Volkswagen raggiunge un accordo con il Governo USA

Volkswagen raggiunge un accordo con il Governo USA

13 gen, 2017

- Volkswagen concorda di pagare una cifra totale di $4,3 miliardi per sanzioni pecuniarie

- L’accordo include la nomina per tre anni di un supervisore indipendente

- CEO afferma: “Volkswagen è profondamente dispiaciuta per il comportamento che ha dato inizio alla questione Diesel.

Continueremo a cambiare il nostro modo di pensare e di lavorare”.

Fonte: Volkswagen Group Italia

 

Wolfsburg, Germania. 11 gennaio 2017 – Volkswagen AG ha concordato con il Governo statunitense di definire le cause penali e federali sull’ambiente e quelle civili contro l’Azienda relative alla tematica Diesel. Come parte dell’accordo, Volkswagen ha accettato di pagare sanzioni per un totale di $4,3 miliardi e di attivare una serie di misure atte a rafforzare la compliance e il sistema di controllo, inclusa la nomina di un supervisore indipendente per un periodo di tre anni.

Matthias Müller, CEO del Gruppo Volkswagen, ha detto:

“Volkswagen è profondamente dispiaciuta per il comportamento che ha dato origine alla questione Diesel. Da quando tutto è venuto a galla, abbiamo lavorato senza sosta per favorire i nostri Clienti e abbiamo già conseguito diversi risultati in tal senso. Gli accordi che abbiamo raggiunto con il riflettono la nostra determinazione per identificare la condotta scorretta che va contro tutti i valori di fondamentale importanza per Volkswagen. Si tratta di un considerevole passo avanti per la nostra Azienda e per tutti i nostri Collaboratori”.

Hans Dieter Pötsch, , ha affermato:

“Quando la questione del Diesel è divenuta pubblica, abbiamo promesso che saremmo andati fino in fondo per scoprire cosa fosse successo – globalmente e oggettivamente. Inoltre, abbiamo immediatamente istituito una task force all’interno del nostro reparto di Controllo di Gruppo che ha condotto un’indagine su processi, reporting e supervisione. Non siamo più la stessa Azienda che eravamo 16 mesi fa. Il Consiglio di Sorveglianza e il Consiglio di Amministrazione hanno fronteggiato le azioni del passato”.

La decisione comprende quattro accordi, incluso un patteggiamento con il Dipartimento di Giustizia (DOJ) congiuntamente a una dichiarazione sui risultati delle indagini e sui fatti accertati che hanno determinato la cattiva condotta.

Volkswagen ha collaborato nelle investigazioni del Dipartimento di Giustizia americano. Il Consiglio di Sorveglianza ha richiesto allo Studio Legale Jones Day di condividere con il DOJ tutte le informazioni raccolte nelle indagini indipendenti. La dichiarazione si basa sul dettagliato lavoro di Jones Day, così come sulle prove prodotte dal Dipartimento di Giustizia.

Termini della risoluzione USA

Come parte del patteggiamento con il DOJ, Volkswagen AG ha ammesso la colpevolezza in merito a tre accuse di reato in base alle legge statunitense. Il patteggiamento, che è soggetto all’approvazione della Corte Federale U.S., prevede il pagamento di una sanzione penale di $2,8 miliardi e la nomina di un supervisore indipendente per un periodo di tre anni, il quale dovrà valutare, sovraintendere e monitorare la conformità aziendale rispetto ai termini dell’accordo, comprese anche le misure per rafforzare ulteriormente la compliance, il reporting e le procedure di controllo, e l’implementazione di un programma avanzato di etica aziendale.

Volkswagen ha inoltre concordato di pagare una sanzione complessiva di $1,45 miliardi per risolvere le cause federali sull’ambiente e quelle civili in materia doganale. Separatamente, Volkswagen pagherà una sanzione civile di $50 milioni alla Divisione Civile del Dipartimento di Giustizia per evitare le potenziali cause previste dalla Financial Institutions Reform, Recovery and Enforcement Act (FIRREA). Volkswagen specificatamente nega ogni responsabilità e contesta la fondatezza di queste pretese, che sta definendo al fine di evitare l’incertezza e le spese di un protrarsi dei contenziosi.

Gli accordi annunciati definiscono la responsabilità di Volkswagen secondo le leggi USA, e non intendono riconoscere la responsabilità di Volkswagen, semmai vi fosse, secondo le leggi o le normative di altre giurisdizioni al di fuori degli Stati Uniti. Volkswagen continua a collaborare con le indagini del Dipartimento di Giustizia in merito alla condotta di singoli individui, e con le inchieste del Pubblico Ministero di Braunschweig e di Monaco. Nell’intento di non voler pregiudicare od ostacolare le indagini in corso, l’Azienda non commenterà ulteriormente la dichiarazione o i risultati del lavoro di Jones Day.

Progressi e riallineamento del Gruppo per il futuro

Dalla fine di settembre 2015, Volkswagen ha intrapreso azioni significative per affrontare la tematica Diesel e orientare il Gruppo verso il futuro. Il processo di cambiamento ora in corso è il più grande nella storia di Volkswagen e trasformerà il suo core business.

