Ogni 500-ev Chrysler perde 10 mila dollari

Ogni 500-ev Chrysler perde 10 mila dollari

5 apr, 2011

Fonte: Automotive News
 
4 aprile 2011. Non c’è niente che l’Amministratore Delegato di un’azienda odia di più che il non realizzare un profitto su un prodotto, ma come Amministratore Delegato di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne lo sa che a volte è un male necessario per l’evoluzione di una nuova tecnologia.

Intervenendo alla riunione generale di Fiat SpA il mercoledì scorso, Marchionne ha parlato francamente sul coinvolgimento della sua azienda nelle auto elettriche.

“L’ dei veicoli elettrici semplicemente non funziona. Sui 500 che (Chrysler) inizierà a vendere negli Stati Uniti il prossimo anno,  perderemo più di 10.000 dollari per unità, nonostante il prezzo al dettaglio sia tre volte superiore”.

La piccola hatchback a quattro posti in stile retrò ha un enorme seguito in Europa, dove la versione a benzina è stata oggetto di una lista d’attesa di sei mesi poco dopo il lancio.

Concepita come un omaggio all’originale Fiat 500 con motore posteriore, realizzata tra il 1957 e il 1975; l’attuale 500 è la risposta di Fiat alle BMW di ispirazione retrò Mini.

Stile retrò o no, Marchionne commenta dei guai potenziali per la capacità del costruttore di automobili di vendere le versione tutta elettrica quando uscirà nel 2012.

Sulla base del prezzo di listino della Fiat 500, la versione elettrica potrebbe costare fino a $ 45.000 – con un incremento di oltre $ 12.000 in base al prezzo che Marchionne stima rispetto allo scorso anno.

Nonostante la perdita prevista, Fiat Chrysler progetta di andare avanti con la 500 elettrica, sperando che le sue perdite iniziali siano recuperate nei prossimi anni come i costi di produzione e dei pacchi batterie scenderanno e la popolarità delle auto elettriche aumenterà.

Ancora riprendendosi dalla bancarotta di Chrysler e con una già ridimensionato ciclo di sviluppo degli ibridi plug-in, la Fiat Chrysler potrebbe essere presa da una scommessa di troppi.

Ma ci sono storie di successo. Ad esempio la regina delle ibride di Toyota, che dopo molti anni ha iniziato a fare profitto significativo sulla sua iconica Prius, e anche da Nissan per la quale è prevista una quantità simile di tempo prima che i suoi investimenti nella Leaf paghino.

In definitiva, a meno che Fiat Chrysler possa ridurre il prezzo prevista della , questa rimarrà un veicolo molto di nicchia con concorrenti elettriche di maggiori dimensioni e costi inferiori che prenderanno la maggioranza delle quote di .

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: auto elettrica economia fiat 500 elettrica mercato

Lascia una risposta

 
Pinterest