Alfa Romeo all’81° Salone Internazionale di Ginevra

Alfa Romeo all’81° Salone Internazionale di Ginevra

24 feb, 2011

•  , pluripremiata dalla stampa e dal pubblico
• Alfa Romeo MiTo Model Year 2011

24 febbraio 2011. Stile essenziale capace di trasmettere forti emozioni, ricerca tecnica sempre all’avanguardia, tenuta di strada e piacere di guida ai massimi livelli: queste sono le caratteristiche che da sempre differenziano Alfa Romeo nel panorama automobilistico mondiale. Gli stessi valori che hanno dato vita a Giulietta e MiTo, gli ultimi due modelli che incarnano perfettamente il connubio “design e tecnologia”, che appartiene al DNA Alfa Romeo, ma anche doti di abitabilità e comfort.

Da questo perfetto connubio tra design e tecnologia nasce il concept dello stand Alfa Romeo allestito al Salone Internazionale di Ginevra 2011. Infatti, l’area è dominata da materiali preziosi – il laccato lucido, la pelle, l’acciaio e le pareti specchiate – che riflettono il mood degli interni delle vetture esposte. E sui pavimenti, che presentano intarsi di materiali diversi con diverse tonalità di nero e inserti di acciaio, svettano i modelli Giulietta e MiTo con le loro ultime novità stilistiche e tecnologiche. Inoltre, l’intera area espositiva è resa ancora più suggestiva dall’imponente parete di colore “Rosso Competizione” che fa da sfondo ideale al car design sinuoso e unico delle automobili rendendole protagoniste assolute. E incastonate nella quinta scenografica nicchie illuminate dove sono custoditi gli accessori dello Store Alfa Romeo.

Insomma, l’area espositiva esprime perfettamente la principale missione di Alfa Romeo: la progettazione industriale di vetture dotate di meccanica e tecnologia d’avanguardia, caratterizzate da linee e forme contemporanee, che esaltano il concetto di “design in movimento” e arricchiscono le caratteristiche di comfort, dinamismo ed eleganza insite nel marchio. Sono proprio queste le peculiarità che rendono una vettura Alfa Romeo qualcosa di speciale, un prodotto che nell’impiego di tutti i giorni trasforma il concetto di semplice “mezzo di trasporto” in un’emozionante esperienza di guida ai massimi livelli.

L’Alfa Romeo Giulietta è infatti un vero e proprio “concentrato” di performance, comfort e sicurezza. Performance eccellenti grazie a motori tutti turbo, tutti Euro 5 e con sistema DNA con Q2 elettronico di serie su tutte le vetture che permette di adattare la personalità della vettura alle esigenze del guidatore e alle diverse condizioni stradali.

Dimostrazione sono il 1750 Tbi da 235 CV con la coppia massima più alta al mondo (340 Nm raggiunto già al regime di 1.900 giri) ma anche il 1.6 JTDM da 105 CV con i valori di coppia più alti della categoria (320 Nm a soli 1.750 giri). In termini di consumi ed emissioni CO2 ottimi risultati quelli raggiunti dal nuovo cambio automatico a doppia frizione “Alfa TCT” abbinato al rivoluzionario 1.4 MultiAir Turbobenzina da 170 CV (“Best New Engine 2010”) che portano le emissioni CO2 della Giulietta al valore record (per motorizzazioni confrontabili) di soli 121 g/Km. Anche i costi di gestione su Giulietta sono contenuti grazie, in particolare sui diesel, agli intervalli di manutenzione più lunghi della categoria a ben 35.000 Km.

Il comfort di Giulietta è sorprendente: non solo in termini di marcia ma anche di abitabilità dettata dai 5 posti comodi senza compromessi e da un bagagliaio di 350 litri dalla forma molto regolare come dimostra la larghezza tra i passaruota di 1023 mm, valore ai vertici della categoria.

Infine Giulietta è la berlina due volumi più sicura secondo Euro NCAP (cinque stelle con un punteggio globale di 87/100 secondo il rating 2010): straordinario risultato ottenuto grazie alla nuova architettura “Compact” realizzata con dotazioni di serie sull’intera gamma di dispositivi di sicurezza attiva e passiva e soluzioni inedite quali il sistema “pre-fill” di pre-carico dell’impianto frenante che riduce lo spazio di arresto in caso di frenate d’emergenza.

