Il mercato delle auto elettriche in Irlanda

Il mercato delle auto elettriche in Irlanda

3 gen, 2015

di Colin Cleary

Fonte: GreenCarReports

 

Dicembre 2014. L’ è – o dovrebbe essere – un luogo ideale per l’adozione su larga scala di auto elettriche.

L’isola è compatta; ha un settore economico vivace, un ambiente politico favorevole, e la benzina e il gasolio costano circa 8 dollari per gallone – circa otto volte quanto di quanto costa ricaricare un’auto elettrica.

Entro il 2020, l’Irlanda prevede di produrre il 40 per cento della sua elettricità da fonti rinnovabili – in gran parte dal vento. I veicoli elettrici sono un complemento ideale all’energia eolica, in quanto possono aiutare a bilanciare la rete con la loro ricarica durante la notte, quando la domanda – e di conseguenza anche i costi – sono più bassi.

Tutto questo dovrebbe, in teoria, aver posto le basi per una transizione storica per i veicoli elettrici in Irlanda.

 

Incentivi robusti …

Per stimolare le vendite di auto elettriche, il governo irlandese ha messo in atto una robusta serie di incentivi.

Gli acquirenti di auto elettriche sono ammissibili ad un credito dal governo per un valore fino a 5000 euro (circa 6500 dollari). La Tax Vehicle Registration (VRT) ha anche annunciato fino a 5000 € per le auto elettriche.

E per finire, i proprietari di auto elettriche pagano la più bassa tassa di circolazione annuale, che si basa sulle emissioni.

Ma non è tutto. Le prime 2 mila vetture elettriche immatricolate in Irlanda sono ammissibili per l’installazione di un wall-box di ricarica gratuiti nei propri domicili, del valore di circa € 1.000 ($ 1.300).

 

… ma pochi acquirenti

Nonostante tutto questo, le vendite di auto elettriche stentano a decollare. Secondo le statistiche irlandesi di settore, solo 32 nuove auto elettriche sono state vendute in tutto il 2013, anche se questo totale è salito a 164 nei primi sei mesi del 2014.

Eppure, ciò equivale a solo lo 0,2% delle vendite di auto irlandesi. (Il dato statunitense comparabile per il 2013 è stata dello 0,6 per cento.)

Il numero di auto elettriche di proprietà di individui era pari a circa 500 entro la metà del 2014. Per dare un quadro completo in prospettiva bisogna dire che ci sono attualmente il doppio dei punti di ricarica pubblici in Irlanda rispetto le auto elettriche private.

Il prezzo d’acquisto è stato un fattore che ha limitato le vendite.

Tuttavia, il prezzo della vettura elettrica leader in Irlanda, la , è calata notevolmente. Quando gli incentivi vengono applicati, la Leaf è ora paragonabile nel prezzo ai simili veicoli a benzina o diesel.

Uno di questi è la Nissan Qashqai (simile alla Nissan Rogue venduta in Nord America), il secondo modello di auto più venduto in Irlanda.

La Qashqai ha venduto 3.485 unità in Irlanda nei primi sei mesi del 2014 – pari al 4 per cento del mercato. Al contrario, soltanto 148 Leaf sono state vendute durante lo stesso periodo.

 

Ansia di autonomia

Nonostante l’Irlanda sia compatta e di dimensioni relativamente ridotte, l’ansia di autonomia è stata ancora un importante vincolo sulle vendite di auto elettriche.

L’autonomia effettiva della Leaf è solo circa 80 – 90 miglia per carica(128 – 144 km). Mentre la maggior quantità di spostamenti è all’interno di tale range, la limitazione ha fatto dubbitare molti potenziali acquirenti – compresi i consumatori attenti all’ambiente che altrimenti sarebbero inclini all’acquisto.

Per risolvere tali preoccupazioni, la divisione e-auto del Electricity Supply Board (ESB) ha lavorato per creare una rete di circa mille punti di ricarica pubblici, distribuiti in tutta l’Irlanda.

Di questi, 63 hanno l’offerta di carica rapida DC, soprattutto a intervalli convenienti nelle principali autostrade. Sono previsti altri cento punti di ricarica pubblici.

I caricabatterie rapidi offrono una carica dell’80 per cento in 25 minuti. Con una pianificazione minima, un viaggio a lungo raggio in auto elettrica in Irlanda non dovrebbe quindi porre molte difficoltà.

I punti di ricarica pubblici normali impiegano circa 8 ore per una carica completa, ma offrono un bonus: sono – almeno per ora – gratis. Diverse centinaia di punti di ricarica aggiuntivi sono stati installati per l’uso commerciale.

 

Il marketing

Al momento, la mancanza di consapevolezza del pubblico circa le prestazioni delle auto elettriche e dei loro vantaggi economici è forse il principale ostacolo per l’adozione.

Infatti, la commercializzazione di auto elettriche in Irlanda è stata minima o inesistente, contribuendo in modo che i volumi di vendita rimangano piccoli. La scelta limitata di modelli disponibili – fino ad ora è stata sostanzialmente solo la Nissan Leaf – è stato un ostacolo serio.

Questo cambierà presto quando altri modelli entreranno nel mercato irlandese. Mitsubishi ha recentemente introdotto la sua Outlander Plug-In Hybrid nel mercato irlandese sia con campagne stampa pubblicitarie nazionali, radio e con altre iniziative.

Le auto elettriche potrebbero, almeno inizialmente, essere commercializzate come ottimale seconda auto poco costosa, usando una a benzina o diesel per i viaggi a lunga distanza. Questo mercato – come il mercato potenziale tra gli appassionati di verde – rimane in gran parte inutilizzato.

