Presentata la nuova Infiniti Q50

Presentata la nuova Infiniti Q50

26 feb, 2014

di Marcelo Padin

Direttore Editoriale Eletric Motor News

 

Milano, Italia. 25 febbraio 2014. E’ stata presentata a Milano la nuova , che verrà proposta sul mercato sia in versione diesel che in versione ibrida.

Electric Motor News è stata invitata alla prova che abbiamo svolto in un percorso da Milano fino a Pavia (la foto che vedete è stata fatta nel ponte di Bereguardo). Nell’articolo vi presentiamo tutti i particolari della vettura che avremo in prova per svolgere un accurato test drive.

 

L’auto di lusso con una nuova filosofia di vita

  • Linee seducenti e nuove tecnologie intuitive si fondono con l’approccio orientato in primis alle prestazioni tipico di Infiniti, per lanciare una provocatoria novità in un segmento finora del tutto prevedibile del mercato europeo delle vetture di lusso.
  • Ogni aspetto della Infiniti Q50 è frutto di passione e precisione rivolte a utenti aziendali e privati abituati a pensare in modo indipendente e alla ricerca di un’alternativa di lusso assolutamente innovativa, che non scenda a compromessi per quanto riguarda il piacere di guida o l’orgoglio di possedere qualcosa di speciale.
  • La potenza del propulsore Direct Response – il ‘nuovo turbocompressore’ – e il primo motore diesel quattro cilindri di Infiniti; il primo sistema con tecnologia steer-by-wire al mondo; dispositivo Active Lane Control in anteprima mondiale; ambiente digitale altamente personalizzabile con doppi schermi con tecnologia touchscreen in dotazione su tutta la gamma.

, Presidente, Infiniti Motor Company

“La Q50 incarna tutto ciò di cui Infiniti si fa portatrice: design istrionico eppure seducente, agilità prestazionale e i massimi livelli di tecnologia intuitiva. Oltre a essere un’auto per veri appassionati della guida.”

Infiniti Q50 in pillole

  • Il primo dei modelli Infiniti Q di nuova generazione
  • Linea sensazionale ispirata agli stilemi prototipali e basata su forme naturali
  • Tecnologia Direct Response ‘senza compromessi’ sulla Q50 3.5h: da 0 a 100km/h in 5,1 secondi con 144/km di emissioni di CO2
  • Prestazioni dinamiche ottimizzate dal primo sistema steer-by-wire disponibile a livello mondiale
  • La prima Infiniti con motore diesel a quattro cilindri da 2.2 litri: 400Nm di coppia e livelli di CO2 pari a 114g/km
  • L’ufficio mobile si evolve grazie a doppi schermi a sfioramento con interfaccia Infiniti InTouch per una connettività immediata
  • Listino prezzi assolutamente competitivo e dotazioni standard generose
  • Pacchetti di optional ad elevato valore aggiunto a garanzia della massima flessibilità
  • Sistema Active Lane Control per ridurre il livello di stress e ‘calamitare’ la vettura all’interno della corsia
  • L’auto con ambiente digitale più personalizzabile nella classe di appartenenza: 96 impostazioni su 10 funzioni
  • Interasse ai vertici del segmento per la massima comodità dei sedili posteriori
  • Debutto dei sedili anteriori ‘antifatica’ sviluppati in un contesto NASA a gravità zero
  • Debutto della tecnologia Advanced Staging per il nuovo sistema audio surround di marca Bose

, Vice President di Infiniti per Europa, Medio-Oriente e Africa

“Infiniti Q50 è un’automobile che rompe con i limiti della tradizione e porta una nuova filosofia di design, lusso e tecnologia nel segmento delle berline medie di lusso. A noi di Infiniti non interessa mantenere lo status quo, e pensiamo non interessi nemmeno ai clienti.”

Infiniti Q50 in cifre

Potenza, prestazioni ed economia dei consumi

Q50 2.2d 6TM               Q50 2.2d 7TA               Q50 3.5h 7TA Traz.post.

Potenza erogata                                   170CV                          170CV                          364CV

Coppia motrice                        400NM                         400NM                         546NM

Velocità max (km/h)                  231km/h                       230km/h                       250km/h

Velocità max. (miglia orarie)      144m/orarie                  143m/orarie                  155m/orarie

Accelerazione 0-100km/h

(62m/orarie)                              8,7 s                            8,5 s                            5,1 s

Consumi su ciclo comb. NEDC 4,4 l/100km (Sport: 4,5) 4,8 l/100km (Sport: 4,9) 6,2 l/100km (tr.int.: 6,8)

Consumi su ciclo comb. NEDC

(UK)                                        64,2m/gal (Sport: 62,8) 58,9m/gal (Sport: 57,7) 45,6m/gal (tr.int.: 41,5)

Emissioni CO2 114g/km (Sport: 118)    124g/km (Sport: 128)    144g/km (tr.int.: 159)

Dimensioni e peso

Lunghezza        (mm)               4790

Larghezza                                1820

Altezza                                    1455

Interasse                                  2850

Dimensione ruota                     17” (19” su versione Sport e 3.5h)

Peso in ordine di m. (kg)           da 1641

Capacità bagagliaio VDA/lt       400/510 (Q50 Hybrid: 310/400)

Cx                                           0,26

, Responsabile Prestazioni di Infiniti

“Sono rimasto colpito daI risultato ottenuto con la Q50 – un’auto che è davvero un piacere guidare. Le sospensioni sembrano quelle di una vettura sportiva e, insieme allo sterzo, garantiscono una risposta eccellente. Trovo notevole anche la potenza del propulsore ibrido con tecnologia Direct Response.”

 

Breve storia della gamma Q

La lettera Q è sempre stata sinonimo di Infiniti sin da quando il marchio giapponese di auto di lusso e prestazionali ha lanciato il suo primo modello, l’iconica Q45, ormai quasi 25 anni fa. Da allora, questa lettera è parte integrante della storia di successi di Infiniti in mercati come gli Stati Uniti.

