Una finta città per testare le auto senza pilota

Una finta città per testare le auto senza pilota

3 lug, 2014

Si possono simulare incidenti e situazioni di pericolo in tutta sicurezza.

Fonte: ZEUS News

 

27 giugno 2014. L’unico modo per essere sicuri che un’auto senza pilota funzioni come si deve è condurre dei test in un ambiente reale, in cui i sistemi vengano messi alla prova in ogni aspetto.

È chiaro però che non è possibile lasciar girare per le città un’auto sperimentale e sperare che non faccia troppi danni, o semplicemente considerare gli eventuali incidenti come inevitabili.

Così, il Dipartimento dei Trasporti del e l’Università del hanno unito le forze per creare una città fasulla ma del tutto simile a un ambiente urbano reale.

Lì le possono essere provate in tutta sicurezza, e si possono anche creare di proposito situazioni di pericolo adoperando manichini e attrezzature varie.

L’area è situata all’interno del campus universitario e occupa 30 acri (oltre 120.000 metri quadrati); è dotata di strade – ovviamente – ma anche di segnali stradali, semafori, marciapiedi, edifici fasulli, luci stradali e ostacoli assortiti.

“Stiamo scrivendo del codice per la struttura. Saremo in grado di azionare la segnaletica in maniera da creare situazioni difficili, o far attraversare la strada a un pedone nel momento sbagliato, per esempio” –  spiega il professor .

Inoltre, l’intera “città” potrà essere riplasmata a piacimento, dando così la possibilità di effettuare i test in un’infinità di scenari differenti.

La finta città sarà pronta entro il prossimo autunno; , e si sono già prenotate per condurre dei test.

 

 

Foto:

Michigan campus driverless cars

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: auto senza conducente Edwin Olson ford general motors michigan toyota università michigan

Lascia una risposta

 
Pinterest