I brevetti di Tesla Motors diventano open source

I brevetti di Tesla Motors diventano open source

15 giu, 2014

lascerà usare le tecnologie della sua azienda a chi le vorrà adoperare ”in buona fede”.

Fonte: Zeus News

 

13 giugno 2014. Si possono individuare tanti motivi che rallentano il diffondersi delle auto elettriche, ma uno dei peggiori è quasi immateriale: si tratta dei brevetti.

A pensarla così non è qualche fanatico dell’open source ma Elon Musk, eccentrico imprenditore, cofondatore di PayPal, fondatore di SpaceX e CEO di .

Con un post sul blog ufficiale, Musk ha annunciato l’inizio della rivoluzione e ha dato l’esempio: i brevetti di proprietà del più celebre produttore di auto elettriche sono diventati open source.

Nel proprio intervento, Musk non ha esitato a paragonare la proprietà intellettuale a una mina che impedisce di avanzare verso l’era del trasporto sostenibile: soltanto lavorando insieme, secondo l’imprenditore statunitense, si potrà arrivare al risultato.

«Quando ho inaugurato la mia prima azienda, Zip2, pensavo che i brevetti fossero una cosa buona e ho lavorato duramente per ottenerli. E forse molto tempo fa erano davvero una cosa buona, ma oggigiorno troppo spesso servono soltanto a soffocare il progresso, consolidare le posizioni delle grandi multinazionali e arricchire gli avvocati anziché i veri inventori» scrive Musk.

Rendendosi conto che i brevetti posseduti da Tesla non servivano ad accelerare l’adozione delle auto elettriche, ma anzi la rallentavano non consentendo ad altri di approfittare delle medesime innovazioni tecnologiche, Elon Musk ha deciso che «Tesla non intenterà alcuna causa per i brevetti contro chiunque, in buona fede, voglia adoperare la nostra tecnologia».

In fondo si tratta di applicare la medesima filosofia nei confronti dei brevetti adottata dall’uomo dal quale Tesla Motors prende il nome. Si racconta infatti che , a chi gli portava la notizia della trasmissione di segnali senza l’uso di fili da parte di Guglielmo Marconi, abbia risposto: «Marconi è un brav’uomo. Lasciamolo continuare. Sta usando diciassette dei miei brevetti».

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Elon Musk Nikola Tesla Tesla Motors

Lascia una risposta

 
Pinterest