Ora la Q50 è il primo di una nuova generazione di modelli Infiniti che ancora una volta sarà contrassegnata dalla lettera Q o, nel caso dei cross-over, dalla sigla QX. Così come la Q, anche la sigla QX affonda le sue radici nel passato di Infiniti, quando nel 1997 venne lanciato il modello SUV QX4.

La Q50 è la prima Infiniti a riportare la nuova nomenclatura, ma presto seguiranno altri modelli che contribuiranno a creare una gamma Infiniti Q completa – fino al bolide di F1 del team Infiniti Red Bull Racing guidata dal Responsabile Prestazioni di Infiniti Sebastian Vettel.

 

Gamma Infiniti Q

Q30 (in fase prototipale, produzione a Sunderland, Regno Unito, a partire dal 2015)

Q50 (nuova berlina sportiva, in vendita dall’autunno del 2013)

QX50 (ex-EX)

Q60 (ex-G Coupe e G Cabriolet)

QX60 (ex-JX, in Stati Uniti e Russia)

Q70 (ex-M)

QX70 (ex-FX)

QX80 (ex-QX56 in Stati Uniti e Russia)

Q100 (auto di F1 del team Infiniti Red Bull Racing)

, Direttore Esecutivo del Design di Infiniti

“Il design si esprime in una lingua fatta di proporzioni d’effetto, superfici tese e scattanti e linee dalla seducente dinamicità. Il design della Q50 è istintivo, moderno e possente, e molto più vicino alle forme naturali di qualsiasi altra auto di questo segmento.”

 

Infiniti Q50: gamma, prezzi, allestimenti

La Infiniti Q50 è disponibile con motore diesel da 2.2 litri oppure con propulsore ibrido benzina/elettrico da 3.5 litri basato sul sistema Direct Response. L’unità 2.2d può essere abbinata a un cambio manuale a 6 rapporti o alla trasmissione automatica a 7 velocità e ha la trazione sull’asse posteriore. Il propulsore 3.5h è proposto solo con la trasmissione automatica a 7 velocità e offre la possibilità di scelta fra trazione posteriore e trazione integrale intelligente. Tre i livelli di allestimento disponibili per i modelli diesel – SE, Premium e Sport –, mentre il modello Hybrid viene commercializzato solo in una versione completamente equipaggiata.

Tutti i modelli della Q50 sono dotati di un generoso elenco di equipaggiamenti standard di livello adeguato allo stile Infiniti, che possono tuttavia essere integrati con pacchetti opzionali studiati per offrire all’acquirente la maggiore flessibilità e libertà di scelta possibili. Per maggiori dettagli su prezzi e dotazioni specifiche per il Paese di appartenenza, si invita a consultare il foglio informativo allegato a parte.

A completamento del look della Q50 vengono proposte otto diverse tonalità per la carrozzeria – Nero Ossidiana, Bianco Chiaro di Luna, Platino Liquido, Polvere di Grafite, Blu Hagane, Castagna, Rubino Veneziano e Nero Malbec. Tutte le finiture sono realizzate in vernice Scratch Shield antigraffio autoriparante.

In qualunque sua forma, la Infiniti Q50 ha tutte le credenziali necessarie per rappresentare un’alternativa stimolante alle ormai note scelte user-chooser nel settore delle auto aziendali, con costi operativi estremamente competitivi  nell’arco dell’intera vita del prodotto. Emissioni di CO2 ridotte e un prezzo interessante garantiscono livelli di tassazione competitivi (a seconda del Paese), mentre i sistemi altamente tecnologici disponibili per la Q50 la rendono un ufficio mobile di tutto rispetto e al tempo stesso un’auto ideale per una guida rilassante sui lunghi tragitti autostradali.

Il servizio di assistenza clienti VIP, che fa parte dell’esperienza completa di possesso di Infiniti, fa sì che chi guida una Infiniti Q50 non debba assolutamente preoccuparsi per l’assistenza alla vettura né sulle lunghe distanze né nel traffico cittadino. A seconda del Paese, i Centri Infiniti offrono un servizio di accompagnamento a casa o in ufficio nei giorni in cui è prevista la manutenzione programmata (il servizio può essere a pagamento).

 

Il design della Q50: un’eredità estremamente ricca

Allontanandosi dai temi stilistici familiari del segmento, in cui nove auto su dieci sono di marchio tedesco, la Infiniti Q50 si distingue per la sua diversità, le sue linee tese che risultano al tempo stesso possenti e fluide, poiché trovano ispirazione nelle forme naturali piuttosto che nella geometria. Ecco quindi che il design della Q50 risulta nettamente più emozionante di quello delle concorrenti – un ‘volto’ nuovo la cui particolarità è riassunta dai nuovi e appariscenti proiettori anteriori e dal distintivo montante “C” tagliato a mezzaluna.

La carrozzeria da spaziosa berlina quattro-porte della Q50 riflette molti dei tratti stilistici già proposti nella trilogia di eccezionali concept car di Infiniti – i modelli Essence, Etherea e Emerg-E – che negli ultimi quattro anni hanno contribuito a costruire il fascino distintivo, seducente e unico del marchio.

“La Q50 porta dentro di sé il DNA stilistico di Infiniti,” spiega Alfonso Albaisa, Direttore Esecutivo del Design di Infiniti. “Per noi un prototipo è molto di più che un esercizio di autoindulgenza da mostrare ai  saloni. E’ la tela su cui dipingiamo i nostri sogni per la vettura che andrà poi in produzione. Ora con la Q50 vediamo quei sogni trasformarsi in realtà.”

Ma non è soltanto la linea esteriore della Q50 ad aver subito l’influsso della trilogia di prototipi Infiniti; anche negli interni si ritrovano infatti linee e materiali già proposti nella Essence, Etherea e Emerg-E.

“Le concept car sono il banco di prova ideale per l’abilità artigianale e la tecnologia d’avanguardia senza le quali nessuna Infiniti potrebbe dirsi completa,” aggiunge Albaisa. “I materiali e gli approcci stilistici presentati in via sperimentale con i prototipi hanno avuto una grande influenza sulla Q50 e sono in gran parte la ragione per cui gli interni della nuova berlina sono così speciali.”

