Rivalutato il vecchio e caro piombo

Rivalutato il vecchio e caro piombo

28 ott, 2013

Le tecnologie delle batterie al sono sostenibili a lungo termine, afferma un nuovo studio

Fonte: ()

Londra, Inghilterra. 24 ottobre 2013. Non ci sono preoccupazioni circa la disponibilità di materie prime o la sicurezza di approvvigionamento per le batterie a base di piombo nel prossimo futuro, secondo un nuovo studio.

In un progetto per la valutazione della disponibilità attuale e futura di risorse di un certo numero di tecnologia delle batterie per uso nell’automotive, condotto dalla International Lead Association (ILA), la batteria a base di piombo ha una sostenibilità a lungo termine provata nel momento in cui vi sono delle preoccupazione nel Stati Uniti ed in Europa in merito alla disponibilità di risorse naturali necessarie per le esigenze future.

Attualmente la batteria al piombo è la tecnologia scelta per l’avviamento, le luci ed i servizi dei veicoli convenzionali con motore a combustione quali automobili e camion. Infatti tutte le macchine su strada sono dotate di una batteria al piombo acido, come tutti i veicoli ibridi ed elettrici richiedono un questo tipo di batteria per fornire energia per l’elettronica di bordo e l’azionamento dei dispositivi di sicurezza.

In una presentazione del International (Gruppo Internazionale di studio dello Piombo) tenutasi a Lisbona questo mese, il Dott. di ILA ha detto che non ci sono problemi di disponibilità di piombo. Ha anche evidenziato la quantità di successi e l’efficienti e infrastrutture di riciclaggio di batterie al piombo come le principali ragioni di questa disponibilità, con più della metà dei 10 milioni di tonnellate di metallo piombo raffinato prodotto nel 2012 in tutto il mondo provenienti da fonti riciclate. ILA ha anche analizzato la disponibilità delle risorse di materiali quali rame, calcio, selenio e stagno che possono essere utilizzati come elementi di lega a base di piombo nelle batterie, segnalando che non ci sono problemi di disponibilità delle risorse.

Il Dr. Davidson ha spiegato che il piombo è uno dei soli tre metalli in grado di fornire una portata globale di oltre il 50 % della produzione, con un tasso di riciclo a fine vita delle batterie al piombo-acido di oltre il 95 % negli Stati Uniti e in Europa. Nei soli Stati Uniti, il riciclaggio di batterie al piombo acido si attesta a 2,4 milioni di tonnellate di batterie dismesse.

Egli ha riferito che mentre il mercato dei veicoli a combustione convenzionali dovrebbe diminuire nel corso dei prossimi 40 anni, le tecnologie sostitutive possono continuare ad utilizzare batterie al piombo per fornire energia sia per i dispositivi elettronici che per quelli di sicurezza dei veicoli.

Il Dr. Davidson ha aggiunto: “le batterie al piombo operano efficacemente in un circuito chiuso in cui tutte considerazioni commerciali contemplano la raccolta efficiente ed il riciclaggio delle batterie usate alla fine della loro vita. Come tale, il piombo è un fantastico esempio di economia circolare in azione – cosa che i politici di tutto il mondo riconoscono sempre di più per affrontare gli impatti ambientali e sociali negativi associati con l’estrazione delle materie prime e la produzione”.

Lo studio è una parte delle attività attualmente in corso, in collaborazione con l’Association of European Automotive and Industrial Battery Manufacturers () e le associazioni di costruttori di autovetture provenienti da Europa, Giappone e Corea del Sud (, e ) per sostenere una futura direttiva UE per i veicoli a fine vita.

Il Dr. Davidson ha poi evidenziato i risultati contrastanti per le altre tecnologie delle batterie che forse sollevano preoccupazioni per la futura sostituzione diffusa del piombo con altri materiali se ciò risultasse essere tecnicamente ed economicamente fattibile. Una delle tecnologie suggerite come sfidante del piombo è quella della batteria agli ioni di litio. Questo attualmente ha un uso molto limitato nell’avviamento e servizi dei veicoli, sono utilizzate solo in veicoli di lusso e nelle auto da corsa, soprattutto a causa delle attuali sfide tecniche quali l’avviamento a freddo e del significative differenze di costo di questa tecnologia.

