L’offensiva delle bici elettriche

L’offensiva delle bici elettriche

16 lug, 2013

Sono le biciclette elettriche preferite alle auto come trasporto in Europa?

Di Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

12 luglio 2013. Non dovrebbe essere una sorpresa scoprire che non ci sono in circolazione più biciclette che automobili.

Sono di gran lunga più convenienti e non richiedono alcuna fastidiosa tassa, tariffe di parcheggio o addirittura, carburante. Per quanto riguarda i metodi di trasporto, economicamente sono seconde solo a camminare.

La notizia è che la bicicletta a pedalata assistita o , sta cominciando a prendere la propria fetta del mercato – in particolare in Europa.

riporta i dati e cifre di vendite provenienti dalla su entrambi, auto e biciclette, dal 2011. La prima cifra è di circa 13 milioni, la seconda di circa 20 milioni – come abbiamo detto, non è troppo sorprendente.

In particolare, mentre le vendite di auto europee sono scese del 2 per cento tra il 2010-2011, le vendite di e-bike sono andate nella direzione opposta, passando da un totale del 22 per cento. Con le vendite europee di auto che soffrono ancora nel 2013 – per i marchi non premium, almeno – potrebbe la e-bike prendere il loro posto nelle città del continente?

Se fosse così, le ragioni dell’aumento della popolarità sono svariate.

La crescente difficoltà di possedere un’auto in Europa è uno dei fattori. Il parcheggio è costoso, i costi del carburante sono spesso il doppio di quello del carburante negli Stati Uniti e gli acquirenti sono fortemente tassati da ogni parte che si possa immaginare. Ci sono tasse per l’acquisto della vettura quando si entra in città, la tassa annuale dei veicoli, che pagano per il carburante e anche le imposte su tali imposte – che pagano l’imposta di acquisto su un prodotto già tassato come il carburante.

Considerando l’aumento del traffico, le strade limitate a determinati tipi di veicoli o ridotte da corsie per i mezzi pubblici e spesso ignorate quando hanno bisogno di manutenzione, possedere una macchina a volte è più una punizione che una convenienza.

Accanto a questo, una bicicletta è una boccata di aria fresca. Ancor di più se offrono alcuni degli elementi altrimenti utili nei trasporto motorizzati, come la facilità d’uso. Anche la più piccola quantità di assistenza elettrica in grado di ridurre lo sforzo sulle colline, mentre le città stanno diventando più bike-friendly con corsie supplementari ciclabili si stanno estendendo, autobus e treni offrono posti per parcheggiare le biciclette e gli allestimenti per le biciclette stanno nascendo nel centro delle città.

CBS dati () mostra che le persone aumentano l’impiego delle e-bike rispetto a quanto farebbero per una bici normale, da circa 2 miglia in media (3,6 km) – indicando che le e-bike non sono solo un sostituto per il viaggio medio, ma vengono usate per viaggi che potrebbero richiedere l’uso di una macchina.

Nei soli Paesi Bassi – un Paese particolarmente bici-friendly – andare in bici è ora secondo solo alle auto (e davanti a treni) in termini di distanza percorsa e le e-bike hanno contribuito a pieno nel 9 per cento di quella cifra.

C’è anche, naturalmente, la tesi secondo cui le persone sono solo alla ricerca di mezzi più divertenti e sani di trasporto nei nostri giorni – in modo di unire affari e piacere.

Le e-bike hanno ancora molta strada da fare prima che da sole sorpassino i dati di vendita annuali di autoveicoli. E non saranno mai adatte per i viaggi più lunghi. Ma nelle città europee stanno cercando sempre di più il modo migliore di mobilità.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: e-bike Federazione Europea Ciclismo Navigant Research Statistics Netherlands

Lascia una risposta

 
Pinterest