Sarà la Chevy Volt 2016 un’elettrica di massa?

Sarà la Chevy Volt 2016 un’elettrica di massa?

6 gen, 2015

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

4 Gennaio 2015. Mentre le auto elettriche sono abbastanza semplici nel concetto, è spesso molto più difficile per i rivenditori di auto spiegare i benefici dell’impianto elettrico range-extended e ibridi plug-in.

La scorsa estate, il chief marketing officer di Chevrolet, , ha detto che il marketing per la nuova Chevy Volt 2016 sarebbe completamente ripensato.

In tal modo, egli ha dichiarato che la Volt non è una macchina per il mercato di massa, ma che ha fatto appello a un insieme di acquirenti definiti dalla loro posizione – soprattutto costiera – così come la loro mentalità.

Per GM, in cinque anni, la Volt è stata “un prodotto impressionante nel suo design, prestazioni e tecnologia”, ha detto Mahoney.

 

Molto felici gli acquirenti Volt

“E ‘un vero e proprio alone per il marchio. Ci ha permesso di conquistare un enorme quantità di nuovi acquirenti che  hanno redditi elevati, come gli acquirenti della Corvette.

“La soddisfazione del cliente avviene attraverso il tetto”.

“Ma la realtà è che c’è un mercato perfetto per la Volt, ed è ben delimitato geograficamente”, ha continuato, in base ai dati che GM ha precedentemente discusso.

“La California è l’epicentro, ma non si tratta di non vendere Volt in Oklahoma ma di distribuire intelligentemente delle risorse per il veicolo. C’è un mercato nel nord-est e della West Coast per la Volt, e non c’è niente di male in questo…

“Questo è il bello di avere un ampio portafoglio di prodotti,” ha concluso Mahoney. “Ma la Volt non è un veicolo di mercato di massa”.

In un articolo di Forbes la settimana scorsa, questo autore ha contribuito a dare le risposte alle domande sul potenziale della Volt come un’auto di “mercato di massa”.

Lo scrittore Brooke Crothers ha definito la Volt un “mainstream plug-in hybrid deferred” (“ibrido plug-in differito”), in gran parte come una sintesi delle osservazioni di Mahoney.

Quelle che seguono sono alcuni punti della nostra conversazione, in cui abbiamo sentito le ragioni dell’analista industriale e cerchiamo di fornire il contesto per la prossima Volt.

Questi punti sono stati pubblicati nel pezzo di Forbes in risposta alle domande di Crothers ‘.

 

Prezzo altrettanto importante

In primo luogo, il marketing è solo uno dei numerosi fattori che pesano nel successo della Volt 2016.

Forse ancora più importante è il prezzo: può la Chevy Volt 2016 avere un livello di prezzo base di 29.995 $ (o meno), per essere presa in serie considerazione da molte più persone rispetto al prezzo di base 34.995 dollari del modello 2015?

Il prezzo medio delle transazioni per un veicolo venduto negli Stati Uniti è attualmente un po’ sopra i 30 mila dollari, ma il 20 o il 30 per cento di tale prezzo include gli optional – che significa un prezzo medio di base più vicino a 24 mila o 25 mila dollari.

Avere un prezzo base a partire da un “2″ piuttosto che da un “3″ dovrebbe fare che la Volt venga meglio notata.

La sfida c’è: i venditori della concessionaria devono poi fare il lavoro pesante di spiegare che un’autonomia in elettrico da 40 a 50 miglia copre più di due terzi della percorrenza di guida quotidiana, e che l’elettricità è molto più economica per miglio rispetto alla benzina (anche a livelli di due dollari per gallone ora visto in molti stati).

Non conosceremo i prezzi della Chevy Volt 2016 fino a pochi giorni dall’inizio delle vendite, ma scommettiamo che la Chevy avrà alcune altre discussioni difficili su tale questione.

 

Regionale è la realtà

Prezzo a parte, però, i commenti di Mahoney sul marketing della Volt riflettono solo la realtà attuale.

Nel corso degli ultimi quattro anni, la maggior parte delle Volt – e di tutta la varietà di auto elettriche plug-in – sono state vendute in alcuni pochi mercati. California è il più grande, gli stati del nord-est sono un altro, la regione del Pacifico nord-occidentale è il terzo.

Queste regioni sono storicamente più lungimiranti e progressive, e la maggior parte degli stati hanno incentivi di un tipo o di un altro per incentivare i contratti di noleggio o l’acquisto di auto elettriche.

California ospita non solo la sede di Tesla Motors, ma anche almeno quattro delle 10 fabbriche di auto elettriche del paese.

Nel corso del 2011 e del 2012, Chevrolet ha detto che avrebbe esteso la disponibilità della Volt a livello nazionale. In effetti, oggi è possibile acquistare una Volt in tutti i 50 stati, anche se richiede un po’ di sforzo per avere i rivenditori certificati Volt in molti di questi stati.