Bella, confortevole, sicura e tecnologicamente avanzata, la Giulietta sta conquistando il pubblico europeo e la stampa internazionale che le ha finora assegnato 16 premi, tra questi citiamo: “Auto Europa 2011” (Unione Italiana Giornalisti dell’Automotive), “Die besten Autos 2011″ (Auto Motor und Sport, Germania), “Greek Car of the Year 2011″ (Automotive press, Grecia), “Volante d’oro 2010” (Auto Swiat, Polonia), “Design Award 2010“ (Auto Bild, Germania), „Auto Trophy 2010 (AutoZeitung, Germania), Trophée 2011 (Argus, Francia – nella categoria ‘’Compacte’’ per l’Alfa Giulietta 1.6 JTDM 105), “Best Car in Class 2010″ (Bilmagasinet, Danimarca) e “Women’s car of the year 2010″ (Zurnal, Slovenia).

La pluripremiata Alfa Romeo Giulietta è presente a Ginevra con due esemplari: una Quadrifoglio Verde 1750 TBi da 235 CV di colore Rosso Competizione e una Distinctive 1.4  MultiAir Turbobenzina 170 CV “Alfa TCT” di colore Grigio Antracite con Start&Stop di serie in modo da contenere al massimo il livello di consumi (5,2 litri/100km nel ciclo combinato) ed emissioni di CO2 (121 g/km). Da sottolineare che il cambio “Alfa TCT” – successivamente disponibile anche con il 2.0 JTDM da 170 CV – assicura un comfort di guida ed un feeling sportivo superiori a quelli offerti dai cambi automatici convenzionali uniti ad una migliore efficienza e una riduzione dei consumi.

Al Salone ci sarà spazio anche per il brillante 1750 TBi da 235 CV abbinato all’esclusivo allestimento Quadrifoglio Verde, un marchio leggendario che ha gareggiato sui circuiti di tutto il mondo. Disponibile solo su questa motorizzazione, questo allestimento si contraddistingue per l’assetto sportivo ribassato, i cerchi da 17’’ (optional da 18’’), impianto frenante maggiorato con pinze verniciate rosso Alfa e interni sportivi che includono la selleria sportiva in pelle e microfibra. Tutto per garantire il massimo piacere di guida unito ad una sicurezza attiva e passiva ai vertici del segmento. Anche i consumi sono ridotti per un motore di questo livello di potenza: il “Quadrifoglio Verde” viene quindi reinterpretato in chiave moderna abbinando il massimo piacere di guida alla maggiore sensibilità ambientale per una sportività consapevole e rispettosa dell’ecosistema.

Ricchissimo l’equipaggiamento di ciascuna Giulietta esposta con un accenno particolare alla dotazione info-telematica a bordo ad iniziare dal “Blue&Me–TomTom”, l’ultima evoluzione del sistema Blue&Me. Si tratta di un sistema completamente integrato che permette di gestire, attraverso un pratico  touch-screen a colori, telefono, navigazione e tutte le informazioni necessarie alla guida. Il dispositivo è frutto di una partnership tra Fiat Group Automobiles e TomTom, leader in  Europa nella navigazione portatile e si integra con la vettura grazie al sistema Blue&Me. Inoltre, il pubblico può apprezzare il navigatore satellitare “RadioNav” che costituisce la nuova generazione di entertainment e navigazione satellitare sviluppato da Magneti Marelli per Alfa Romeo. Il sistema integra il navigatore satellitare, l’autoradio munita di dual tuner, uno dei quali dedicato anche alla ricezione delle informazioni sul traffico (TMC Pro), il lettore CD Mp3 e la cartografia europea caricata su SD card che permette di velocizzare i tempi di accesso ai dati e di calcolo dei percorsi. Per garantire la massima nitidezza e definizione delle immagini è dotato di un display a colori da 6,5 pollici ad alta definizione

Sullo stand Alfa Romeo non poteva certo mancare il modello MiTo che, per l’occasione, presenta il MY 2011 che sarà commercializzato a partire da aprile nei maggiori Paesi europei. Tra le novità si segnalano l’introduzione di nuovi colori esterni e di nuovi tessuti per gli interni, la disponibilità di nuovi optional e l’introduzione di tecnologie per il miglioramento del comfort e del feeling di guida. Inoltre, l’esclusivo allestimento “Quadrifoglio Verde” sarà rinnovato con nuovi e distintivi elementi estetici.

