La Francia prevede di vietare i veicoli a motore a scoppio entro il 2040

La Francia prevede di vietare i veicoli a motore a scoppio entro il 2040

9 lug, 2017

La Francia prevede di vietare tutti i veicoli a benzina e diesel entro il 2040

di John Voelcker
Fonte: GreenCarReports

6 Luglio 2017. Per la maggior parte dei nordamericani, l’idea di vietare tutti i veicoli con motori a combustione interna sembra impensabile.
Riempire il serbatoio con la benzina (o diesel) è per gli americani la normalità come le disperse periferie a bassa densità di abitanti e senza traffico di massa, con percorsi ciclabili e persino come i marciapiedi.
Gli europei, in modo particolare quelli che vivono in città e la maggior parte dei quali hanno accesso ad un insieme più equilibrato di opzioni di trasporto, a volte sono più chiari su tali questioni.
Diversi anni fa, la Norvegia ha annunciato che il Paese avrebbe gradualmente eliminato le vendite di veicoli nuovi con motori a combustione entro il 2025, nell’ambito di una politica multipla per ridurre radicalmente le emissioni di carbonio del Paese.
I Paesi Bassi seguirono l’anno scorso, e ora sembra che la Francia si unirà alla sfilata, sebbene con un successivo obiettivo con scadenza 2040.
Secondo l’Independent, la Francia intende bandire tutti i veicoli a benzina e diesel dalle sue strade entro il 2040.
Secondo , del paese, la Francia fornirà assistenza finanziaria agli acquirenti per consentire loro di effettuare scambi di vecchie automobili con motori a combustione per veicoli nuovi e zero emissioni.
Il divieto francese di commercializzazione di tutti i veicoli a motore a combustione sembra leggermente diverso dalla scadenza norvegese del 2025, che si applica solo alle vendite di veicoli nuovi e assume una graduale eliminazione dei veicoli rimanenti con motori a combustione.
Il divieto è parte dello sforzo del nuovo presidente francese Emmanuel Macron di rendere la Francia carbon neutral entro il 2050, compreso l’adempimento degli impegni assunti nell’accordo sul clima di Parigi, da cui il presidente Donald Trump dice che l’U.S. si ritirerà.
Naturalmente, nessun veicolo è totalmente privo di emissioni associate; anche le vetture elettriche collegate a energia completamente rinnovabili portano l’impronta di carbonio dei loro materiali e della loro produzione.
Quella quantità di carbonio, tuttavia, è solo una piccola frazione dell’anidride carbonica e di altri gas emessi da autoveicoli diesel o benzina quando vengono accuratamente misurate per valutare l’utilizzo di tutti i loro “alle ruote”.
E la Francia dimostra di essere particolarmente adatta a conseguire riduzioni radicali del carbonio grazie all’adozione di veicoli elettrici plug-in.
La rete elettrica del paese è più della metà fornita dall’energia nucleare, il risultato di un programma iniziato più di mezzo secolo fa per garantire l’indipendenza energetica francese.
Gli impianti nucleari hanno le proprie grandi sfide – come ad esempio lo stoccaggio dei rifiuti nucleari – ma se la metrica è una riduzione dell’emissione di carbonio per chilowattora di elettricità generata, sono proprio vicini alle fonti rinnovabili.
La percentuale di energia nucleare va tagliata dal suo livello attuale alla metà del mix di generazione del paese entro il 2025, poiché la Francia aggiungerà più fonti energetiche rinnovabili.
Altre misure annunciate includono una lotta contro la deforestazione, che riduce l’assorbimento naturale del carbonio atmosferico.
Il Parlamento francese è pronto a votare questo disegno di legge che porterebbe la fine a tutte le autorizzazioni per una nuova esplorazione di carbone, petrolio e gas naturale nel paese.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: emanuel macron Ministro della transizione ecologica Nicolas Hulot

Pinterest