Prima Cina e ora India contro le emissione di carbonio

Prima Cina e ora India contro le emissione di carbonio

14 ott, 2015

Prima la , ora l’ impegnata a ridurre le emissione di carbonio

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

11 Ottobre 2015. Il cambiamento climatico è una questione politica caldamente dibattuta negli Stati Uniti, ma in realtà richiede un consenso ancora più grande.

Le nazioni del mondo si riuniranno a a dicembre per discutere una strategia globale di lotta al cambiamento climatico.

Questo includerà i piani in dettaglio dei singoli paesi del modo in cui dovrebbero ridurre le loro emissioni di .

Mentre i colloqui si avvicinano, molta attenzione viene rivolta alla Cina ed all’India – due paesi con economie in crescita che sono responsabili di massicce quantità di emissioni di anidride carbonica.

La Cina ha preso alcune misure per ridurre le emissioni di carbonio, ma l’India ha resistito a prendere qualsiasi impegno simile.

Il paese è il terzo più grande inquinatore di carbonio del mondo, ed è stato l’ultimo a presentare un piano per ridurre le emissioni di gas serra in vista dei colloqui di Parigi, secondo il New York Times

Questo segna una sorta di compromesso sulla posizione dell’India nella politica sui cambiamenti climatici.

I leader indiani hanno detto che la loro priorità è di sollevare la loro popolazione dalla povertà e che una rete elettrica a carbone è necessaria per raggiungere questo obiettivo.

Essi hanno anche sostenuto che i paesi ricchi come gli Stati Uniti hanno la responsabilità morale per il cambiamento climatico, e non devono negare ai paesi poveri la possibilità di crescere alle loro economie senza restrizioni.

Il piano proposto dall’India per contrastare il cambiamento climatico appare influenzato sia da questo pensiero che dalla pressione internazionale ad unirsi con le altre nazioni nella riduzione delle emissioni di carbonio.

A differenza degli Stati Uniti, l’Unione Europea, la Cina e il Brasile, l’India non sta puntando a riduzioni assolute delle emissioni di carbonio.

Invece, il suo piano consente che le emissioni continuino ad aumentare, ma ad un ritmo più lento rispetto quello se venissero applicate le restrizioni.

Si prevede una riduzione delle emissioni da combustione di combustibili fossili dal 33 a 35 per cento rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030.

India mira anche a produrre il 40 per cento della sua elettricità da fonti di combustibili non fossili – tra cui energia eolica, solare, idroelettrica e l’energia nucleare – entro lo stesso anno.

Secondo i termini del piano, le emissioni di carbonio in India sarebbero ancora triplicate ai livelli del 2005 entro il 2030.

Ma i funzionari dicono che se il paese non assume alcuna azione, le emissioni cresceranno sette volte.

Nessuno di questi obiettivi sono basati sui contributi finanziari dei paesi più ricchi – qualcosa che gli analisti di politica climatica considerano significativa.

Tuttavia, l’India chiede “trasferimento di tecnologia” proveniente da altri paesi, per aiutarle e stabilire industrie di tecnologie green in altri paesi più poveri.

Nonostante tutti i paesi hanno presentato i propri piani di riduzione delle emissioni, gli esperti sono preoccupati segnalando che essi non avranno un abbastanza grande impatto collettivo.

Se tutti i piani nazionali sarebbero seguiti, il riscaldamento globale potrebbe essere ridotto a 6,3 gradi Fahrenheit entro la fine del secolo, secondo Climate Interactive.

Questo è inferiore agli 8.1 gradi predetti se i Paesi non fanno niente, ma lascia ancora il pianeta molto più caldo rispetto il target di 3,6 gradi indicato nel 2010.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: anidride carbonica cina india inquinamento parigi

Lascia una risposta

 
Pinterest