Proprio per apprezzare la doppia anima della “compatta più sportiva di sempre”, quella sportiva e quella elegante, a Ginevra sono esposte una potente “Quadrifoglio Verde” 1.4 MultiAir Turbo da 170 CV (premiato come Migliore Nuovo Motore dell’Anno da una giuria internazionale di esperti) equipaggiata con i nuovi sedili Sabelt a conformazione sportiva con schienale in fibra di carbonio ed una raffinata versione equipaggiata con il 1.4 Multiair Turbo 135 CV abbinato all’innovativo cambio automatico a doppia frizione “Alfa TCT” e al sistema Start&Stop. Questa versione presenta per la prima volta il nuovo colore esterno “Bronzo Metal” abbinato al nuovo interno in tessuto Tecnosilk bicolore (bronzo e nero): due contenuti di grande interesse che sottolineano l’anima più elegante del modello.

Infine, attraverso la distribuzione di materiale informativo e l’allestimento di alcuni materiali dedicati sullo stand, il pubblico potrà conoscere i prodotti di FGA Capital, società finanziaria (joint venture Fiat Group Automobiles e Crédit Agricole) specializzata nel settore automobilistico. La società è  operativa  nei principali mercati europei, ed in Svizzera con Fidis Finance, con un’unica mission: supportare le vendite di autoveicoli di tutti i marchi Fiat Group Automobiles attraverso prodotti finanziari innovativi e completi di servizi ad alto valore aggiunto dedicati alla rete dei concessionari, ai clienti privati e alle aziende.

Alfa Romeo Giulietta, pluripremiata dalla stampa e dal pubblico

Dalle performance al comfort, dalla sicurezza alla tecnologia. Sono proprio queste le peculiarità che i clienti stanno apprezzando maggiormente nell’utilizzo quotidiano di Alfa Romeo Giulietta, le stesse qualità che le hanno permesso di vincere finora ben 16 premi della stampa internazionale, tra questi citiamo: “Auto Europa 2011” (Unione Italiana Giornalisti dell’Automotive), “Die besten Autos 2011″ (Auto Motor und Sport, Germania), “Greek Car of the Year 2011″ (Automotive press, Grecia), “Volante d’oro 2010” (Auto Swiat, Polonia), “Design Award 2010“ (Auto Bild, Germania), „Auto Trophy 2010 (AutoZeitung, Germania), Trophée 2011 (Argus, Francia – nella categoria ‘’Compacte’’ per l’Alfa Giulietta 1.6 JTDM 105), “Best Car in Class 2010″ (Bilmagasinet, Danimarca) e “Women’s car of the year 2010″ (Zurnal, Slovenia).

Alfa Romeo Giulietta è un vero e proprio “concentrato” di tecnologia come dimostrano il brillante 1.4 MultiAir Turbobenzina – premiato come “Miglior Nuovo Motore dell’Anno 2010” dalla giuria internazionale International Engine of The Year -  al quale si è aggiunto il 2.0 JTDM-2 da 140 CV che completa la gamma dei turbodiesel. Non solo avanzata tecnologicamente, Giulietta è anche una vettura funzionale che offre abitabilità e comfort ai massimi livelli con 5 comodi posti, oltre ad essere la berlina due volumi più sicura secondo Euro NCAP (cinque stelle rating 2010 con un punteggio globale di 87/100) con un occhio ai costi di gestione come dimostrano i tagliandi delle motorizzazioni diesel a ben 35.000 Km.

Pensata per le varie tipologie di clienti del segmento che ricercano sicurezza, comfort e piacere di guida, Alfa Romeo Giulietta è offerta in tre allestimenti (Progression, Distinctive e Quadrifoglio Verde) ai quali possono essere aggiunti diversi optional per personalizzare la vettura. Sullo stand in particolare troviamo il 1.4 170 CV MultiAir personalizzato con il Pack Sport che permette di sottolineare l’anima sportiva della vettura con un assetto sportivo che migliora il già ottimo handling della vettura e include cerchi in lega da 18’’ (in alternativa anche da 17’’), minigonne, pedaliera sportiva, sedili sportivi in pelle e microfibra, inserto plancia in alluminio brunito spazzolato, cornici proiettori brunite dei proiettori e ambiente interno scuro. Da sottolineare che tutti i dispositivi legati alla sicurezza attiva e passiva sono di serie sull’intera gamma: dal dispositivo per il controllo dinamico del veicolo “Alfa DNA” (con differenziale elettronico Q2, DST, Pre-fill) al VDC (include ASR e hill holder), dai 6 airbag alle cinture anteriori con doppio pretensionatore e i sedili anteriori con sistema “antiwiplash”.

