L’industria cinese e le auto elettriche

L’industria cinese e le auto elettriche

30 dic, 2011

Può l’ cinese avere interesse nelle auto elettriche?

Da Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

BYD e6 taxi elettrico in servizio a Shenzhen,

29 Dicembre 2011. Il mercato automobilistico cinese è uno con la maggior crescita al mondo, e le implicazioni di questo sono enormi per l’industria automobilistica.

Sono enormi per l’ambiente. Con il tipo di qualità dell’aria che a Los Angeles stava sperimentando nel 1970, città come Pechino sono ansiose di di offrire veicoli a emissioni zero per gli abitanti della capitale.

La questione si rivolge sempre ad una maggior quantità di potenziali acquirenti interessati, dice il New York Times.

Lento assorbimento

Tre anni fa, il governo cinese ha fissato un obiettivo di produzione per il Paese di mezzo milione di veicoli ibridi ed elettrici all’anno entro il 2011. Con una produzione di soli diverse migliaia, hanno fallito clamorosamente.

Gli acquirenti non sembrano semplicemente appassionati. Ci sono ancora dubbi su questa tecnologia, l’ansia dell’autonomia è un grosso problema, e l’industria cinese è rimasta indietro rispetto ad alcune altre – che porta a scenari come il tiro alla fune oltre i segreti dell’auto elettrica tra la Cina e GM.

Non ci sono nemmeno agevolazioni per le auto elettriche importate. A meno che le auto siano costruite all’interno della Cina, queste non beneficiano dello stesso sussidio che ha lanciato la grande riscossa ad autovetture nazionali. Ecco perché una Chevy Volt costerà agli acquirenti cinesi più di 75.000 dollari, più di 36.000 dollari di quanto si paghera ‘negli Stati Uniti senza incentivi.

Le società di servizi hanno il potere

In netto contrasto con molte altre nazioni, il governo gestisce le aziende elettriche e queste hanno più influenza rispetto ai loro equivalente produttori di petrolio. Gli acquirenti considerano l’affare di veicoli elettrici come una priorità per la società di servizi, e per dimostrarlo Cina Southern Power Grid ha aperto un centro vendite e servizi a Pechino, dedicato alle auto elettriche.

Tre piani e messa in evidenza lo schema del cambio batterie rapido di Better Place, i visitatori possono guardare i veicoli con batterie swap ed i proprietari di auto elettriche possono caricare i loro veicoli.

Plug-in, non necessariamente tutto-elettrico

E ‘un passo positivo, che rappresenta il modo in cui le aziende della Cina vogliono espandere il proprio potere e controllare la rete di ricarica. “Vedo i cinesi pienamente impegnati in un cammino verso i veicoli elettrici – in un periodo di tempo i numeri del volume si può spostare”, ha spiegato Raymond Bierzynski, direttore esecutivo della strategia di elettrificazione di General Motors in Cina.

GM ha un vasto interesse nel progresso delle elettriche in Cina. Inizialmente il paese ha tentato cavalcare il Giappone e gli Stati Uniti andando all-electric, ma con il Range-extended e veicoli ibridi plug-in sono ora alla ricerca come un passo intermedio più logico.

Nuovi obiettivi del Paese sono la messa in circolazione di regolari veicoli ibridi come parte del milione di veicoli alternativi sulle strade entro il 2015, e incentivi fino a 20.000 dollari per l’acquisto di veicoli ad energia rinnovabile. La Cina vuole anche diventare un esportatore di veicoli elettrici, ma le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio dovranno garantire che la pratica del Paese dei sussidi all’industria non si adatta alle regole giuste del trading.

L’opzione della Cina di escludere le importazioni da questa strategia può sembrare imprudente, ma gli esperti del settore vedono che l’industria energetica della Cina hanno un potere ancora superiore a quello dell’industria automobilistica.

Piuttosto che le stesse vetture, potrebbe essere la società di energia che decideranno il futuro elettrico della Cina.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: cina industria

Lascia una risposta

 
Pinterest