Una scrupolosa attenzione ai dettagli e finiture di alta qualità sono ulteriori esempi dell’influsso esercitato dalle tre concept car sulla Q50. Ad esempio, la carrozzeria della Q50 non è solo espressione di una nuova eleganza in movimento ma anche di tecniche costruttive così precise da garantire un livello di accuratezza nell’incastro dei pannelli ai vertici del segmento.

La linea della Q50 è aerodinamica oltre che seducente: la carrozzeria basata sul concetto di “portanza zero” porta il Cx a un livello eccellente pari solo a 0,26 nella versione standard.

Dal prototipo alla realtà: la nascita stilistica della Q50

  • Luci anteriori (Etherea, 2011) I caratteristici proiettori della Q50 sono cambiati ben poco rispetto a quelli visti in anteprima sulla Etherea. Nel prototipo, così come nella Q50, le luci sono praticamente gli “occhi” della vettura. Come spiega Alfonso Albaisa, Direttore Esecutivo del Design di Infiniti: “Le luci ci permettono di definire il frontale di Infiniti più chiaramente che mai, lasciando una firma visiva unica, di giorno così come di notte.” I gruppi ottici integrano le luci per marcia diurna formate da LED disposti a mezzaluna, un motivo che si ritrova nella sezione posteriore dove le luci si allungano attorno alla vettura secondo uno schema che ricorda la Essence.
  • Montante “C” a mezzaluna (Essence, 2009) Uno degli spunti stilistici più caratteristici della Essence, il montante “C” tagliato a mezzaluna, è stato utilizzato sulla Q50 nella sua espressione più pura e più potente, in grado di iniettare dinamismo nel profilo e garantire che questa berlina di medie dimensioni sia sempre riconoscibile all’istante.
  • Griglia tridimensionale a doppio arco (Essence 2009 e Emerg-E, 2012) La griglia a doppio arco di Infiniti – in cui l’arco superiore rappresenta il profilo di un tipico ponte giapponese, mentre quello inferiore ne rappresenta il riflesso nell’acqua – è da lungo tempo un tratto importante del frontale di Infiniti. Nella Q50 questa griglia assume una maggiore tridimensionalità grazie a un’accentuata consistenza e profondità ispirata al motivo introdotto dalla concept Essence, con il suo inconfondibile e prezioso frontale a nido d’ape in acciaio.
  • Sezione della carrozzeria profonda (Essence, 2009) La sezione della carrozzeria profonda e fortemente inclinata fa della nuova Infiniti Q50 una delle vetture con le superfici più complesse della classe di appartenenza. Questo perché la Q50 ha ereditato le linee già proposte con successo dal prototipo Essence, le cui sezioni della carrozzeria a forma di onda conferivano al profilo del grande coupé di lusso un eccezionale effetto di modernità e drammaticità. Sulla Q50 il risultato è ancora una volta di grande impatto e sottolineato dalle fiancate particolarmente possenti.
  • Configurazione asimmetrica dell’abitacolo (Essence, 2009 e Emerg-E, 2012) Un abitacolo focalizzato sulle esigenze di chi guida è una delle caratteristiche fondamentali di qualsiasi Infiniti – così come lo è la capacità di creare un ambiente accogliente e rilassante per il passeggero seduto davanti. La Essence, e successivamente la Emerg-E, sono riuscite a combinare entrambe le cose nella stessa vettura seguendo uno schema Yin-Yang rivisitato, che è poi quello che la Infiniti Q50 porta nelle concessionarie nella sua versione di produzione. Il risultato è un abitacolo con sezione anteriore asimmetrica, formato da due aree distinte delineate da un profilo che curva elegantemente attraversando la console centrale.
  • Finiture degli interni (Essence, Etherea e Emerg-E) Il fascino delle concept car di Infiniti è dato anche dall’interpretazione in chiave moderna della ricca tradizione artistica e artigianale giapponese. Questa tradizione rivisitata si ritrova in molti dettagli della Q50, come ad esempio gli inserti di alluminio “Kacchu” realizzati con finiture che ricordano le trame intricate di tessuti preziosi.

 

Possente nell’aspetto e nella piattaforma

La possenza trasmessa dalla linea della Q50 si basa su una piattaforma altrettanto potente, una versione ‘su misura’ della più recente tecnologia telaistica di Infiniti. Le sospensioni anteriori a doppio braccio oscillante e multilink posteriori (con ammortizzatori Dual Flow Path) garantiscono manovre composte e precise migliorando al contempo il confort di marcia. La manovrabilità è ulteriormente ottimizzata da una scocca con struttura più rigida e – grazie a numerosi componenti in alluminio – di peso inferiore.

Per le versioni sportive, caratterizzate da un gruppo paraurti anteriore riprofilato e da un look ancora più affilato, sono previste sospensioni con taratura sportiva oltre che freni con rotori migliorati e pinze anteriori a 4 pistoncini e posteriori a 2 pistoncini. Tutte le versioni della Q50 sono state progettate per montare pneumatici run-flat di terza generazione, per la comodità e la sicurezza di chi le acquista.

 

Design degli interni in perfetta armonia con la tecnologia

Internamente, la Q50 pone enfasi sull’eleganza naturale, la spaziosità dei sedili posteriori e la maestria artigianale tipica del marchio, la meticolosa attenzione ai dettagli e l’impiego di materiali di prima qualità che da sempre differenziano i prodotti di Infiniti. In termini di design risulta chiara la articolare attenzione alle esigenze di chi sta al volante, che rafforza ulteriormente quell’attrattiva di guida che rappresenta l’essenza più profonda di ogni Infiniti.

Lo sdoppiamento del cruscotto è suggerito da una plancia che si sviluppa seguendo un lieve profilo a “doppia onda” e da una sezione centrale asimmetrica. Caratterizzato da morbide curve, superfici a contrasto e rifiniture perfette, il design degli interni risulta al tempo stesso accogliente e focalizzato sul conducente. Tutti i comandi principali sono posizionati in modo tale da essere azionati dal guidatore senza che debba cambiare la propria posizione di guida.

