I petrolieri “sdoganano” le auto elettriche

I petrolieri “sdoganano” le auto elettriche

1 mag, 2017

Anche le compagnie petrolifere ora riconoscono che le automobili elettriche stanno arrivando

di Sean Szymkowski

Fonte: GreenCarReports

 

27 Aprile 2017. I sostenitori hanno da tempo detto che i veicoli elettrici inizieranno ad assumere i compiti quotidiani di guida, lentamente ma sicuramente, dal motore a combustione interna.

Ora, anche le compagnie petrolifere stanno cominciando a riconoscere che in quel sogno del futuro ci può essere la realtà.

La francese , uno dei più grandi produttori di petrolio al mondo, ha rilasciato le sue prospettive future per i veicoli elettrici e prevede un forte aumento delle vendite entro la fine del prossimo decennio.

, , ha detto a Bloomberg che l’azienda prevede che i veicoli elettrici rappresenteranno il 15-30% di tutte le vendite di veicoli nuovi entro il 2030.

Oltre alla sua previsione, Total crede che la domanda di combustibili a base petrolifera avrà un picco intorno allo stesso tempo.

“La domanda sarà appiattita”, disse Couse. “Forse sarà anche in declino”.

La previsione è rialzista, anche superando la previsione di Bloomberg New Energy, una delle più ottimiste pubblicate in precedenza.

Altre compagnie petrolifere hanno continuato a ridurre le loro previsioni a lungo termine per l’olio considerando il crescente interesse degli acquirenti per le auto elettriche.

Total ha acquistato il produttore di nel 2011 e ha anche acquistato il produttore di batterie in un’operazione stimata di un valore di 1 miliardo di dollari.

D’altra parte, ha precedentemente smentito gli analisti, sostenendo che i veicoli elettrici avranno solo il 10 per cento del mercato entro l’anno 2040.

Ciò nonostante , un’agenzia di credito leader, afferma che i veicoli elettrici rappresentano una minaccia “rischiosamente negativa” per tutti i produttori di petrolio in futuro.

Gli autocarri continuano a sviluppare veicoli elettrici con autonomia più lunga e tecniche di ricarica più rapide, e le auto plug-in con autonomia di oltre 200 miglia (320 km) stanno diventando più accessibili per il consumatore medio.

E non ci sono semplicemente i fabbricanti di automobili. Le aziende elettroniche potrebbero anche spingere l’espansione dei veicoli elettrici e della tecnologia delle batterie attraverso la propria ricerca e sviluppo.

Ma l’introduzione e l’adozione dei veicoli elettrici di massa sarà un lungo processo esteso, considerando che i consumatori non acquistano ogni anno un nuovo veicolo.

Alcuni hanno sostenuto che l’ascesa di Tesla alla sommità ha già piantato un seme per la crescita nel futuro, promettendo le emissioni zero, il prodotto di qualità e persino la capacità di rendimento.

Mentre le vendite di veicoli elettrici rappresentano solo l’1 per cento delle vendite mondiali di oggi, giudicando dalle tabelle di marcia future dei produttori di autoveicoli, poco sembra in grado di fermare l’aumento delle vendite del veicolo elettrico a batteria.

[hat tip: Raymond Cooper]

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: exxonmobil fitch Joel Couse pannelli solari saft SunPower Total Chief Energy Economist total sa

Lascia una risposta

 
Pinterest