiede tutte le caratteristiche tipiche di smart.

Senza porte, senza lunotto e con il tetto aperto – la smart fourjoy rinuncia al peso superfluo ed offre all’osservatore una vista sugli interni futuristici, dominati dall’originale sedile posteriore in stile lounge.

Con dimensioni compatte (lunghezza/larghezza/altezza: 3.494/1.978/1.494 millimetri) e un diametro di volta di soli 9,1 metri, la smart fourjoy dà prova della maneggevolezza tipica del brand e dimostra i propri punti di forza nella guida urbana. E grazie all’attuale motore a magnete permanente electric drive da 55 kW, la smart fourjoy regala una guida a zero emissioni locali, agile e dinamica.

La quattro posti ha inoltre ereditato numerosi tratti genetici dalla prima smart in assoluto, considerata ormai una vettura cult.

“La smart fourjoy è la perfetta icona della filosofia del design smart, destinata ad entrare in una nuova era. Per la prima volta vi presentiamo la dimensione sportiva a quattro posti che caratterizzerà in futuro la nuova famiglia smart”, afferma , Responsabile Design di Daimler AG. “Il profilo tipicamente smart, le linee e le forme definite, nonché l’evoluzione del frontale smart trasformano questo concept in un’icona del design moderno.”

Numerosi elementi di design rievocano la prima Serie costruttiva smart: fra questi vi sono, ad esempio, gli sbalzi estremamente corti, le ruote posizionate agli angoli estremi della carrozzeria, i gruppi ottici posteriori integrati nella robusta cellula tridion, nonché la strumentazione sferica.

“Con la smart fourjoy presentiamo un concept in grado di  trasferire in modo sublime il design unico e il piacere di guida urbano della smart fortwo in una quattro posti eccezionalmente compatta”, spiega la manager smart Dr. . “La fourjoy unisce molteplici dettagli di showcar precedenti per le quali abbiamo ricevuto riscontri molto positivi. Le sue proporzioni esterne rivelano molto sull’aspetto stilistico della nostra smart a quattro posti di serie che verrà lanciata alla fine del 2014 e consentirà anche alle famiglie di viaggiare insieme a bordo di una smart.”

 

Gli esterni: un connubio di alluminio lucido e vernice bianca effetto perlato

Lo studio lo dimostra: smart diventa più matura. Il frontale diritto e marcatamente tridimensionale conferisce alla smart un forte impatto estetico e la vettura sembra rivolgere un sorriso dolce ma deciso all’osservatore. Nella mascherina del radiatore anche la smart fourjoy esibisce con orgoglio il grande emblema del brand. La struttura a nido d’ape delle prese d’aria sul frontale e le superfici arcuate e sinuose della carrozzeria sottolineano l’affinità della smart fourjoy con gli studi della smart for-us (Detroit 2012) e della smart forstars (Parigi 2012).

Un nuovo tratto distintivo consiste nella pronunciata cellula tridion. Nello studio è interamente in alluminio lucidato e la sua brillante finitura a specchio accentua il carattere esclusivo del brand.

Denota l’ottima qualità anche il logo smart in rilievo sui sottoporta, realizzato in alluminio fresato. In contrasto con l’alluminio della cellula tridion si pone la vernice bianca effetto perlato di paraurti, cofano e portellone posteriore. I retrovisori esterni sono sorretti da un elegante colonnina in alluminio.

Come nella prima generazione della smart fortwo i gruppi ottici posteriori sono integrati nella cellula tridion. Qui, seguendo un motivo che ricorda una turbina, dei cubi sono stati inseriti nel plexiglas. I fari anteriori sono realizzati senza copertura e sottolineano l’impatto tridimensionale delle luci diurne a forma di U. Per i gruppi ottici anteriori e posteriori sono stati utilizzati esclusivamente LED.

Il carattere vivace dello studio è sottolineato da forme trasparenti color petrolio, impiegate per il deflettore nella parte superiore del parabrezza, nonché ai lati in corrispondenza dei montanti anteriori e nello spoiler posteriore sul tetto. Per funzione e colore ricordano i berretti da tennis degli anni Novanta.

Gli interni: una lounge futuristica per quattro

Senza porte, lunotto e pannello sul tetto la smart fourjoy sembra voler invitare formalmente a bordo la città. Fungono da collegamento tra esterni e interni le maniglie per lato guida e passeggero sui sottoporta, nonché le aperture nella struttura del tetto.

L’elemento più vistoso dell’abitacolo è rappresentato dai due futuristici sedili anteriori e dal sedile posteriore di analoga configurazione. Con la loro forma organica e scultorea ricordano i moderni mobili lounge.

Il guscio del sedile sembra scolpito dal pieno. Il retro dei sedili è realizzato in cromo scuro. I sedili sono avvolti lateralmente da una linea simile ad un bordino che riprende il color petrolio degli elementi decorativi in plexiglas degli esterni. Nel pianale della vettura si alternano superfici traforate e lucide. Grazie alla tonalità scura del pianale, i sedili sembrano librarsi nell’aria.

I sedili e la plancia portastrumenti sono sostenuti da una struttura centrale continua. Questa è rivestita da una superficie convessa comprendente funzioni di comando “touch-sensitive”.

La plancia portastrumenti trasmette un senso di profondità e con il suo andamento cromatico e motivo a nido d’ape riprende due tematiche degli esterni. Il robusto quadro strumenti è realizzato in plexiglas trasparente e illuminato con rientranze fresate. L’originale struttura multidimensionale a nido d’ape è stata creata fondendo in questi punti un materiale sintetico bianco con effetto perlato.

Con le loro forme, la strumentazione di forma sferica e il volante a razza singola ricordano la smart originale. Nella plancia portastrumenti e sul tunnel centrale del vano posteriore sono alloggiati due smartphone che offrono a tutti e quattro i passeggeri una connettività al passo coi tempi e un entertainment su misura.

La trazione: piacere di guida a zero emissioni locali

La trazione elettrica integrata nella coda si basa sull’attuale smart fortwo electric drive. Grazie al motore a magnete permanente da 55 kW, la guida al volante della smart fourjoy si rivela agile e frizzante.

La batteria agli ioni di litio ha una capacità di 17,6 kWh. Una volta scarica, basta collegare la batteria ad una presa domestica o ad una stazione di ricarica integrata nella linea elettrica dei principali Paesi per ricaricarla completamente entro massimo sette ore – praticamente nel giro di una notte.

Con il caricabatterie di bordo da 22 kW e un apposito cavo di ricarica rapida, il tempo di ricarica presso una wallbox o una stazione di ricarica pubblica può essere ridotto a meno di un’ora.

Per lo sprint finale: skateboard elettrici e caschi

Sul tetto della smart fourjoy sono fissati due longboard. Con questi skateboard a trazione elettrica è possibile percorrere brevi tragitti in città a zero emissioni locali.

Degli appositi caschi sono alloggiati dietro i sedili posteriori.

Qui è fissata anche una telecamera ad alta definizione, estraibile con la massima semplicità. In questo modo è possibile realizzare dei video d’azione, registrando le corse a bordo dei longboard per poi condividerle con gli amici sui social network.

  

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Annette Winkler Gorden Wagener iaa salone francoforte smart fourjoy

Lascia una risposta

 
Pinterest