La sensazione di pieno controllo della vettura è accentuata da una disposizione dei comandi che dedica particolare attenzione all’interfacciamento uomo-macchina nel rispetto dell’ergonomia. Ciò è possibile anche grazie al fatto che la Q50 è una delle prime automobili ad essere dotate di doppi schermi touchscreen che contribuiscono notevolmente a ‘fare ordine’ sul quadro strumenti.

Grazie a un interasse di 2850mm – in più lungo nella classe di appartenenza -, la Q50 riserva molto spazio ai passeggeri adulti seduti davanti e dietro; lo spazio per le ginocchia di chi è seduto sui sedili posteriori è il più ampio offerto nel segmento. Particolare attenzione è stata riservata alla facilità di salita e discesa. Il sedile posteriore è sdoppiabile (60/40 – non nella versione Hybrid) per aumentare la capacità del bagagliaio quando necessario e dal bracciolo centrale è possibile accedere al vano bagagli (non nella versione Hybrid), il che consente di trasportare oggetti lunghi, come ad esempio un paio di sci, anche se vi sono passeggeri seduti dietro.

 

Sedili ‘fuori da questo mondo’

Gli ingegneri di Infiniti si sono ispirati alla ricerca spaziale della NASA per risolvere un annoso problema: come realizzare un sedile che eviti l’affaticamento anche in caso di tempi di viaggio prolungati?

Infiniti ha capito che il segreto sta nel riprodurre la posizione neutra che il corpo umano assume in assenza di gravità. Le ricerche condotte dalla NASA mostrano che in questo modo si riduce al minimo il carico sull’apparato scheletrico e muscolare, consentendo il mantenimento della stessa posizione per lunghi periodi di tempo senza alcun disagio.

Grazie a un programma di ricerca congiunta con il Laboratorio Yamazaki della Keio University in cui è stato utilizzato un simulatore del sedile e un modello muscolo-scheletrico per analizzare la postura seduta, gli esperti di Infiniti hanno sviluppato un nuovo profilo e una nuova struttura per i sedili anteriori con supporto della colonna vertebrale della Q50.

Grazie a un sostegno continuo alla colonna vertebrale dal bacino al torace, questi sedili hanno ottenuto i risultati migliori durante i test dimostrando di migliorare la circolazione sanguigna del 15%, il che consente a molte più persone di compiere lunghi viaggi su una Q50 senza il minimo disagio.

 

Infiniti Q50: l’unica auto di lusso con tecnologia direct response

I valori di omologazione della Q50 3.5h confermano quello di cui Infiniti è da tempo convinta – che per poter adottare un approccio veramente ‘senza compromessi’ in termini di prestazioni ed efficienza in un motore a benzina nulla è meglio della potenza dell’ibrido  o almeno dell’ibrido declinato nell’unicità della tecnologia Direct Response di Infiniti.

 

“Per Infiniti questo è il nuovo turbo per i motori a benzina,” ha commentato Fintan Knight, Vice President di Infiniti per Europa, Medio-Oriente e  Africa. “Un semplice turbocompressore fa lavorare di più il motore, ma il sistema ibrido Infiniti Direct Response lo fa lavorare in modo più intelligente.”

La tecnologia Direct Response – un potente supporto elettrico che applica un supplemento di coppia motrice alla trasmissione proprio quando necessario – garantisce alla Q50 con propulsore ibrido da 3.5 litri un posto ai vertici delle classifica europea delle berline sportive altamente prestazionali. Con un’accelerazione da 0 a 100km/h in soli 5,1 secondi, questa versione della Q50 potrà superare persino la Infiniti M35h, che attualmente figura nel Guinness dei Primati come automobile ibrida più veloce al mondo in accelerazione.

La Q50 3.5h con motore da 364CV monta lo stesso sistema Infiniti Direct Response con doppia frizione intelligente e la stessa trasmissione automatica a 7 velocità della M35h, ma include modifiche finalizzate a migliorarne la performance, a estenderne l’autonomia in modalità esclusivamente elettrica e a garantire uno spazio di carico eccezionale per un’ibrida in questa classe di appartenenza. Alla trasmissione automatica con sistema Adaptive Shift Control di controllo adattivo della cambiata è abbinato il dispositivo di Sincronizzazione del Cambio a Scalare DMR (Downshift Rev Matching) con modalità di cambio-marcia manuale disponibile per mezzo di comandi in magnesio montati sul piantone dello sterzo.

Le prestazioni si accompagnano a un livello di efficienza notevole, come è dimostrato dal un consumo di carburante sul ciclo combinato, pari a 6,2 l/100km (45 miglia/gal), e da emissioni di CO2 di 144g/km. La Q50 3.5 Hybrid è disponibile in Europa sia nella versione con trazione posteriore che in quella a trazione integrale.

Fedele alla natura di Infiniti, la Q50 3.5h mantiene quella risposta lineare e quel rombo sportivo che sono essenziali per una vettura prestazionale e che vengono espressi in modo molto convincente dal celebre motore Infiniti V6 da 3.5 litri, con il suo suono dei tubi di scarico inconfondibile e un’ampia gamma di regimi.

La tecnologia Direct Response consente alla Q50 3.5h di abbinare al meglio la sua andatura eccezionale e abilità sportiva con una modalità estesa a emissioni zero sulle basse velocità, rendendola perfetta sia per viaggiare fuori dai contesti urbani sia come auto da città grazie al suo motore elettrico silenzioso e privo di emissioni allo scarico.

Da sottolineare l’abilità degli ingegneri nel riuscire a confezionare l’hardware di controllo del sistema ibrido e il pacco batterie agli ioni di litio – una novità per la Q50 – in modo nuovo e innovativo inserendoli nella parte posteriore della vettura e lasciando un generoso spazio di carico nel bagagliaio da 400 litri.

