Richiamata la Tesla Model X per gli schienali dei sedili della terza fila

Richiamata la Tesla Model X per gli schienali dei sedili della terza fila

14 apr, 2016

La decisione presa dopo aver effettuato il test europeo di sicurezza

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

12 Aprile 2016. Tesla Motors richiamerà 2.700 Crossover Model X elettrico veicoli per sostituire gli schienali dei sedili della terza fila dopo che una poltrona inaspettatamente è scivolatoa durante le prove di resistenza.

I veicoli in questione sono stati costruiti prima del 26 marzo e sono stati tutti venduti negli Stati Uniti.

Tesla ha detto in una lettera via e-mail ieri indirizzata ai proprietari che hanno scoperto il problema del sedile durante lo svolgimento dei test di sicurezza prima di iniziare le consegne della Model X in Europa.

La società avrà i suoi Centri di Assistenza pronti a sostituire gli schienali dei sedili della terza fila, un compito che richiederà circa due ore. La società prevede di produrre i componenti necessari entro cinque settimane.

Fino ad allora, ha scritto, si chiede che i proprietari “temporaneamente non facciano sedere nessuno nei sedili della terza fila, mentre la macchina è in uso.”

Tesla ha detto che i costi del richiamo saranno sotto la responsabilità di SA, che produce i sedili della terza fila, secondo un rapporto di Bloomberg.

Nessun problema con i posti a sedere è stato riportato nell’uso nel mondo reale, ha detto l’azienda ai giornalisti in una conference call di ieri pomeriggio.

Si sta richiamando l’auto per il problema dei sedili “con un eccesso di cautela verso i nostri clienti”, ha detto il presidente vendita e assistenza Tesla Jon McNeil.

Il SUV elettrico di lusso ha superato 15 prove di resistenza in sedi separate senza problemi, secondo Tesla, ma un 16esimo test più severo effettuato durante i test europeo di mercato ha rivelato la questione del sedile.

Tesla ha avuto due precedenti richiami di sicurezza del sedile.

Nel dicembre 2013, ha richiamato circa 1.300 berline elettriche Model S per fissare una staffa attaccante potenzialmente indebolita nella parte posteriore sinistra di fissaggio del sedile derivanti da adeguamenti della fabbrica per l’allineamento di stampati in alluminio che compongono il lato della carrozzeria della vettura.

Poi, lo scorso novembre, ha richiamato 90.000 Model S per verificare la forza delle loro cinture di sicurezza dopo aver scoperto una sola auto in Europa con una “cintura di sicurezza anteriore che non è stata collegata correttamente al pretensionatore sulla parte esterna”, disse ai suoi clienti.

Nessuno dei tre problemi ha portato ad eventuali incidenti in circolazione su strada di nessun’auto elettrica Tesla, e gli analisti del settore hanno detto riguardo il produttore di Silicon Valley di essere aggressivo e proattivo nella sua strategia di richiamo.

Ma i richiami evidenziano le sfide per garantire la massima qualità dei pezzi forniti e dell’assemblaggio del veicolo in qualsiasi automobile moderna che deve rispettare le migliaia di requisiti specifici e spesso di decine di diversi regimi di regolamentazione di tutto il mondo.

La Rivista Consumer Reports ha detto lo scorso ottobre che non poteva più raccomandare la Model S, perché l’affidabilità prevista della vettura era inferiore alla media.

Nei forum dei proprietari di Tesla si trovano anche molte lamentele riguardo la forma e la funzione delle “porte ad ala di falcone” sui primi veicoli della Model X.

Il CEO Elon Musk ha ammesso che la Model X era troppo ambiziosa e che, in retrospettiva, l’azienda poteva aver fatto un lavoro non così complesso.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: ceo tesla elon musc futuris John McNeil tesla model x

Lascia una risposta

 
Pinterest