In vendita i resti della Fisker

In vendita i resti della Fisker

15 gen, 2014

Il giudice fallimentare ordina di mettere in vendita i resti della Fisker Auto

Di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

13 gennaio 2014. Dopo un’udienza lo scorso venerdì, il destino della è ancora più in aria e incerto che mai.

Il Giudice americano ha ordinato un asta competitiva dei beni di Fisker, secondo l’Associated Press, dopo un’offerta last-minute dal gruppo di autoparti cinese .

Il giudice ha respinto l’offerta base di 25 milioni dollari dal investitore di Hong Kong per la società, che la stessa Fisker voleva che il giudice approvassi.

Tali fondi dall’investitore di Li sarebbero andati direttamente al Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti per pagare una parte del prestito straordinario di 168 milioni di dollari a basso interesse erogato a Fisker.

Hybrid aveva poi programmato di prendere il controllo di Fisker con un’offerta di credito di 75 milioni di dollari in base a ciò che sosteneva fosse dovuto come senior creditor garantito di Fisker durante il fallimento in corso della casa automobilistica.

Il gruppo ha anche offerto ulteriori 2 milioni di dollari in contanti e di rinunciare all’essenzione delle tasse che afferma sarebbero dovute da Fisker.

Tuttavia, Hybrid non ha mostrato alcun interesse nella costruzione di auto presso l’ex stabilimento General Motors di Boxwood Road vicino a Wilmington, nel Delaware che Fisker contava come sicuro.

The News Journal riporta che il gruppo di investitori aveva pensato di vendere l’impianto per pagare i creditori.

 

I piani di Wanxiang

Nei documenti del tribunale, Wanxiang ha dichiarato che avrebbe continuato lo sviluppo dei modelli Fisker di seconda generazione – come la berlina più piccola Atlantic – e ripreso la produzione della Karma nella Valmet Automotive in Finlandia, costruendo infine le Fisker nel Delaware.

I creditori di Fisker inizialmente hanno sostenuto l’offerta di 24,75 milioni dollari da Wanxiang, che ora possiede l’A123 Systems, fornitore di batterie della Fisker.

Fisker ha sostenuto che Wanxiang è in parte responsabile del fallimento, sostenendo che la casa automobilistica cinese ha prolungato la chiusura della produzione Karma tagliando la fornitura di batterie.

Prima della decisione il giudice Gross, il comitato dei creditori ha proposto che l’asta del tribunale fallimentare mettesse in vendita i resti della Fisker, piuttosto che approvare l’offerta di Li, che ha detto di essere stata accettata troppo in fretta.

L’asta dei beni di Fisker è supportata anche dal membro del Congresso del Delaware, e dal senatore , che sono incoraggiati dal interesse di Wanxiang a riaprire l’impianto di Boxwood Road.In una dichiarazione congiunta, hanno detto che l’apertura di una procedura di gara potrebbe attirare un acquirente interessato a vetture di produzione in grandi volumi, tanto da richiedere la capacità dell’impianto.

La guerra delle offerte continuaUn’asta pubblica potrebbe diventare un replay del concorso originale per il debito contratto da Fisker per il prestito del DOE.

Wanxiang ha presentato un’offerta in quel primo turno – in partnership con l’ex dirigente della General Motors Bob Lutz – ma lasciando fuori l’Hybrid Holdings Tecnologia di Li.

La VL Automotive di Lutz progetta di costruire una Karma equipaggiata da un V-8 chiamata Destino. Una Destino convertible verrà presentata al Detroit Auto Show 2014.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Fisker Automotive Hybrid Technology Holdings John Carney Kevin Gross Richard Li Tom Carper Wanxiang

Lascia una risposta

 
Pinterest