Infiniti Q50 – Motore 3.5 Ibrido Direct Response

Propulsore                               Ibrido V6 benzina/elettrico

Tipo                                         Doppia frizione intelligente

Cilindrata                                 3498cc

Potenza max. V6                      302CV (222kW)

Coppia max. V6                                   350Nm (258 libbre/piede)

Potenza max. elettrico              67CV (50kW)

Potenza max. combinata                      364CV (268kW)

Trazione                                   Posteriore o integrale

Trasmissione                            Automatica a 7 velocità

Velocità max.                           250 km/h

Accelerazione 0-100km/h                      5,1 secondi

Consumi su ciclo combinato     6,2 l/100km (45,6 miglia/gal)

Emissioni CO2 144g/km                                  

 

Il primo propulsore diesel quattro cilindri di Infiniti

La Q50 è la prima Infiniti a beneficiare dell’accordo di collaborazione fra la Casa e Daimler AG. Il propulsore turbo-diesel a iniezione diretta a quattro cilindri da 2.2 litri è stato modificato dal team di ingegneri di Infiniti per garantire che la risposta del motore fosse in linea con la particolare enfasi posta sugli aspetti prestazionali.

Le parti del motore sviluppate esclusivamente da Infiniti includono la presa d’aria, l’intercooler, il sistema di alimentazione a bassa pressione e il sistema di post-trattamento gas, la coppa dell’olio, gli ancoraggi del motore e la centralina elettronica del motore (ECU). Il monoblocco, il turbocompressore, il sistema di scarico e di iniezione sono condivisi con la versione Mercedes-Benz.

Il motore eroga livelli altamente competitivi di potenza e coppia riuscendo al tempo stesso a contenere le emissioni di CO2, il che consente alla Q50 di posizionarsi nel cuore del mercato europeo degli user-chooser aziendali, oltre che di assicurare quella dinamicità di guida che i possessori di una Infiniti si aspettano. Così come il motore, anche le due trasmissioni disponibili per questo modello –  manuale a 6 rapporti e automatica a 7 velocità – sono state adeguate ai requisiti specifici di Infiniti.

 

Infiniti Q50 – Motore 2.2 diesel 2.2

Propulsore                               Diesel a iniezione diretta

Configurazione                         Quattro cilindri

Cilindrata                                  2143cc

Sistema di alimentazione                      Common rail

Turbocompressore                   A geometria variabile

Potenza massima                                 170CV (125kW)

Coppia massima                                  400Nm (295 libbre/piede)

Trazione                                               Posteriore

Trasmissione                            Manuale 6 rapporti o automatica 7 velocità

Velocità max.                           231km/h

Accelerazione 0-100km/h                      8,7 secondi

Consumi su ciclo combinato     4,4 l/100km (64,2 miglia/gal)

Emissioni CO2 114g/km

 

La prima auto al mondo con sistema steer-by-wire

Infiniti porta la tecnologia dello sterzo a livelli da 21° secolo grazie al primo sistema elettronico steer-by-wire al mondo. Proposto come novità assoluta su alcuni modelli della gamma Q50, il sistema Direct Adaptive Steering è uno degli elementi chiave che fanno della Q50 una delle più dinamiche berline sportive oggi sul mercato e quella che per la prima volta in questa classe di appartenenza offre all’automobilista la possibilità di personalizzare la risposta dello sterzo.

Leggero e fluido nelle manovre, più affidabile e più agile per la guida sportiva e nei percorsi impegnativi, lo sterzo elettronico diretto mette a disposizione tutte le opzioni mediante semplici comandi su touchscreen. La Q50 offre la possibilità – unica in questa categoria di vettura – di impostare in base alle preferenze sia la potenza di sterzata che la risposta (demoltiplicazione), salvando tutte le impostazioni di ciascun conducente nella sua sofisticata memoria.

Il sistema Direct Adaptive Steering opera trasferendo elettronicamente l’input del guidatore alle ruote anteriori, dove un attuatore ad elevata reattività aziona la cremagliera. Eliminando le perdite meccaniche che possono ridurre la risposta nei sistemi convenzionali, la risposta dello sterzo risulta più rapida e non ci sono  vibrazioni del volante. Tutto questo è stato realizzato mantenendo comunque un feedback del fondo stradale, fondamentale per apprezzare fino in fondo le elevate prestazioni di ogni Infiniti.

La regolazione dello sterzo viene eseguita su un touchscreen come funzione inclusa nel Selettore della Modalità di Guida di Infiniti. A seconda del modello, sono disponibili fino a quattro modalità preimpostate, più una modalità personalizzata che consente all’automobilista di combinare a piacere lo sforzo di sterzata e il rapporto di demoltiplicazione in base allo stile di guida individuale e al tipo di strada.

Ecco quindi che, in barba a tutti i compromessi di sterzata delle auto convenzionali, la Q50 con sistema Direct Adaptive Steering risulta dunque tanto sicura e rilassante da guidare in autostrada quanto tranquillizzante e gratificante su un passo di montagna, o facile e leggera da manovrare in un parcheggio affollato.

Il sistema Direct Adaptive Steering è dotato di triplo back-up (tre distinte unità elettroniche di controllo), ha alle spalle 400.000 km di test in contesti reali e offre la sicurezza assoluta di una tiranteria meccanica dello sterzo. Nell’utilizzo normale, una frizione sgancia questa connessione meccanica così che non possa mai interferire con la risposta dello sterzo.

Lo sterzo elettronico diretto Direct Adaptive Steering fa parte della dotazione  standard delle versioni Sport e Hybrid ed è disponibile per tutti gli altri modelli scegliendo il pacchetto opzionale Steering Pack, che include il sistema Active Lane Control.

 

Il sistema Active Lane Control traccia una traiettoria più sicura

Un altro vantaggio del sistema Direct Adaptive Steering è che sta alla base del funzionamento dell’Active Lane Control, la più recente tecnologia di Infiniti per il rilevamento dello sconfinamento di corsia. L’Active Lane Control è il più efficace e sofisticato sistema di questo tipo sviluppato fino ad ora, poiché  è l’unico che utilizza lo sterzo per mantenere la vettura all’interno della corsia in autostrada. Gli altri sistemi si servono del sistema ESP (Electronic Stability Program) del veicolo per applicare la forza frenante su un lato dello stesso al fine di modificarne la traiettoria.

Il sistema Active Lane Control utilizza una telecamera per individuare la corsia in  cui sta viaggiando il veicolo. L’informazione viene elaborata e inviata all’unità di controllo della sterzata che dà istruzioni all’attuatore dello sterzo di effettuare le eventuali correzioni di traiettoria necessarie. L’effetto è come se l’auto venisse “calamitata” all’interno della corsia di marcia.

