Le Poste Americane rimpiazza i mezzi

Le Poste Americane rimpiazza i mezzi

8 mar, 2015

U.S.P.S. cambia i veicoli ‘Long Life’ operativi ormai da 25 anni

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

17 Febbraio 2015. Neve, pioggia, caldo e l’oscurità della notte non possono fermare i postini dell’ dai loro giri, ma i loro camion sono un’altra storia.

Dopo più di 25 anni di servizio, gli attuali camion elettrici “” hanno certamente vissuto e onorato il loro nome, ma i chilometri stanno iniziando a pesare.

Con l’aumento dei costi di riparazione, il servizio postale sta cercando offerte per un nuovo veicolo che sia più adatto al lavoro e per avere la migliore economia di carburante.

Il contratto per il camion postale di nuova generazione potrebbe essere uno dei più redditizi del suo genere di recente memoria, secondo la rivista di commercio industria Automotive News.

Mentre le vendite di flotta di solito non sono molto redditizie, il Servizio Postale prevede una grande ordinazione.

Le specifiche rilasciate agli offerenti il 20 gennaio scorso parlano di una richiesta di 180 mila nuovi veicoli al prezzo oscillante tra 25 mila e 35 mila dollari ciascuno – valorizzando il contratto tra 4,5 miliardi e 6,3 miliardi di dollari.

I veicoli che dovranno essere sostituiti stanno diventando sempre più costosi da gestire e da mantenere.

L’attuale Long Life Vehicle è stato costruito dal costruttore di aeromobili , ora parte della Northrup .

Con la sua carrozzeria e cassone di carico in alluminio, telaio derivato da General Motors e motore a quattro cilindri, il camioncino non taglia eroicamente l’aria con il suo profilo come i caccia Grumman costruiti prima di questa breve incursione nel mondo dell’auto.

Hanno anche alcuni difetti di progettazione che sono diventati evidenti nel corso degli anni.

I sistemi di scarico sono facilmente raschiati su cordoli, e la posta cade in cabina attraverso delle fessure.

In uso nel mondo reale, i veicoli spesso hanno difficoltà a rispettare il loro valore nominale di 16 mpg. La flotta attuale consuma fino a 154 milioni di litri di benzina all’anno.

L’età dei veicoli ha causato altri problemi, come l’entrata di qualche goccia d’acqua dal parabrezza e dei malfunzionamenti delle porte scorrevoli.

Quindi, che cosa sostituirà questi dipendenti pubblici di una certa età?

Mentre un altro veicolo appositamente costruito non è fuori questione, è possibile che una casa automobilistica adatti un furgone commerciale esistente per il servizio di posta.

Le ultime offerte che sono state fatte dal servizio postale per un veicolo nuovo sono del 2005, ma non ha suscitato l’interesse di carmakers di primo piano. Le dimensioni previste del nuovo contratto cambierà la situazione.

Negli ultimi dieci anni, molti costruttori hanno introdotto furgoni più piccoli per il mercato statunitense.

Modelli come il Ford Transit Connect, Nissan NV200, e Ram ProMaster City sembrano più adatti ad assolvere i dovere della consegna rispetto i furgoni full-size realizzati su base dei camion.

Nissan ha detto ad Automotive News che non farà offerte sul contratto, ma altre aziende non hanno fatto dichiarazioni in materia.

Il Postal Service sta anche esaminando la possibilità di usare veicoli a carburante alternativo per ridurre il consumo di carburante della flotta.

Alcuni adetti hanno anche riferito la ricerca di altre caratteristiche di convenienza come telecamere di backup e una maggiore capacità di carico in modo di gestire la crescente quantità di pacchetti generati dallo shopping online.

Come tutti i veicoli postali precedenti, il nuovo van dovrà inoltre avere la guida a destra, in modo che i postini possano facilmente inserire gli elementi nelle cassette postali.

Un gruppo di offerenti verrà prelevato quest’estate per costruire dei prototipi, che saranno testati nel 2016.

Il contratto definitivo sarà assegnato nel 2017, con le prime consegne previste nel 2018

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: grumman long life vehicle us postal service

Lascia una risposta

 
Pinterest