A quel tempo, Chevy ha voluto sottolineare il punto che la Volt non era una macchina di conformità (come la maggior parte delle elettriche vendute esclusivamente in California per raggiungere i parametri delle normative di vendita di veicoli a emissioni zero), ma è un membro a pieno titolo del portafoglio permanente di prodotti GM.

 

Questo potrebbe essere stato anche un imperativo politico

Ora che GM è di nuovo in mano ai privati e il tag “Govern Motors” sta cominciando a svanire, la società può essere più in grado di scegliere come spendere più efficacemente i propri dollari nel marketing della Volt.

Questo può significare meno tempo di trasmissioni nazionali e campagne regionali più mirate.

Come ha osservato accuratamente Mahoney, poche preziose Volt sono effettivamente vendute in Alaska o in Nord Dakota e Oklahoma – che in ogni caso sono mercati a basso volume.

Quindi ciò che ha suggerito è che Chevy punti semplicemente dove gli acquirenti di auto sono più ricettivi a considerare un veicolo plug-in, in primo luogo. Questo è solo un modo di massimizzare il ritorno sugli investimenti di marketing.

 

In ogni caso, che cosa è “il mercato di massa”?

Infine, c’è la questione se la Volt 2016 può essere considerata una macchina per il mercato di massa – nello stesso modo in cui, ad esempio, è la Toyota Prius.

Durante il 2013, Toyota ha venduto un totale di 234 mila veicoli in quello che oggi è il quarto modello della linea Prius. Chevy, invece, ha venduto 23 mila Volts nello stesso periodo.

I veicoli General Motors di più alto volume di vendite sono la Chevy Silverado e GMC Sierra full-size pickup, che ammontano a 665 mila complessivamente.

Solo per Chevy, dopo la Silverado, c’è la berlina compatta Cruze venduta in 248 mila unità nel 2013, seguita da 238 mila Crossover compatti Equinox, da 200 mila berline Malibu di medie dimensioni, e da 85.600 berline Sonic.

Quanto tempo ci vorrà alla Volt per raggiungere quei livelli? Probabilmente saranno diversi anni.

 

Possono le Volt raggiungere nelle vendite la Suburban?

Ma Chevy ha anche nella propria gamma diversi membri di volume inferiore. Ha venduto 51 mila Suburban SUV full-size nel 2013, insieme a 34 mila minicar Spark.

Sono i veicoli del mercato di massa? Questo potrebbe essere discusso a lungo. Ma questi numeri non sono affatto irragionevoli per la Volt nel suo primo o secondo anno completo di vendita (2016 o 2017, rispettivamente).

Molto può dipendere da quanto aggressivo Chevy vuole essere sul titolo di successo del veicolo elettrico americano (in vendite cumulative) che la Volt ha tenuto negli ultimi anni.

Le vendite mensili della Nissan Leaf erodono costantemente la leaderiship ed è possibile che le vendite totali della Leaf da December 2010 supereranno quelle della Volt modello 2015, prima che la produzione e le vendite della nuova Volt 2016 facciano il loro avvio serio la prossima estate e l’autunno.

Tenuto conto di queste vendite parziali dei diversi anni della nuova Volt, sarà interessante vedere se altre Volt o Leaf verranno vendute nel corso di questo anno solare. Dal punto di vista di oggi, potrebbe andare in entrambi i modi.

 

I proprietari saranno chiave

Nella sua presentazione di agosto, Mahoney ha anche detto che prevede di impiegare i proprietari della Chevy Volt per aiutarlo a vendere l’auto.

I proprietari di Volt registrano il più alto livello di soddisfazione dei clienti che qualsiasi veicolo GM abbia mai venduto e sono “evangelisti” appassionati, come del resto la maggior parte dei proprietari di auto elettriche in questi giorni.

Come sostenitori delle auto elettriche sanno da tempo che per ottenere potenziali acquirenti in realtà bisogna guidare e sperimentare un’auto elettrica e che questa è la chiave per l’aumento delle vendite.

Se Mahoney prevede di utilizzare i proprietari è da vedere. Ma se può farlo elegantemente, Chevy può avere una gamba in più rispetto la Leaf (a meno che o fino a quando Nissan inizi a fare lo stesso con i suoi proprietari, che ancora vedono favorevolmente la Leaf – ma forse non così tanto come i proprietari Volt. )

Alla fine, ci aspettiamo che le vendite della Volt di seconda generazione siano notevolmente superiori a quelle del modello 2011-2015.

La nuova vettura è stata probabilmente progettata per offrire un utile a volumi più elevati e scommettiamo che Chevy è ora alle prese con il modo di raggiungere questo obiettivo.

La campagna di marketing sarà la chiave – insieme con il prezzo della vettura – e avremmo probabilmente maggiori dettagli entro la fine dell’anno.

Dipende da lei, signor Mahoney.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: chevrolet volt Tim Mahoney

Lascia una risposta

 
Pinterest