Oltre ad apportare ovvi vantaggi in termini di sicurezza grazie alla riduzione degli sconfinamenti di corsia accidentali, l’Active Lane Control accresce le qualità dinamiche della Q50 grazie a una sensazione di estrema precisione e centratura dello sterzo e di maggiore controllo dell’intera vettura. Il dispositivo ha inoltre l’effetto positivo di rendere meno stancante la guida dato che riduce l’esigenza, durante la marcia, di fare continue  correzioni dello sterzo per mantenere l’auto in traiettoria e contrastare il vento di traverso o piccole variazioni della campanatura del fondo stradale.

Come tutte le tecnologie di Infiniti, l’Active Lane Control e il sistema Direct Adaptive Steering sono stati concepiti per aiutare il conducente e non per isolarlo. E’ sempre chi guida a decidere l’impostazione delle funzioni della vettura: l’intervento dell’Active Lane Control può essere parziale o completo a seconda delle preferenze individuali.

 

Tecnologie Safety Shield: una gamma più completa che mai

L’offerta dinamica della Q50 è completata dalla disponibilità di altri sistemi tecnologicamente avanzati che rientrano nell’ambito dello Scudo di Sicurezza (Safety Shield) proposto da Infiniti, tutti progettati per migliorare e vivacizzare l’esperienza di guida. Il nuovissimo dispositivo predittivo Forward Collision Warning è un altro esempio di tecnologia presentata in anteprima mondiale: non si attiva solo in funzione della velocità/distanza della vettura davanti, ma tiene conto anche del veicolo che precede quest’ultima.

Gli altri sistemi disponibili sulla Q50 includono il sistema di assistenza intelligente alla frenata (Intelligent Brake Assist Plus), il sistema che gestisce la stabilità laterale (Lateral Stability Enhancement), il controllo dinamico del veicolo (Active Trace Control), il sistema anticollisione in retromarcia per evitare incidenti in uscita dai parcheggi (Back-up Collision Intervention) – disponibile solo con la trasmissione automatica, la gestione dei fari abbaglianti (High Beam Assistant), l’Around View Monitor con visione a 360° – ora completo di dispositivo MOD di rilevamento oggetti in movimento – e molte altre delle tecnologie di sicurezza già disponibili su altri modelli Infiniti: il sistema ICC (Controllo Intelligente Velocità di Crociera) con funzionalità Full Speed Range, il Distance Control Assist per il mantenimento della distanza dal veicolo che precede, i dispositivi di segnalazione e d’intervento sull’angolo cieco Blind Spot Warning e Blind Spot Intervention e il sistema di assistenza nella prevenzione delle collisioni frontali Forward Collision Avoidance Assist.

 

Infiniti Q50: il fascino seducente delle App

Offrendo tutte le funzioni per smartphone e computer tablet più amate e richieste dal pubblico, la Infiniti Q50 porta la connettività in movimento a un livello di comodità del tutto nuovo. Che si desideri utilizzare e-mail, telefono, browser o Twitter,  il sistema di  nuova generazione della Q50 offre un’ampia gamma di app e consente una connettività senza soluzione di continuità attraverso un’interfaccia utente che chiunque possieda un tablet riuscirà a padroneggiare senza alcun problema. Denominato Infiniti InTouch™, il sistema di base (che esclude la funzione di navigazione ma include i doppi  touchscreen) è compreso nella dotazione standard di qualsiasi Q50.

“In pratica l’automobile diventa un’estensione dello smartphone del conducente,” spiega Fintan Knight, Vice President di Infiniti per Europa, Medio-Oriente e  Africa. “La Infiniti Q50 è l’auto più connessa che abbiamo mai realizzato – non bisogna neppure avviare il sistema, basta fare il log-on. Non esiste un esempio migliore di come Infiniti stia superando i vincoli della noia nel segmento di lusso.”

Utilizzare Infiniti InTouch™ è tanto intuitivo quanto usare un iPad e tanto funzionale quanto uno smartphone di ultima generazione; integra in modo omogeneo l’hardware di bordo e i servizi esterni utilizzando lo smartphone del conducente come portale. Le opzioni per la gestione del sistema includono non soltanto i doppi schermi a sfioramento ma anche un sistema ottimizzato di comandi vocali, un’unità di controllo nella console centrale e tasti sul volante.

Le app preferite – Facebook, Twitter, notizie, sport, viaggi e meteo, ad esempio – possono essere caricate da un cellulare nel sistema InTouch™ così da poter essere utilizzate in assoluta sicurezza mentre si guida. Infiniti ha poi creato il proprio app store, App Garage, dove i possessori di una Q50 possono disporre di un’ampia gamma di applicazioni che si arricchisce costantemente di novità. E’ possibile fare l’upgrade di ogni aspetto del sistema, per consentire a chi possiede una Q50 di beneficiare delle ultime novità in fatto di software e applicazioni.

Gli elementi principali di Infiniti InTouch™ (a seconda del mercato) includono:

  • Piattaforme per iPhone e Android – ne verranno aggiunte altre
  • Casella posta elettronica in entrata preconfigurata per Gmail, Hotmail e Yellmail
  • Sincronizzazione automatica con il calendario Google
  • Possibilità di upgrade con nuove applicazioni e aggiornamenti software
  • Doppi schermi a sfioramento (tecnologia touchscreen) con possibilità di zoom/scorrimento con un semplice tocco del polpastrello
  • Nessun costo aggiuntivo per il primo proprietario durante il primo anno
  • Visualizzazione e layout dello schermo completamente personalizzabili
  • Lettura vocale avanzata delle e-mail al loro arrivo
  • Progettato per supportare Twitter e Facebook, oltre a molte altre app

Fondamentali nel sistema InTouch™ sono i doppi touchscreen posizionati nella console centrale, grazie ai quali è stato possibile eliminare molti tasti sul cruscotto. Importante sottolineare, tuttavia, che sono stati mantenuti i tasti di selezione delle funzioni di base del climatizzatore e della radio.

