La produzione di batterie e le auto elettriche

La produzione di batterie e le auto elettriche

9 giu, 2014

Ci saranno a sufficienza nel mondo per le auto elettriche?

Da Antony Ingram

Fonte: GreenCarReports

 

5 Giugno 2014. Poiché la domanda per le auto elettriche cresce, la fornitura di batterie deve crescere per affrontarla.

Questo è ovvio. Ma quanto la richiesta di batteria dovrebbe crescere nei prossimi anni?

Secondo il rapporto Electric Vehicle Batteries da Navigant Research la capacità esistente per la di batterie agli ioni di crescerà di dieci volte entro il 2020.

Bene, finora.

L’anno scorso, la capacità mondiale di produzione delle batterie agli ioni di litio per autoveicoli ammontava a 4.400 megawattora.

La fornitura è stata comoda per Nissan grazie ad una joint venture tra Nissan e NEC in Giappone, AESC, ha già fornito le celle per 115.000 Leaf elettriche che circolano sulle strade di tutto il mondo. E l’anno scorso, quasi 100.000 automobili elettriche sono sbarcate solo sulle strade degli Stati Uniti. Questo significa un numero molto elevato di batterie.

Ma la crescita della domanda di veicoli elettrici a batteria – che utilizzano batterie più grandi delle auto ibride plug-in o dei veicoli ibridi convenzionali porterà quindi la domanda a quantitativi elevati e di conseguenzsa richiederà una crescita significativa della produzione.

Entro il 2020, la capacità di produzione potrebbe salire a oltre 49.000 megawattora – dieci volte quella del 2013.

 

Il contributo di Tesla

Motors, produttrice della berlina elettrica Model S, potrebbe solo contribuire con più della metà della produzione delle batteria agli ioni di litio del mondo quando “gigafactory” di batterie sarà a pieno regime.

Una volta a regime, la fabbrica prevede di produrre 35 gigawattora di celle all’anno entro il 2020, sufficienti a fornire mezzo milione di veicoli. Quelle sono numeri solo previsti, ma che da sola rappresenta più di tre quinti della capacità citata da Navigant nella sua relazione.

La gigafactory di Tesla potrebbe essere una delle due o tre siti negli Stati Uniti, secondo Elon Musk, ma ulteriori siti fanno dipendere Tesla dal ricevere l’approvazione per costruire presso le sue sedi selezionate.

I lavori per la prima gigafactory di batterie, inizialmente previsti per giugno, ora sono stati spostati verso la fine di quest’anno.

 

Litio ancora dominante

Per il momento, la chimica agli ioni di litio sembra essere quella dominante nel mercato EV.

Diversi ibridi, come la best seller Toyota Prius, ha deciso di usare la chimica al nichel-metallo idruro e usano ancora oggi i pacchi di lunga durata.

Ma in termini di prestazioni e densità di energia, quelle agli ioni di litio è la scelta di quasi tutti.

“La tecnologia Li-ion continua a migliorare”, dice David Alexander, Research Senior Analyst di Navigant Research, ” l’aumento della densità di energia si traduce in batterie più piccole e leggere con più potenza”.

Le previsioni attuali prevedono che il mercato globale per le batterie agli ioni di litio da veicoli passeggeri crescerà da 3,2 miliardi di dollari nel 2013 a 24,1 miliardi di dollari nel 2023.

Le fabbriche fornitrici sono in costruzione – particolarmente la vasta gigafactory di Tesla, e non c’è motivo di aspettarsi che la domanda delle batterie agli ioni di litio dovesse superare l’offerta. E come risultato le vendite di veicoli elettrici dovrebber continuare a crescere.

 

 

Foto:

Batteria 48 volt agli ioni di litio micro-ibrida

 

La diapositiva che mostra le statistiche della gigafactory di , presentazone del febbraio 2014

 

.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: batteria litio batterie johnson controls litio produzione Tesla Motors

Lascia una risposta

 
Pinterest