Nuovo record di produzione auto

Nuovo record di produzione auto

15 set, 2012

New ha pubblicato una relazione che prende in esame il ruolo della Cina e di altre economie emergenti in crescita nella produzione automobilistica mondiale

Fonte: Worldwatch Institute

Washington, DC 11 settembre 2012. La produzione di autovetture (automobili e veicoli commerciali leggeri) è passata da 74,4 milioni nel 2010 a 76,8 milioni nel 2011 e nel 2012 potrebbe raggiungere un massimo storico di oltre 80 milioni di veicoli, secondo una nuova ricerca condotta dal Worldwatch Institute (www.worldwatch.org) per il suo servizio . Le vendite globali di veicoli passeggeri è aumentata da 75.4 a 78.6 milioni nello stesso periodo, con una previsione di 81,8 milioni nel 2012, scrive l’autore del report il ricercatore del Worldwatch . I protagonisti principali dell’aumento della produzione e delle vendite sono le cosiddette economie emergenti, in particolare della Cina.

L’aumento delle vendite si traduce in continua espansione delle flotte. Si stima che circa 691 milioni erano le autovetture sulle strade del mondo nel 2011. Quando entrambi i veicoli leggeri e pesanti vengono inclusi, il numero sale a 979 milioni di veicoli, ovvero 30 milioni in più di appena un anno prima. Entro la fine del 2012, la flotta globale potrebbe raggiungere 1 miliardi di veicoli – uno ogni sette persone sul pianeta.

Veicoli elettrici (EV)

La produzione rimane a livelli appena percettibili. Anche se molti paesi hanno incentivato gli obiettivi di avere delle flotte di EV future, resta da vedere se questi obiettivi potranno essere raggiunti. Cina, ad esempio, vuole mettere 5.000.000 di veicoli plug-in ibridi elettrici e completamente elettrici sulle sue strade entro il 2020 – che potrebbero rappresentare più del 40 per cento della flotta mondiale di EV quell’anno. L’analisi di , tuttavia, suggerisce che la produzione di 1,1 milioni di veicoli elettrici e una flotta di 3,5 milioni in Cina è una proiezione più realistica.

“Le automobili sono i principali responsabili dell’inquinamento atmosferico e delle emissioni di gas a effetto serra”, ha dichiarato Renner. “Maggiore efficienza del carburante, insieme con l’uso di combustibili più puliti, può contribuire a mitigare questi impatti, anche se un aumento nel numero di auto e le distanze percorse minacciano di sopraffare in anticipi il risparmio di carburante.”

Discussioni su come ridurre l’impatto ambientale dei veicoli tendono a concentrarsi sui miglioramenti tecnici, come i motori, design aerodinamico e combustibili – un’altra preoccupazione riguarda le distanze percorse. Anche se gli Stati Uniti hanno solo il 25 per cento della popolazione totale del gruppo di nazioni ricche note come l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), nel 2008 da soli hanno rappresentato poco più del 40 per cento dei 10.300 miliardi di passeggeri/chilometri percorsi in tutti i paesi membri dell’OCSE. Eppure, i viaggi in automobile negli Stati Uniti è in leggero calo rispetto al picco di 4.300 miliardi km/passeggeri nel 2005, a 4.100 miliardi km/passeggeri nel 2008.

Ulteriori punti salienti del :

- Il parco veicoli passeggeri in Cina è cresciuto ad un tasso medio annuo del 25 per cento durante il 2000-11, da meno di 10 milioni di auto a 73 milioni di auto.

- I primi quattro produttori di veicoli leggeri – Cina, Stati Uniti, Giappone e Germania – insieme rappresentano oltre la metà della produzione mondiale.

- I veicoli ibridi stanno crescendo in numero, ma rimangono al di sotto del 2 per cento della produzione totale dei veicoli.

I viaggi in auto in Paesi non appartenenti all’OCSE sono raddoppiati tra il 1975 e il 2000, ma poi ha registrato un’accelerazione, raddoppiando di nuovo fino al 2010.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Deutsche Bank Climate Advisors Michael Renner rapporto Vital Signs Online Worldwatch Institute

Lascia una risposta

 
Pinterest