Nell’analisi di questo studio riguardo la disponibilità del litio, lo studio ILA ha elencato un numero di sfide affrontate da questa tecnologia delle batterie per poter competere con le -acido. Per esempio, se le batterie al litio dovessero essere prodotte nelle stesse quantità delle batterie al piombo, la produzione di litio dovrebbe essere aumentata di oltre tre volte e tutto questo potrebbe essere una sfida significativa per la disponibilità del litio come una risorsa.

Più di 600m di batterie al piombo sono state prodotte nel 2012 e se questo numero fosse rimpiazzato da batterie agli ioni di litio, richiederebbe 90.000 tonnellate di litio, ma mentre ci sono abbondanti riserve di litio, la produzione attuale in tutto il mondo è 37.000 tonnellate di litio, delle quali la quantità utilizzata per le automobili è inferiore a 10.000 tonnellate.

La maggior parte del litio si trova in Sud America in Argentina, Bolivia e Cile e il Dr. Davidson ha evidenziato il rischio intrinseco di avere una risorsa che è disponibile solo in una zona specifica del mondo. Ad esempio, qualsiasi disordine o instabilità dei governi delle regioni potrebbe notevolmente influenzare la fornitura di litio ed avere un impatto sul prezzo della batteria e di conseguenza del costo del veicolo.

Il Dr. Davidson ha studiato anche il riciclaggio delle batterie agli ioni di litio, che agli inizi. Attualmente meno dell’1% del litio viene riciclato e solo poche aziende sono in grado di riciclare le batterie agli ioni di litio. Inoltre, a causa delle diverse chimiche utilizzate nelle batterie agli ioni di litio, si attende una serie di sfide tecniche per i riciclatori. Il riciclaggio delle batterie agli ioni di litio non è attualmente economicamente sostenibile, quindi il litio riciclato potrebbe costare fino a cinque volte di più dalla produzione primaria. Il litio ha anche un basso valore economico e qualsiasi riciclaggio sarebbe probabilmente più interessanti per gli altri metalli della batteria come il nichel e il cobalto.

Questo studio ha raccomandato ai responsabili politici di considerare più delle questioni tecniche il fatto di sostituire una sostanza con un’altra. E’ chiaro che c’è spazio nel mercato per diverse batterie chimiche e che la sostituzione diffusa di altissimo volume di merci come le batterie al piombo e la loro economia circolare ben consolidata e altamente efficiente, con una chimica tecnicamente più complessa che si affida maggiormente alla estrazione primaria di materie prime critiche, può presentare problemi imprevisti come la futura disponibilità delle risorse naturali.

Riguardo ILA

International Lead Association è un ente che supporta le aziende coinvolte nella estrazione, fusione, raffinazione e riciclaggio del piombo. L’ ILA rappresenta i produttori di circa 3 milioni di tonnellate di piombo.

Con uffici nel Regno Unito e negli Stati Uniti l’ILA fornisce una gamma di mezzi tecnici, scientifici e di comunicazione e si concentra su tutti gli aspetti della produzione nel settore sicurezza, l’uso e il riciclaggio del piombo e finanzia organi quali l’International Lead Management Center e l’International Lead Zinc Research Organization

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: ACEA Alistair Davidson batterie piombo EUROBAT ila International Lead Association jama kama Lead Zinc Study Group piombo zinco

Un commento

  1. ziomaul /

    Le stime del litio si basano SOLO sulle miniere aperte e non tutti i depositi che ammontano ad 100volte tanto.
    Inoltre il riciclo di litio dalle batterie è economico quanto quello del piombo oramai: L’alto costo di riciclo era dovuto al basso numero di batterie litio.

    Ciao

Lascia una risposta

 
Pinterest