 

Irlanda innovativa, verde e high-tech

Le auto elettriche dovrebbero adattarsi bene nel modo in cui l’Irlanda cerca di presentarsi al mondo: innovativa e verde. Alti livelli di energia eolica in combinazione con una rete intelligente e ad alta penetrazione dei veicoli plug-in rappresenterebbe il rafforzamento di tutto il settore energetico.

La Model S, praticamente inesistente in Irlanda, ha dimostrato che la tecnologia può attualmente offrire una lunga percorrenza alle auto elettriche – quali 250 miglia per carica (oltre 400 km), ma rimane costosa.

Con l’aumento della produzione e la tecnologia che avanza, il costo di tali auto elettriche in grado di fare lunghe percorrenze scenderà. Irlanda farebbe bene a posizionarsi sul lato destro di questo cambiamento storico.

Ci sono anche altri forti argomenti di sicurezza nazionale per l’Irlanda a favore delle auto elettriche.

Il settore dei trasporti rappresenta un terzo del consumo energetico irlandese e quasi tutto il combustibile da trasporto utilizzato in Irlanda viene importato.

L’elettrificazione di anche solo una parte modesta di questo settore – utilizzando energia eolica prodotta localmente – sarebbe un contributo importante verso la decarbonizzazione e la sicurezza energetica che sono gli obiettivi dell’Irlanda, migliorando anche la bilancia commerciale del paese.

 

Il caso della Norvegia

Norvegia, a differenza dell’Irlanda, è già in questa ottica. Le vendite di auto elettriche sono in subbuglio, con oltre 30.000 già sulla strada.

La Tesla Model S e la Nissan Leaf sono tra le auto più popolari e più vendute nel paese. Le auto elettriche rappresentano ben oltre il 10 per cento del mercato delle auto nuove nel 2014, il doppio del livello del 2013.

Chiaramente i generosi incentivi governativi hanno contribuito a stimolare il passaggio alle auto elettriche in Norvegia, ma molti di questi incentivi – come la rinuncia di alte imposte sulle vendite – sono ugualmente disponibili per gli acquirenti di auto irlandesi.

Infatti, la Norvegia non offre il credito d’acquisto di 5 mila euro come fa l’Irlanda. Una differenza sta negli incentivi “soft” per le auto elettriche che vengono offerte in Norvegia, tra cui l’uso delle corsie preferenziali ad accesso limitato, i parcheggi preferenziali all’interno delle città, i traghetti gratuiti ed i pedaggi differenziati per i driver di auto elettriche.

Una volta raggiunto l’obiettivo di 50 mila auto elettriche su strada – forse già alla fine del prossimo anno – il governo norvegese prevede di rivalutare il suo mix di incentivi. Ma questi incentivi sono destinati chiaramente a premiare i primi ad adottare e trovare le auto elettriche sulle strade del Paese nordico.

Paradossalmente, nonostante il suo tasso minimo di adozione ad oggi, l’Irlanda è in realtà più adatta per l’uso delle vetture elettriche rispetto la Norvegia. La Norvegia è lunga con alcune zone sperdute, creando problemi di autonomia e il clima mite dell’Irlanda rende più facile la vita delle batterie delle auto elettriche.

 

Passato il punto di non ritorno

Prima della crisi economica devastante del 2008, l’Irlanda ha fissato l’obiettivo ottimistico di avere il 10 per cento delle sue vetture elettriche entro il 2020, che sono circa 220 mila veicoli. Mentre il target rimane in vigore, ci sembra poco probabile che possa essere raggiunto.

Il governo irlandese e la Electricity Board sono da lodare per aver creato l’infrastruttura di ricarica ed solleticare il mercato con il programma di incentivazione, nonostante i vincoli di bilancio imposti dalla recessione. Tuttavia, l’esistenza di una rete di ricarica impressionante è di poco valore se resta in gran parte inutilizzata.

Le vendite di automobili sono in forte aumento in Irlanda nel 2014 quando il paese esce da cinque anni di recessione. Il salto delle vendite di veicoli elettrici di quest’anno, pur partendo da una piccola base, dimostra che la consapevolezza dei vantaggi dell’uso delle auto plug-in è almeno in crescita.

Per accelerare questo, bisogna fare molto di più per educare il pubblico irlandese.

Molti consumatori irlandesi non sanno, per esempio, che l’accelerazione di un’auto elettrica ferma elettriche è veloce né che i costi di manutenzione sono molto bassi.

Una campagna di marketing collettivo per il settore nel suo complesso potrebbe servire a questo fine.

Il governo potrebbe amplificare questa campagna spostando la sua flotta di veicoli plug-in e incentivando lo stesso turno dalle flotte di auto private. I comuni potrebbero anche imparare dalla Norvegia e considerare “incentivi soft” – come l’accesso a corsie preferenziali e un parcheggio gratuito per le auto elettriche – per attirare i primi acquirenti.

Una cosa è chiara: le fondamente a favore delle auto elettriche in Irlanda sono molto più forti rispetto quello che potrebbe indicare il piccolo numero che attualmente si trova sulle strade irlandesi.

La chiave per trasformare la situazione è nelle mani dei produttori di auto elettriche che potrebbero avviare una seria spinta sul marketing. Questo tipo d’iniziativa aggiunta a qualche offerta di incentivi morbidi, può essere solo ciò che è necessario per portare l’Irlanda oltre il punto di non ritorno dalle auto elettriche.

 

Nota della redazione (di GreenCarReports):

L’autore è un ufficiale di servizio straniero degli Stati Uniti. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del Dipartimento di Stato o di governo degli Stati Uniti.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: cina economia incentivo Irlanda nissan leaf politica Shenzhen tesla

Lascia una risposta

 
Pinterest