Lo schermo superiore è di 8 pollici e generalmente visualizza una mappa (sui modelli con navigatore) e le icone di sei applicazioni pre-caricate: Posta in Arrivo, Calendario, Orologio, Bussola, Performance di Guida (per le analisi dinamiche che includono  forza di gravità e flusso del carburante) e Info Manutenzione (dalla pressione degli pneumatici all’intero storico degli interventi di assistenza effettuati).

Il Calendario e la Posta in Arrivo sono le uniche applicazioni che si avvalgono della connettività tramite cellulare, quindi il conducente che dimentichi di portare con sé il telefono potrà comunque utilizzare tutte le altre funzioni. Il Calendario supportato per ora è solo quello di Google, mentre le altre versioni verranno aggiunte in un secondo tempo; la Posta in Arrivo è invece preconfigurata per Gmail, Hotmail e Yellmail, ma funziona anche con la maggior parte delle altre piattaforme (attenzione: non con Microsoft Exchange).

Sullo schermo inferiore, di 7 pollici, sono invece visualizzati i comandi per i sistemi accessori della vettura, come ad esempio il climatizzatore e il sistema di riproduzione di musica, oltre alle app caricate da uno smartphone oppure dall’app store di Infiniti, App Garage. Infiniti garantisce inoltre che possono essere caricate soltanto applicazioni adeguate all’utilizzo in auto. Sono escluse le pubblicità.

Le categorie di applicazioni ammesse includono i social media, notizie e sport, punti d’interesse (POI), traffico e viaggi, servizi di utilità per l’automobilista (inclusi elenchi dei benzinai), radio via Internet, meteo, cinema e alberghi/ristoranti. Infiniti sta incoraggiando gli sviluppatori a realizzare nuove app che possano migliorare ulteriormente l’esperienza di guida/di possesso, ma verranno accettate solo le applicazioni d’interesse per una persona quando è alla guida dell’auto. Per motivi di sicurezza non sarà possibile caricare applicazioni per giocare o guardare la TV.

Le applicazioni sono ottimizzate per il funzionamento all’interno di un’auto con un’interfaccia utente chiara e semplificata, per cui è possibile che vengano visualizzate diversamente a bordo e che non siano disponibili tutte le funzioni che hanno invece sul telefono. Per iniziare, chi ha acquistato una Q50 deve semplicemente scaricare la companion app gratuita di Infiniti InTouch™ per sincronizzare l’auto con lo smartphone. Una volta completata la sincronizzazione è possibile selezionare altre applicazioni.

Le applicazioni e l’accesso ai contenuti non prevedono un costo aggiuntivo (oltre alle normali tariffe previste dalla società erogatrice del servizio telefonico) per il primo proprietario durante il primo anno. Successivamente, le tariffe di abbonamento potranno variare in base alle applicazioni caricate e ai contenuti utilizzati.

Il sistema è stato progettato per consentire la massima personalizzazione per quanto riguarda il layout delle videate, l’aspetto dello schermo e il contenuto; tutti questi aspetti possono essere facilmente modificati così che ogni Q50 si distingua per la sua unicità.

Entrambi gli schermi effettuano lo zoom o lo scorrimento delle pagine a un semplice tocco del polpastrello, mentre il sistema InTouch™ vanta il più recente software per la lettura vocale dei messaggi e il riconoscimento vocale, garantendo risultati accurati. InTouch™ riconosce i comandi vocali effettuati attraverso frasi intere, evitando così si sottoporre il conducente a una noiosa sessione di domande e risposte.

In perfetta sincronia: in che modo Infiniti InTouch™ vi fa rimanere connessi

  • State messaggiando un amico su Facebook. Voi suggerite di incontrarvi. L’auto vi indica il percorso per raggiungerlo ovunque egli sia.
  • Vi trovate in ufficio e state cercando su Google Maps un percorso per un nuovo e complesso viaggio. L’opzione “Invia ad auto” (Send to Car) assicura che quel percorso venga caricato nel sistema di navigazione della vettura per essere utilizzato quando sarete pronti alla partenza.
  • Vi viene un desiderio improvviso di ascoltare musica rock degli anni ‘90. Attraverso l’applicazione gratuita per Internet radio – Tune-In Radio – potrete ascoltare rock degli anni ’90 e nient’altro che quello, senza interruzioni, per tutto il tempo che volete.
  • Vi trovate ancora a mezz’ora di strada dalla riunione che, come vi ha appena ricordato il Calendario InTouch, inizierà fra 15 minuti. Inviate un messaggio dettandolo a voce per dire che siete in ritardo – o scegliete semplicemente di inviare uno dei messaggi preimpostati disponibili  nella libreria.

*Non tutte le funzioni sono disponibili su tutti i modelli in tutti i mercati

 

Un’auto di buona memoria

La Infiniti Q50 è un’automobile con un’ottima memoria per i nomi. Ma anche per i volti, le posizioni del sedile, le temperature dell’abitacolo e i percorsi per ritornare a casa…. e ricorda persino se chi guida preferisce la tastiera ABC o QWERTY. A seconda del modello, la nuova berlina di lusso di Infiniti accoglierà a bordo il conducente chiamandolo per nome o potrà addirittura visualizzare le foto di familiari e amici su uno dei due touchscreen dell’auto.

La Q50 porta il concetto di automobile con una memoria a un livello del tutto nuovo nel segmento delle vetture medie di lusso. Grazie a 96 parametri selezionabili su 10 funzioni, i diversi abbinamenti possibili per la personalizzazione sono milioni, consentendo un livello di sintonia fra auto e conducente ben più ampio di quello offerto da qualunque altro competitor.

La Infiniti Q50 è in grado di memorizzare le impostazioni personali per un massimo di quattro conducenti diversi – tre utenti registrati e un ospite –, registrando le preferenze relative alle aree di vita a bordo, prestazioni dinamiche e tecnologia di sicurezza.

Il concetto alla base di questa soluzione digitale personalizzata è stato denominato  “La mia auto mi riconosce”  ed è semplice proprio come suggerisce il suo nome: è l’auto che fa tutto il lavoro più complesso e i pochi comandi esistenti sono estremamente intuitivi.