Inoltre, la Giulietta assicura performance e tecnologia ai massimi livelli come dimostra una gamma motori che rappresenta lo stato dell’arte in termini di tecnica, prestazioni e rispetto dell’ambiente. Ad oggi sono disponibili 5 motori Turbo, tutti omologati Euro5 e dotati di serie del sistema “Start&Stop” per la riduzione dei consumi e delle emissioni: due benzina (1.4TB da 120 CV e 1.4TB Multiair da 170 CV quest’ultimo eletto “Best New Engine 2010”) e tre diesel (1.6 JTDM da 105 CV, 2.0 JTDM da 170 CV e il nuovo 2.0 JTDM da 140 CV, tutti con intervalli di manutenzione a ben 35.000 Km). Completa l’offerta il 1750 TBi da 235 CV abbinato all’esclusivo allestimento Quadrifoglio Verde. Questo motore ha la coppia specifica di 195 Nm/litro che la più alta tra i motori benzina della categoria e, come punto di eccellenza, la coppia di 340 Nm raggiunta già a 1.900 giri.  In dettaglio il 1750 Turbo Benzina vanta soluzioni tecnologiche  all’avanguardia quali l’inizione diretta di benzina, il doppio variatore di fase continuo, il turbocompressore ed un rivoluzionario sistema di controllo definito “scavenging” che elimina il cosiddetto “turboloag”. 

Infine, a seconda degli allestimenti sono disponibili alcuni interessanti contenuti tra i quali il climatizzatore automatico bizona, i proiettori bi-xenon con funzione AFS, i sensori di parcheggio posteriori, il sistema Hi-Fi Bose, il sistema Blue&Me–TomTom e il Radio navigatore a mappe con pop up display, TMC Pro e scheda SD con mappa Europa ®.

La compatta più sicura per Euro NCAP (rating 2010)

Alfa Romeo Giulietta si è aggiudicata le prestigiose cinque stelle Euro NCAP con un punteggio globale di 87/100 (rating 2010): un risultato straordinario che le consente di essere la compatta più sicura. Il giudizio è ancora più importante se si considera che dal 2009 Euro NCAP pubblica un nuovo rating che valuta contemporaneamente la protezione degli adulti, quella dei bambini, quella dei pedoni e la nuova area di prevenzione incidenti e riduzione delle lesioni attraverso la valutazione di seat belt reminder, ESP e limitatore di velocità. Inoltre, l’accesso alle 5 stelle è di severità crescente a secondo dell’anno in cui verranno pubblicati i risultati (2009, 2010-2011, 2012). In questo scenario il risultato conseguito dall’Alfa Romeo Giulietta (97% adulti, 85% bambini, 63% pedone e 86% sicurezza attiva) le permette di aggiudicarsi le 5 stelle anche nel 2012 quando il sistema di valutazione avrà raggiunto il massimo della severità.

Si tratta dunque di un riconoscimento importante che ancora una volta conferma la particolare attenzione di Alfa Romeo per gli aspetti legati alla sicurezza passiva ed attiva. Come dimostra, per esempio, l’adozione dei più avanzati dispositivi elettronici per il controllo del comportamento dinamico (dalla frenata alla trazione): il Vehicle Dynamic Control che gestisce importanti funzioni quali l’Hill Holder, il controllo di trazione, il panic braking assistant, l’MSR per la prevenzione del blocco ruote in rilascio, lo “sterzo elettronico attivo” DST (Dynamic Steering Torque), l’Electronic Q2 che “simula” elettronicamente la presenza di un differenziale autobloccante ed il nuovissimo sistema “pre-fill” che in settaggio Dynamic, al rilascio dell’acceleratore, mette in allerta il sistema frenante diminuendo il tempo di intervento e lo spazio di frenata.

