Possibile ridurre drasticamente le emissioni di CO2

Possibile ridurre drasticamente le emissioni di CO2

28 ott, 2013

Studio : entro il 2030, sarebbe possibile ridurre le emissioni di CO2 del settore energetico per un importo pari al totale delle emissioni annue dell’Unione Europea
- La domanda globale di energia è destinata a salire di oltre la metà entro il 2030
- Allo stesso tempo le emissioni di CO2 provenienti dal settore energetico sono destinate ad aumentare di un quarto
- L’utilizzo di gas naturale al posto del carbone per la produzione di energia aiuterebbe a ridurre le emissioni rispetto agli attuali livelli
- Abbandonare la produzione di energia da carbone eviterebbe le emissioni di oltre il totale delle emissioni dell’Unione Europea

Fonte: Siemens

Milano, Italia. 22 ottobre 2013. La domanda di energia, su scala globale, è destinata ad aumentare di quasi il 3% all’anno, entro il 2030. Complessivamente, questa crescita moderata farà sì che la domanda di energia aumenti di oltre la metà rispetto ai livelli attuali tra ora e il 2030.

Se, come previsto, verranno realizzati nuovi impianti di produzione di energia, le relative emissioni di CO2 aumenterebbero di un quarto ossia di 3.500 megatonnellate. Questi sono i risultati di uno studio recentemente pubblicato da Siemens e dal Professore della Technical University di Monaco di Baviera.

“Se le centrali elettriche a carbone venissero sostituite, su larga scala, da centrali a gas, entro il 2030, le emissioni di CO2 nel settore energetico potrebbero ridursi anche del 5% rispetto ai livelli attuali,” afferma il Professore Wildemann.

“Certo, sarebbe illusorio sostituire ora tutte le centrali a carbone con quelle a gas – ma le potenzialità individuate sono davvero impressionanti”, continua Wildemann.

Le emissioni globali di CO2 che ogni anno potrebbero essere eliminate interrompendo la produzione di energia dal carbone equivarrebbero così alla quasi totalità delle emissioni di CO2 di tutti i 28 paesi dell’Unione Europea.

“Nel nostro studio abbiamo esaminato le situazioni locali e le differenti esigenze delle varie regioni del mondo”, osserva , membro del Consiglio di Amministrazione di Siemens AG e CEO del Settore Energy di Siemens, in occasione della presentazione dello studio al World Energy Congress (WEC).

“Naturalmente, accanto alla sostenibilità e alla necessità di un’affidabile fornitura di energia, l’economia riveste sempre un ruolo importante – non ci sarebbe motivo di chiudere anticipatamente nuove centrali a carbone già schedulate, al solo scopo di diminuire le emissioni di CO2. Ma è altrettanto evidente che la capillare espansione delle fonti energetiche rinnovabili da sola non permette di migliorare automaticamente il clima, come dimostra in modo impressionante l’aumento delle emissioni di CO2 in Germania.

D’altra parte, chiudendo le vecchie centrali elettriche a carbone non solo si riducono significativamente le emissioni, ma si otterrebbero anche riscontri economici, come è stato dimostrato negli Stati Uniti.

Nel nostro studio, abbiamo analizzato questi diversi scenari, cercando di mantenere un equilibrio tra sostenibilità, affidabilità ed economia”, ha spiegato Süß.

Lo studio dimostra che – nonostante alcune differenze marcate – tutti i paesi rientrano in uno dei cinque archetipi del contesto energetico.

Nei paesi con una richiesta di energia in lenta crescita, ci sono da un lato i “pionieri green” che tendono marcatamente verso le fonti rinnovabili, e dall’altra i “tradizionalisti”, che tendono solo in bassa percentuale verso fonti di energia ecofriendly.

Tra i paesi con una domanda di energia elettrica in rapido aumento, ci sono invece le nazioni “energivore”, che hanno già raggiunto un alto livello di elettrificazione, e le nazioni “next-wave electrifiers”, nelle quali sussistono ancora notevoli lacune nella fornitura energetica a tutti gli abitanti.

Il quinto gruppo individuato è quello dei “massimizzatori delle esportazioni di petrolio”, che si caratterizzano per il loro obiettivo di migliorare l’efficienza energetica di petrolio ed estrazione del gas.

Lo studio ha rilevato, ad esempio, che l’Europa potrebbe risparmiare circa 45 miliardi di Euro, entro il 2030, se molti degli impianti che generano energia da fonte rinnovabile fossero costruiti presso i siti che offrono i più alti rendimenti di energia elettrica.

In questo scenario, i nuovi impianti fotovoltaici sarebbero installati principalmente nelle zone più calde del Sud Europa, mentre gli impianti eolici sarebbero costruiti nelle regioni più ventose e più settentrionali d’Europa.

Negli Stati Uniti, gli 80 miliardi di dollari di perdite annue, causate dai costi indiretti delle interruzioni di corrente, potrebbero essere evitate se la qualità della rete venisse migliorata.

E in Cina sarebbe possibile fermare le emissioni di CO2 al livello attuale, se le fonti di energia rinnovabili fossero sfruttate appieno. Tuttavia, questo richiederebbe quasi il doppio degli investimenti.

In alternativa, le emissioni potrebbero essere ridotte senza ulteriori costi se entro il 2030 un terzo delle centrali elettriche a carbone in Cina fossero sostituite da moderne centrali a gas.

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Horst Wildemann Michael Suess Michael Süß siemens Technical University Munich

Un commento

  1. ziomaul /

    L’aumento del 3%annuo della richiesta elettrica è oramai ridicolo in quanto si abbassa del 1% annuo dal 2008 su scala mondiale. Però ci sono Stati in controtendenza come la Cina che richiedono ogni anno sempre più energia.

    Ciao

Lascia una risposta

 
Pinterest