Al centro del programma “La mia auto mi riconosce” c’è la i-Key, la chiave intelligente avanzata di Infiniti. Ciascuna delle due i-Key in dotazione ad ogni Q50 è in grado di memorizzare  impostazioni delle funzioni dell’auto per due diversi conducenti. Le informazioni vengono salvate automaticamente e possono poi essere facilmente aggiornate, o cancellate, sugli schermi touch. La personalizzazione dei profili personali si estende a una funzionalità che consente di caricare fino a 16 fotografie.

 

Infiniti Drive Mode Selector – per scegliere la modalità di guida

Mentre le funzioni di memoria variano da Paese a Paese e in base al modello di Q50 scelto, alle motorizzazioni e alle trasmissioni, un elemento costante presente su tutte le versioni della gamma Q50 è il nuovo selettore della modalità di guida – Drive Mode Selector – di Infiniti. Azionato attraverso un interruttore sulla console centrale, il selettore offre diverse opzioni prestazionali che includono le modalità Standard, Sport, Eco (non per la motorizzazione diesel), Snow (solo con trasmissione automatica) e Personal.

A seconda del Paese di commercializzazione e del modello, Personal è la modalità personalizzata che consente al guidatore di scegliere l’impostazione preferita non solo di motore e trasmissione, ma anche dello sforzo di sterzata e della risposta dello sterzo sui veicoli equipaggiati con il sistema steer-by-wire di Infiniti denominato Direct Adaptive Steering.

La Infiniti Q50 è inoltre in grado di ricordare le preferenze di ciascun guidatore relative alle numerosissime sofisticate tecnologie che operano ‘dietro le quinte’ per migliorare la trazione e tenere la vettura lontano dai guai. Laddove questi sistemi offrono una possibilità di selezione – che va, ad esempio, dalla semplice opzione acceso/spento alla regolazione del livello di intervento elettronico richiesto –, le impostazioni vengono salvate e attivate automaticamente ogni qualvolta quella persona si siede al volante. Così si garantisce che, chiunque sia alla guida, i sistemi elettronici della vettura – molti dei quali fanno parte dell’innovativo Scudo di Sicurezza (Safety Shield) della Q50 – siano sempre perfettamente impostati per quell’automobilista, senza la necessità di premere pulsanti o scorrere menu di selezione.

La vita a bordo offre anche molte altre opzioni di personalizzazione, tutte rilevate dalla Q50 in ogni momento in cui un determinato guidatore si siede al posto di guida. A seconda del modello possono essere impostati e memorizzati la posizione di guida preferita (regolazione sedili, piantone dello sterzo, specchietti esterni), la temperatura della climatizzazione, i percorsi e le opzioni di navigazione, così come le preferenze per le funzioni di informazione, intrattenimento e comunicazione del sistema Infiniti InTouch™. E’ inoltre possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle schermate, la lingua di visualizzazione, i colori e le scorciatoie – il sistema ricorderà persino se chi guida preferisce visualizzare la temperatura in gradi Fahrenheit o Celsius e l’orologio analogico o digitale.

 

La nuova Q50 e Bose vi fanno sedere in prima fila

Il sistema audio surround di marca Bose® delle automobili Infiniti è rinomato per la sua capacità di ricreare l’acustica di un concerto dal vivo. Grazie a un’evoluzione del sistema realizzata da Bose e presentata in anteprima mondiale, la nuova Infiniti Q50 porta la musica in una dimensione completamente nuova – facendo in modo che gli ascoltatori non solo si sentano parte dell’interpretazione, ma vi partecipino come se fossero seduti nei posti migliori della sala.

L’ “effetto prima fila” è il risultato della tecnologia Advanced Staging, un componente  chiave del sistema audio con 14 casse Bose Sound System sviluppato appositamente per la Q50 (dove installato).

La tecnologia Advanced Staging agisce separando i diversi componenti musicali e distribuendoli sul sistema di diffusori audio hi-tech della Q50 secondo uno schema che riproduce molto da vicino la disposizione degli strumenti in un concerto reale. Tecnicamente, un algoritmo avanzato di elaborazione del segnale indirizza i componenti musicali verso le rispettive posizioni migliori su un “palco” ideale. Ciò avviene attraverso un canale dedicato di equalizzazione ad hoc per ciascuna delle casse high performance.

Il risultato è che il suono di ciascuno strumento viene riprodotto in modo distinto e con una precisione ineguagliata prima, creando l’impressione che un’orchestra – o una band – si stia esibendo su un palcoscenico molto più ampio. Rihanna, i Rolling Stones o Rachmaninov – per tutti il suono viene riprodotto alla perfezione.

La tecnologia Adaptive Staging è solo uno degli elementi che contraddistinguono il sistema audio Bose della Q50, il risultato del più recente progetto congiunto di Infiniti e Bose realizzato nell’ambito di una collaborazione che risale al 1989.

 

Le altre principali caratteristiche includono

  • 14 diffusori audio high performance – un sistema a cinque punti d’ascolto” composto da tweeter e Twiddler sul cruscotto, woofer e Twiddler nelle portiere anteriori, due casse ad ampio raggio e due woofer nelle portiere posteriori e un subwoofer da 25,5cm inserito nel pianale posteriore.
  • Tecnologia Bose Centerpoint® 2 Surround – consente agli ascoltatori di godere di un’esperienza di suono avvolgente con quasi tutte le sorgenti stereo, inclusa la radio, il lettore di CD e i dispositivi MP3.
  • Tecnologia Bose AudioPilot® 2 Noise Compensation attraverso un microfono collocato in posizione strategica nell’abitacolo, l’AudioPilot monitora continuamente e regola i livelli audio per compensare il rumore dovuto alla velocità del veicolo e gli effetti di rumori esterni indesiderati.
  • Tecnologia Bose® Active Sound Management si serve dei diffusori e dell’amplificatore dell’impianto audio per ridurre il rumore indesiderato del motore e della trasmissione, mantenendo esattamente le caratteristiche del suono del propulsore specificate da Infiniti.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alfonso Albaisa desirée baldini Fintan Knight Infiniti Q50 Johann de Nysschen motori ibridi sebastian vettel

Lascia una risposta

 
Pinterest