Quindicimila ore di simulazioni virtuali hanno permesso di sviluppare la nuova architettura “Compact”. La bontà della progettazione virtuale è stata verificata fisicamente sulle vetture prodotte nello stabilimento di Cassino con più di cento prove su componenti e sottosistemi, centocinquanta simulazioni di impatto sulla slitta HyGe e oltre cento crash test (urti frontali, laterali, ribaltamento e tamponamento, tenendo conto delle diverse velocità alle quali possono avvenire gli urti, i differenti tipi di ostacolo e la tutela di occupanti con caratteristiche fisiche anche molto diversi tra loro). Questi i numeri che testimoniano l’impegno profuso dall’Azienda per fare di Alfa Romeo Giulietta una delle vetture più sicure dell’intero panorama automobilistico europeo, Una protezione totale, insomma, come dimostrano i 6 airbag di serie (due dei quali Multistage) le cinture a tre punti con doppi pretensionatori e limitatori di carico e il  sistema S.A.H.R. (Self Aligning Head Restraint), un nuovo dispositivo di seconda generazione integrato nello schienale dei sedili anteriori che, in caso di urto, avvicina gli appoggiatesta alla nuca degli occupanti attenuando il cosiddetto “colpo di frusta”. L’efficacia di tutti questi dispositivi è massimizzata da una struttura frontale a tre linee di carico che garantisce una struttura omogenea e in grado di uniformare la risposta del veicolo in caso di urto frontale,  indipendentemente dal tipo di ostacolo/veicolo impattato. Ciò permette un breakthrough sia per la “partner protection” (in quanto la vettura è meno aggressiva in urti contro il frontale o la fiancata laterale di un altro veicolo) sia per la “self protection” in quanto l’omogeneizzazione della modalità di deformazione rende più efficace la protezione del sistema di ritenuta indipendentemente dal tipo di urto.

Infine, nel campo della sicurezza preventiva, Alfa Romeo Giulietta adotta i proiettori anteriori a LED con la funzione “luce diurna” (Daytime Running Light) che, alla messa in moto della vettura, automaticamente accende le luci di posizione e i proiettori posteriori con LED che, rispetto alle lampade tradizionali, offrono una maggiore intensità luminosa e quindi una maggiore sicurezza

L’innovativo cambio “Alfa TCT”

Dopo il debutto in anteprima su Alfa Romeo MiTo, Giulietta è il secondo modello del Gruppo ad abbinare il cambio “Alfa TCT” con il 1.4 MultiAir Turbobenzina da 170 CV, un concentrato di tecnologia che concilia performance elevate con i consumi e le emissioni più basse della categoria per motorizzazioni benzina di pari potenza. Così equipaggiata Alfa Romeo Giulietta regala ottime perfomance: 218 km/h di velocità massima, 5,2 l/100Km nel ciclo combinato, 121 g/km di CO2 e appena 7,7 secondi per passare da 0 a 100 Km/h. A completamento dell’offerta di trasmissioni automatiche Alfa Romeo monterà l’Alfa TCT a seguire anche sul motore diesel 2.0 JTD 170 CV. Anche in questo caso l’abbinamento tra quest’ultima motorizzazione e l’Alfa TCT permette a Giulietta di migliorare le performance e i consumi/emissioni: l’accelerazione da 0 a 100 km/h passa da 8.0 secondi a 7.9 secondi, i consumi (ciclo combinato) passano da 4.7 l/100Km a 4.5 l/100Km mentre le emissioni CO2 raggiungono il livello record per un motore di questa categoria pari a 119g/Km (erano 124g/Km).

Il cambio “Alfa TCT” viene comandato da una leva dai movimenti precisi ed ergonomici, alla quale è possibile abbinare i “shift paddles” dietro il volante, per una guida ancora più sportiva e coinvolgente.

In dettaglio, il funzionamento del cambio “Alfa TCT” è caratterizzato dalla massima interazione con i sistemi vettura. Per permettere, il miglior comportamento su strada a seconda delle condizioni di guida e delle volontà del guidatore, il cambio interagisce con il sistema frenante quello del controllo motore, il selettore Alfa DNA, Start&Stop, e  controllo di stabilità del veicolo. Grazie alla velocità di elaborazione dei parametri, il cambio è in grado, di modificare la velocità di cambiata, di gestire il rilascio di coppia, su strade a bassa aderenza, di poter funzionare in modo completamente automatico o come sequenziale manuale.Sviluppato e prodotto da FPT – Fiat Powertrain Technologies, il nuovo dispositivo “Alfa TCT”, concettualmente, è composto da due cambi in parallelo, ognuno con la sua frizione, che consente la selezione e l’innesto della marcia successiva mentre quella precedente è ancora innestata. Il cambio marcia viene quindi effettuato con un semplice scambio graduale delle corrispondenti frizioni garantendo la continuità di erogazione di coppia e, quindi, di trazione. Il risultato è un comfort di guida ed un feeling sportivo superiore a quello offerto dai cambi automatici convenzionali (con convertitore di coppia) come dimostrano una  maggiore velocità di cambiata, la possibilità di selezionare tra modalità manuale o automatica e la perdita di potenza praticamente azzerata in fase di cambio marcia. Inoltre i costi per acquisto, manutenzione e gestione sono contenuti e i consumi si riducono, grazie anche all’adozione del sistema “Start&Stop”, fino al 10% in meno rispetto ad un cambio automatico idraulico tradizionale.

