La Lobby dell’auto contro le bici elettriche?

La Lobby dell’auto contro le bici elettriche?

18 giu, 2013

di
Tanna, Germania.  7 June 2013

Caro lettore,

Nel 2009, la prima prova dell’ (NdR: L’Automobile Club Tedesco) è stata condotta in collaborazione con ExtraEnergy a Tanna. L’Automobile Club Tedesco () ha usato l’attrezzature di prova, la tecnologia di misurazione e la metodologia di test di ExtraEnergy. Nel frattempo, sembra che la leadership dell’ abbia riconosciuto che il è un vero e proprio concorrente delle vetture. I consumatori, i commercianti e produttori sono confusi.

Cosa significano i risultati del test di / ADAC significa per me come consumatore, rivenditore o produttore?

Si prega di trovare le risposte a questo articolo “Stiftung Warentest / ADAC Pedelec test poco trasparente”.

ExtraEnergy e.V

Stiftung Warentest / ADAC Pedelec test privo di trasparenza

Allarmismo invece di requisiti concreti in primo piano dello Stiftung Warentest / ADAC. ExtraEnergy valorizza la prova dei `poveri`. In termini di trasparenza Stiftung Warentest e ADAC deve migliorare.

L’Automobile tedesco ADAC e l’organizzazione dei consumatori ‘Stiftung Warentest’ hanno classificato 9 di 16 biciclette elettriche `Poor` (Povere). Solo due dei pedelec testati hanno guadagnato il risultato di `buoni`.

I risultati del test sono disponibili in lingua tedesca nei seguenti siti:

www.adac.de

www.test.de

ExtraEnergy, come associazione di comsumatori, accoglie i requisiti di massima sicurezza in termini di protezione del consumatore. L’associazione è impegnata in questo da 21 anni.

Non è comprensibile che la metodologia dei test dell’ADAC e di Stiftung Warentest non sia disponibile gratuitamente.

Né al pubblico né ai produttori. Per quanto riguarda la rilevanza e la portata di questo test, la pubblicazione simultanea del metodo di prova sarebbe molto importante. In questi giorni, non dovrebbe essere un problema fornire un documento per il download gratuito in internet.

Metodologia di test Influenzato dalla lobby dell’auto ADAC?

Il primo test Pedelec ADAC è stato condotto in collaborazione con ExtraEnergy a Tanna nel dicembre 2009. I risultati sono stati adattati alle esigenze dei clienti nel mercato.

Ma sembra che la leadership ADAC ha riconosciuto che la pedelec è un vero e proprio concorrente delle vetture. È la pedelec non è più il bel veicolo esotico, da non essere presa sul serio. Nel frattempo i rapporti ADAC evidenziano i pericoli. Se l’ADAC avrebbe riferito come critico sulle auto, allora avrebbero dovuto pubblicare un test annuale sui crash test con vetture contro gli alberi a 100 km/h. Sarebbe anche necessario ricordare all’industria automobilistica che non c’è ancora alcuna macchina sul mercato con la quale si possa sopravvivere a quel test.

Il desiderio del cliente ignorato – freno contropedale valutato negativamente

E’ di fondamentale importanza verificare se i produttori sono conformi alle norme di legge. Tuttavia, non tutte le norme hanno senso. Diversi risultati dei test criticano l’uso delle antiche dinamo laterali. Queste sono state installate solo perché è richiesta dalla normativa tedesca! Così, i produttori sono criticati per rispettare la legge.

ExtraEnergy è fondamentalmente contro obbligo della dinamo, ma per la libertà di scelta della fonte di energia e per l’obbligo di funzione d’illuminazione, anteriore e posteriore.

Quindi, ExtraEnergy ha deciso nel 2012 di smettere di controllare la conformità legale, ma di trattare esclusivamente con il cliente nelle prove la soddisfazione del desiderio. Qualcosa che Stiftung Warentest e ADAC hanno trascurato nella loro prova.

Inoltre sono state fatte affermazioni tendenziose. Un esempio è la critica del freno contropedale esistente, anche se questo è un requisito minimo per alcuni gruppi di riferimento, mentre per altri gruppi sono un disturbo. E’ un fatto che non è mai stato possibile realizzare un prodotto che soddisfi le esigenze di tutti i gruppi di consumatori contemporaneamente. Pertanto, ExtraEnergy si sente ancora di più abilitata a lasciare la revisione della conformità giuridica alle istituzioni come la Stiftung Warentest, ADAC ed i regolatori di governo cui questo è il loro vero lavoro.
Abbiamo bisogno di norme e leggi nuove e più stringenti?