Le iniziative implementate in risposta alla questione Diesel includono un ulteriore rafforzamento dei processi operativi e un sistema di controllo e di report potenziato per assicurare chiare responsabilità, un più forte sistema di informazione interna e nuovi e più severi standard nei test per le emissioni. A prescindere dalle azioni che hanno determinato la questione Diesel, il Gruppo Volkswagen non lascerà nulla di intentato per prevenire violazioni delle norme e per identificare tempestivamente ogni inadempienza.

Pötsch ha affermato:

“La fiducia dei nostri Clienti, azionisti, partner, collaboratori e del pubblico in generale, è la cosa più importante per noi. Il Consiglio di Sorveglianza farà di tutto per assicurare che Volkswagen riacquisti la loro piena fiducia. Siamo determinati a far ciò accrescendo le qualità e i punti di forza di Volkswagen”.

Müller ha detto:

“Abbiamo intrapreso azioni significative per rafforzare la responsabilità, potenziare la trasparenza ed evitare che ciò accada ancora. Continueremo a cambiare il nostro modo di pensare e di lavorare. Siamo certi che Volkswagen diventerà un esempio di come un’azienda socialmente responsabile dovrebbe comportarsi, e sappiamo che il nostro successo non potrà mai prescindere dalla nostra condotta”.

Il Gruppo ha incrementato il proprio impegno per assicurare una maggiore attenzione all’etica e all’integrità, e sta decentralizzando la gestione in modo da garantire più autonomia alle Marche e alle Regioni. Queste, e altre azioni sostanziali intraprese dal Gruppo, sono parte di un ampio programma di trasformazione della cultura aziendale volta a creare una organizzazione più imprenditoriale e internazionale.

Volkswagen negli Stati Uniti

Volkswagen Group of America (VWGoA), controllata al 100% di Volkswagen AG, impiega più di 6.000 Collaboratori negli Stati Uniti e supporta oltre 1.000 Concessionarie nei 50 Stati.

Volkswagen ha una storia di oltre 60 anni negli USA, dove VWGoA mantiene più di 30 location tra cui una struttura produttiva a Chattanooga (Tennessee), certificata LEED Platinum.

Lo stabilimento di Chattanooga conta su più di 2.500 Collaboratori e coopera con fornitori per un totale di circa 9.200 posti di lavoro. Nella fabbrica si costruisce la Volkswagen Passat e la struttura è stata recentemente ampliata per consentire la produzione del nuovo SUV medio a sette posti, Volkswagen Atlas. Volkswagen impegnerà 900 milioni di Dollari per ampliare la propria presenza produttiva negli Stati Uniti con il nuovo SUV; in totale, dal 2015 al 2019,

Volkswagen AG pianifica volumi di investimenti per oltre 7 miliardi di Dollari in Nord America.

Altri accordi negli Stati Uniti

Il 25 ottobre 2016, Volkswagen ha ottenuto l’approvazione finale da parte della Corte per la risoluzione delle questioni civili relative a circa 475.000 veicoli Volkswagen e Audi con motore 2.0L TDI negli Stati Uniti. Volkswagen ha concordato di stanziare $2,7 miliardi in tre anni in un fondo fiduciario ambientale per porre rimedio alle emissioni di ossido di azoto  (NOx) eccedenti prodotte dai motori 2.0L TDI negli USA, e di investire $2,0 miliardi in 10 anni in infrastrutture e iniziative per promuovere l’utilizzo di veicoli a emissioni zero (ZEV).

Il 20 dicembre 2016, Volkswagen ha raggiunto un accordo con le Autorità ambientali per risolvere le questioni civili relative ai circa 83.000 veicoli con motore 3.0L TDI V6 negli Stati Uniti. Il Consent Decree proposto permette a Volkswagen di richiamare più del 75% dei veicoli con motore 3.0L TDI V6 coinvolti per renderli conformi agli standard emissivi per cui sono stati certificati, se gli aggiornamenti saranno approvati dagli Enti preposti. Il 22 dicembre 2016, il Gruppo Volkswagen ha raggiunto un accordo di massima con il Comitato Direttivo in rappresentanza dei privati (Plaintiffs’ Steering Committee, PSC) circa il risarcimento a favore dei Clienti statunitensi aventi diritto proprietari di veicoli con motore 3.0L TDI V6 che riceveranno sottoscrivendo un accordo transattivo. La Corte ha richiesto alle parti di presentare un accordo preliminare entro il 31 gennaio 2017.

Volkswagen ha raggiunto un accordo separato con 44 Stati, District of Columbia e Porto Rico per risolvere procedimenti a tutela dei Consumatori (State Consumer Protection Claims).

Il 18 ottobre 2016, Volkswagen ha ricevuto l’approvazione preliminare dell’accordo per i procedimenti di circa 650 rivenditori VW negli Stati Uniti relativi ai veicoli TDI interessati dalla tematica Diesel e altre questioni avanzate in merito al valore del franchising. La Corte ha fissato un’udienza il 18 gennaio 2017, per dare l’approvazione finale all’accordo.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: CEO Volkswagen diesel gate dieselgate governo usa Hans Dieter Potsch Matthias Müller politica Presidente del Consiglio di Sorveglianza

Lascia una risposta

 
Pinterest