Ulteriori peculiarità della nuova trasmissione “Alfa TCT” sono la flessibilità di applicazione, data dalla compattezza dei componenti, e l’essere una doppia frizione a secco “Dry” (la tipologia di frizione che garantisce il più alto grado di efficienza in termini di consumi tra i cambi automatici). Se confrontiamo le frizioni “Dry” con quelle in bagno d’olio (“Wet”) si può affermare che le prime dissipano energia soltanto durante la fase di slittamento nel cambio marcia e nello spunto, mentre le frizioni “Wet”, girando sempre in bagno d’olio, introducono perdite per attrito viscoso come quelle dei cambi automatici convenzionali anche quando non sono azionate. In più necessitano di raffreddamento forzato con olio e quindi di un continuo dispendio energetico per il trascinamento della pompa d’olio dedicata (assente nel caso delle frizioni “Dry”).

Infine, un cambio automatico “Wet” necessita di circa 4,8 litri di olio cambio in più rispetto al “Dry”, sempre per motivi di raffreddamento delle frizioni (in questo modo si aggiunge peso ed aumentano le perdite per sbattimento). Tutti questi effetti sommandosi fanno sì che un cambio “Dry” sia circa 6% più efficiente che il corrispondente “Wet” in termini di consumi. Non ultimo, tra i vantaggi della frizione “Dry” ci sono anche minori costi e maggiore facilità di installazione.

Alfa Romeo MiTo MY 2011

Insignita del titolo “Auto Europa 2009” dall’UIGA e delle prestigiose cinque stelle Euro NCAP, l’Alfa Romeo MiTo si conferma una vettura di successo grazie alla sapiente combinazione tra look e prestazioni, stile italiano ed eccellenza tecnica finalizzata al massimo del piacere di guida in piena sicurezza. Oggi, in anteprima mondiale, al debutta la nuova gamma 2011 di Alfa Romeo MiTo che sarà commercializzata a partire da aprile nei maggiori Paesi europei. 

Tra le novità si segnala l’introduzione del nuovo colore metallescente (alluminio e mica insieme) ”Bronzo Metal” dal tono deciso con note rosse, ed un interno bicolore realizzato con un inedito rivestimento per l’inserto della plancia e i pannelli delle porte. Inoltre, si aggiunge un nuovo tessuto tecnico per i sedili  costituito da una maglia elastica liscia e compatta ma al tempo stesso fine e luminosa come una seta, valorizzata dalla grafica elettrosaldata con doppio riporto bicolore bronzo e nero e dal segno “breaked line” in titanio abbinato alle cuciture sul fasciame e al colore delle mostrine sulla plancia. Son tutti contenuti di grande interesse che sottolineano l’anima più elegante del modello.

L’esemplare esposto al Salone propone proprio questo raffinato accostamento cromatico, oltre a farsi apprezzare per il 1.4 Multiair Turbo 135 CV, in abbinamento al cambio “Alfa TCT”, che regala ottime perfomance (7,1 l/100Km nel ciclo urbano, 126 g/km di CO2 e 8,2 secondi per passare da 0 a 100 Km/h), dati perfino migliori della stessa motorizzazione con cambio manuale (i valori sono 7,4 l/100Km, 129 g/km e 8,4 secondi). Da segnalare inoltre la presenza in vettura del navigatore portatile “Blue&Me-TomTom” perfettamente integrato in plancia.

