Il mondo delle bici e la politica

Il mondo delle bici e la politica

29 gen, 2013

Le richieste ai politici nazionali e globali
           
La dovrebbe contribuire a sostenere la divulgazione dei come mezzo di trasporto eco-mobile sia nelle aree rurali che in quelle urbane.

Fonte: .org

Tanna, Germania. 24 gennaio 2013. Tasse proporzionali tra automobili e biciclette. La richiesta è stata di recente realizzata in Germania.

Ciò significa che è altrettanto facile per una società promuovere i pedelec disponibili per il suo personale, che fornire un furgone.

Inoltre, le indennità che possono essere richieste a distanza devono essere impostate come modalità di trasporto neutro.

Una pedelec deve essere completamente ammortizzata dopo quattro anni ai fini fiscali.

Ci sono investimenti in costruzione di piste ciclabili e parcheggi con predisposizione di ricarica rapida dei Pedelec.

In quasi tutti i Paesi in tutto il mondo vi è un arretrato enorme di investimenti, perché gli investimenti in infrastrutture sistematica del ciclo non sono stati fatti nel corso di decenni. Se un obiettivo di nazionale e comunale è stato ad esempio quello di raggiungere una quota del 25% per il viaggio di pedelec e biciclette, quindi un investimento sostenuto del 25% dei fondi disponibili per infrastrutture di trasporto devono essere investiti in questo settore.

Imporre l’introduzione di metodi di sicurezza attiva.

Controlli sulla conformità regolamentare da parte dei costruttori, degli importatori e dei rivenditori.

Purtroppo, ogni una delle pedelec testate da ExtraEnergy negli ultimi tre anni non erano legali.

Quindi, si può presumere che non c’è una sola bici nell’UE che soddisfi pienamente tutte le norme e leggi applicabili.

Così da un lato le leggi dovrebbero regolare la realtà dei fatti, e dall’altro devono essere effettivamente applicate all’aspetto pratico. In caso contrario, le uniche società ad essere penalizzate sono coloro che cercano di rispettare le norme applicabili. Gli esempi includono: marcatura CE, Direttiva EMC, Direttive Macchine, BattG, UN-T 83,3, giusto per citarne solo alcune.

Mettere al bando la vendita di batterie in modo da spostare i fornitori di sistemi di batterie a portare sul mercato sistemi che sono ottimizzati per una lunga durata e che sono destinati anche ad un secondo uso.

Attuare le leggi che si applicano alle batterie e regolare il riciclaggio, come BattG. Attualmente non è richiesto, ma la delle batterie sono di sicuro impiego. Solo per il loro trasporto non sono stabiliti per legge i requisiti minimi (UN-T 38,3). L’unico standard che copre sicurezza nel trasporto ed uso è lo standard BATSO, che attualmente formano la base per un nuovo standard CENELEC. Questo porta con sé anche la prospettiva, almeno inizialmente in Europa, che un insieme minimo obbligatorio di requisiti possono essere imposti dalla normativa sul mercato.

Riformare il sistema di assicurazione sanitaria in un sistema di bonus, che consenta di sostenere coloro che mantenengono uno stile di vita sano con incentivi finanziari.

Gli assicuratori dovrebbero essere autorizzati a fornire dei pedelec per i loro membri e se questi hanno dimostrato di essere usati regolarmente, questo dovrebbe avere un effetto positivo sui calcoli di pagamento contributivo. L’OMS prevede che 30 minuti di leggera attività fisica al giorno porti a 8 anni in più di vita in buona salute.

Richiedere che nelle nuove costruzioni o ristrutturazioni di edifici di trasporto, quali porti, stazioni e aeroporti, vengano costruiti un certo numero di posti auto o biciclette Pedelec siano adeguati al volume di traffico previsto.

Sostenere la rivoluzione silenziosa nel trasporto locale con pedelec facendo in modo che questi siano parte integrante dei programmi di promozione della mobilità elettrica. Non devono essere visti come qualcosa di aggiuntivo, ma presi seriamente come un modo di trasporto che può in molte circostanze sostituire la macchina, se la vettura è alimentata da un motore IC o un veicolo elettrico.

C’è ancora molta ricerca di base da fare nel campo dei veicoli ibridi a due ruote umani-elettrici.

E’ importante sostenere la libera concorrenza tra i fornitori attraverso la standardizzazione delle interfacce tra componenti elettrici basati su standard EnergyBus.

Standardizzare le interfacce dei servizi per la LEV, in modo che tutti i concessionari siano in grado di leggere i codici di errore senza barriere e quindi in grado di offrire almeno un servizio di base senza essere un rivenditore con contratto del fornitore di componenti in questione.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: ExtraEnergy legislazione normativa pedelec politica

Lascia una risposta

 
Pinterest