Se i produttori di bici elettriche sarebbero conformi alla marcatura CE, non ci sarebbero state tante Pedelec mal valutate nel test. Invece, Stiftung Warentest avrebbe potuto salvare il fastidio del test da subito sottolineando che i veicoli senza marcatura CE sono illegali.

Varie autorità sono responsabili per il monitoraggio della conformità CE. Fino ad ora, queste autorità in gran parte hanno ignorato il pedelec. Il test di Stiftung Warentest e ADAC certamente accelera il processo di mettere i Pedelec nel mirino delle autorità. Attualmente, lo stato del Nord Reno-Westfalia esamina in particolare la sicurezza dei pedelec. Di conseguenza, già circa 1.000 pedelec sono stati richiamati a causa di un importatore che aveva attaccato un marchio CE ma non ha potuto dimostrare la necessaria documentazione di conformità.

Le autorità sanitarie e di sicurezza nel Nord Reno-Vestfalia e della Bassa Sassonia ora vogliono attuare uno “standard Pedelec” per evitare carenze future e fornire maggiore sicurezza ai consumatori. “Questa norma esiste già” informa Hannes Neupert (Presidente ExtraEnergy eV). “E ‘ il marchio GS per la pedelec nel suo insieme e il marchio per la batteria”.

Il marchio GS per pedelec 25

Il marchio GS per pedelec esiste dal maggio 2010. I requisiti per le prove sono in gran parte basate su proposta velotech.de GmbH in collaborazione con SLG (prova e certificazione GmbH) ed Extra Energy eV, adattato dalle ampie indagini dei test ExtraEnergy nel 2009 e 2010.

Il Certificato BATSO per la Sicurezza della batteria

Dal 2007, lo standard di sicurezza privata BATSO 01 viene pubblicato. Dal 2007, il collauda e certifica secondo BATSO 01. Attualmente, solo 16 pacchi batteria sono stati testati e certificati con successo secondo la norma BATSO 01. Un elenco può essere trovato alla www.BATSO.org.

Il certificato BATSO per le batterie ed il marchio GS per i pedelec sono volontari. Eppure non c’è nessun Pedelec che sia stato certificato con il marchio GS.

Che significa il test Stiftung Warentest / ADAC per:

… me come un cliente?

Se i rischi meccanici, come manubri rotti o freni difettosi sono stati i risultati del test del mio Pedelec, il rivenditore dovrebbe essere consultato per la revisione e, se necessario, per la rettifica.

… me come rivenditore?

Ritirare tutte le pedelec senza un’adeguata marcatura CE da vendere e restituirli al produttore se non è disposto a certificarli con un marchio CE. Questo mostra la buona volontà per i clienti che possiedono pedelec che non soddisfano i requisiti minimi di legge secondo Stiftung Warentest. Riprendere indietro il proprio Pedelec o scambiarlo di un veicolo equivalente. Restituire il veicolo al produttore e rivendicare la perdita finanziaria per il produttore. Per gli ordini futuri, descrivere sempre la conformità CE del prodotto come base di acquisto.

… me come produttore?

Invia i tuoi prodotti ad istituti indipendenti di controllo di conformità CE, se non è già stato fatto. Offrire solo prodotti con marcatura CE. Lo sviluppo di nuovi prodotti devono avere un certificato BATSO e il marchio GS. Così, il richiamo del prodotto costoso e la perdita di reputazione a causa di risultati negativi dei test sarà molto improbabile in futuro. Partecipare attivamente quando vengono sviluppati ragionevoli standard futuri. Investire i profitti in termini di qualità dei prodotti, sicurezza dei prodotti e personale competente. Ciò consentirà di offrire prodotti competitivi anche in futuro.

Quello che ci serve sono precise e ben motivate proposte su come verificare la sicurezza del prodotto. La Stiftung Warentest, come organizzazxione finanziata dai contribuenti, deve adempiere a un compito importante. Tuttavia, questo effetto positivo può svilupparsi solo se le proposte vengono presentate in modo trasparente al cliente, il rivenditore e il produttore, se raccomandazioni specifiche sono date e se tutti i gruppi sono consapevoli delle loro responsabilità.

Attualmente, dei circa 1 milione di Pedelec, 25 utenti in Germania sono preoccupati poichè il loro Pedelec potrebbe essere un trasmettitore illegale di interferenze che potrebbe creare dei problemi. Anche i commercianti sono preoccupati per giustificare la vendita dei Pedelec.

Ora dobbiamo chiederci se 500.000 Pedelecs saranno confiscati dalle autorità a causa della loro interferenze elettromagnetiche dannose?

Domande e più domande si aprono. Ma nessuna risposta. Nemmeno per il download di Stiftung Warentest a 2,50 €.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: adac batso ExtraEnergy pedelec Stiftung Warentest TÜV Rheinland

Lascia una risposta

 
Pinterest