Il “Blue&Me–TomTom” è molto più di un dispositivo di navigazione portatile, è un vero e proprio sistema infotelematico che abbina la praticità d’uso alla completa integrazione con i sistemi vettura. Nasce dalla partnership tra Fiat Group Automobiles e TomTom, leader in  Europa nella navigazione portatile, e sfrutta la versatilità del sistema Blue&Me. Attraverso il touch-screen a colori da 4,3” ed un’interfaccia grafica semplice ed intuitiva, è possibile gestire le funzioni di navigazione, telefono, mediaplayer e le informazioni tipicamente visualizzate solo su trip computer come i consumi e l’autonomia, ed ancora l’indicazione in tempo reale per ottenere lo stile di guida più efficace.

L’integrazione completa del Blue&Me TomTom è anche un valido supporto alla sicurezza grazie al controllo delle funzionalità tramite comandi al volante e vocali, la posizione al centro della plancia facilmente raggiungibile e ben visibile e l’alimentazione elettrica integrata nel supporto. Inoltre è trasferibile per altri utilizzi come ogni dispositivo portatile. Il “Blue&Me–TomTom” di Alfa Romeo MiTo offre anche la tecnologia “IQ route”,  per la ricerca del miglior percorso considerando il giorno e l’ora di percorrenza, calcolato su un database che raccoglie le condizioni di traffico su base statistica.

Saranno inoltre disponibili, tramite l’applicativo web TomTom Home personalizzato per Alfa Romeo, l’aggiornamento mappe on line ed il “MapShare”, la grande community internet con oltre 5 milioni di persone iscritte, che possono condividere in tempo reale le informazioni sulla cartografia.

Il “Blue&Me–TomTom” ha in più, rispetto ad un normale navigatore portatile, l’esclusiva sezione “Car Menù” che permette la visualizzazione di informazioni relative alla vettura ed ai dispositivi collegati:
• “Fuel Efficiency”: informazioni in tempo reale sul proprio stile di guida e suggerimenti su come  ridurre l’impatto ambientale e ottimizzare i consumi attraverso una corretta gestione del cambio marcia e dell’acceleratore in relazione al tipo di percorso;
• Informazioni di viaggio in un’unica schermata: distanza  percorsa, consumi ed autonomia;
• Avviso di riserva di carburante e guida al distributore più vicino;
• Punti di interesse con centri di assistenza Alfa Romeo e distributori GPL;
• Gestione del telefono cellulare abbinato al Blue&Me: composizione numero da touch screen, gestione chiamate, informazioni, rubrica e ultime chiamate;
• Funzionalità di browsing del mediaplayer collegata alla presa USB che rende i sistemi iPhone e iPod perfettamente compatibili.

La seconda vettura in mostra presenta al grande pubblico l’anima “dinamica” di Alfa Romeo MiTo: sfila infatti sulla passerella svizzera un esemplare contraddistinto dal “Quadrifoglio Verde”, un simbolo leggendario che negli anni ha identificato alcune tra le più sportive realizzazioni firmate Alfa Romeo. Anche questo esclusivo allestimento propone delle novità con la gamma 2011: innanzitutto la nuova mostrina anteriore sotto lo scudetto che “allarga” la parte bassa del frontale accentuandone l’impressione di vettura ben “piantata a terra”.

Sull’originale versione spiccano anche i nuovi preziosi loghi esterni “Quadrifoglio Verde” in alluminio micro spazzolato con quadrifoglio in rilievo, posizionati sopra gli indicatori di direzione; le calotte degli specchi retrovisori, le cornici dei proiettori e dei fanali e le maniglie proposti con un esclusivo materiale cromo-satinato; un nuovo sedile sportivo con parte centrale in Alcantara®,  dal tatto morbido e vellutato, abbinata a un inedito tessuto estremamente resistente all’usura; un interno aggressivo e fortemente sportivo “totally black”; il dettaglio delle artigianali cuciture bicolore (bianco e verde) su sedili, volante, cuffia e leva freno a mano che esprime al meglio l’anima dell’allestimento.
Nuovi anche alcuni optional: i cerchi in lega da 18” con trattamento specifico e i sedili sportivi  Sabelt con un avvolgente schienale in fibra di carbonio realizzato con l’innovativa tecnologia RTM (Resin Transfer Moulding) che consente di coniugare elevata resistenza meccanica con ridotti ingombri e leggerezza, sul cui tessuto centrale  in Alcantara® spicca il logo Alfa Romeo, qui riprodotto in modo assolutamente originale.

Non ultimo, debutta sulla MiTo MY 2011 una nuova presa USB e AUX-in che consente di collegare il proprio lettore MP3 direttamente al sistema Blue&Me.

Equipaggia questa esclusiva versione il più potente motore in gamma, premiato anche da una giuria internazionale come “best new engine of the year 2010”, il 1.4 MultiAir Turbo da 170 CV. Alfa Romeo ha scelto di dotarla di alcune soluzioni innovative che accentuano le già affermate doti del modello: infatti, tenuta di strada, agilità, sicurezza attiva e feeling di guida sono enfatizzati grazie al motore con un valore di potenza specifica tra i più elevati al mondo e a un comparto telaistico da categoria superiore. Vera carta vincente di questa motorizzazione è l’eccezionale rapporto peso/potenza, da sempre una delle chiavi del successo delle vetture Alfa Romeo, nelle competizioni e sulle strade di tutti i giorni. Infatti, con 6,7 Kg/CV si pone ai vertici della sua categoria. Inoltre, con un valore di 124 CV/Litro, questo propulsore si afferma come una delle migliori realizzazioni mondiali in termini di potenza specifica.

Questo parametro è particolarmente importante perché testimonia l’efficacia della filosofia del “downsizing”, tesa a realizzare motori ad altissima tecnologia per ottenere incremento di prestazioni accompagnata da una forte riduzione dei consumi e delle emissioni. Proprio quest’ultimo aspetto rende sorprendente il livello tecnico raggiunto: 139 gr/l di CO2 e 4,8 l/100Km (ciclo extraurbano) sono valori più vicini ad una vettura utilitaria piuttosto che ad una sportiva compatta che passa da 0 a 100 Km/h in poco più di 7 secondi.

La MiTo Quadrifoglio Verde offre inoltre l’innovativo “Dynamic Suspension”, un sistema di controllo attivo e continuo degli ammortizzatori elettronici sviluppato grazie al connubio tra i progettisti  e la  sperimentazione su strada Alfa Romeo con il contributo delle competenze ingegneristiche più all’avanguardia di Magneti Marelli. Sintesi dell’esperienza acquisita nelle competizioni, quindi, il dispositivo permette a MiTo Quadrifoglio Verde di eccellere ulteriormente in termini di agilità ed handling, regalando un feeling di guida eccezionale e una sicurezza senza paragoni. Senza contare che il sistema “Dynamic Suspension” si interfaccia perfettamente con i tre diversi settaggi del dispositivo di controllo dinamico della vettura “Alfa DNA” (“Normal”, “All Weather” e “Dynamic”) che comanda anche gli altri sistemi del veicolo, come il VDC (Vehichle Dynamic Control), lo sterzo, il differenziale elettronico Q2 ed il motore.

Insomma, Alfa Romeo MiTo MY 2011 rinnova la sua immagine di vettura tecnologica mantenendo il suo posizionamento di compatta sportiva capace di conquistare clienti attenti alla cura dei dettagli e al massimo comfort di guida. Non a caso debuttano sui motori prestazionali della gamma 2011 i nuovi ammortizzatori a risposta variabile, con valvola di by-pass, che migliorano il confort nelle sollecitazioni alle diverse asperità stradali mantenendo inalterato l’elevato controllo dinamico della vettura per un piacere di guida sempre più ai vertici della categoria.

L’Alfa Romeo MiTo MY 2011 si conferma così l’unica “Energy Machine” che, in appena 4 metri di lunghezza, concentra stile, agilità ed eccellenza tecnica finalizzata al piacere di guida. Ed è proprio “Energy Machine” il payoff della recente campagna che sottolinea il carattere e la grinta del modello, quell’energia dirompente che trasforma la materia in emozione. Lo stesso concetto è espresso anche nel claim finale – “Dare vita alla materia significa trasformarla in emozione” – del nuovo spot che la vede protagonista insieme al famoso dj e compositore francese Bob Sinclar.

La gamma di Alfa Romeo MiTo MY 2011 offre 2 turbodiesel (1.3 JTDM-2 da 95 CV e 1.6 JTDM da 120 CV con intervallo di manutenzione ogni 35.000 km), 4 motori a benzina: il 1.4 78cv e i 3 motori Multiair: il 1.4 da 105 CV e i due Turbobenzina da 135 CV (abbinato a cambio manuale o al cambio automatico “Alfa TCT”) e da 170 CV.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: alfa romeo giulietta salone di ginevra

Lascia una risposta

 
Pinterest