Google e la sua flotta di auto verdi

Google e la sua flotta di auto verdi

8 gen, 2012

Cinque ragioni per cui  possiede in anteprima le auto Plug-In

Da Nikki Gordon-Bloomfield

Fonte: GreenCarReports

6 gennaio 2012. Poco prima delle vacanze, alla fine dello scorso anno, Google ha accolto la prima Ford Focus elettrica ad uscire dalle linee di produzione nella sua espansione delle flotte di plug-in e di auto ibride.

La flotta G di Google comprende ora la Nissan Leaf 2012, la Chevrolet Volt, la Toyota Prius e vari plug-in non ibridi, per non parlare dei modelli di pre-produzione della Honda Fit EV.

Ma perché Google sembra avere le auto elettriche ben prima di chiunque altro? E cosa esattamente rappresenta una società di software che fa il collaudo delle auto elettriche per l’industria automobilistica?

Tuttavia, quanto ingiusto possa sembrare, la flotta di Google di veicoli  plug-in è impressionante. E qui ci sono cinque ragioni per cui Google ha le auto prima di chiunque altro.

Le auto elettriche si abbinano perfettamente all’immagine di Google

Chiedete alla maggior parte del pubblico l’impressione di Google, ed è molto probabile trovare una proporzione elevata che risponde con il motto di Google: non essere cattivo.

Tranne che per poche eccezioni, Google sembra seguire questo motto nelle sue attività quotidiane.

Nel caso del trasporto verde, non si adattano male le vetture plug-in grazie alle basse emissioni dallo scarico e la minor dipendenza dal petrolio straniero.

In breve, le auto elettriche sono perfette per Google, di non dare una immagine sbagliata.
Google ha investito molto nelle auto Plug-in

Non è solo l’immagine però, nel 2007, Google ha iniziato il progetto RechargeIT, finalizzato a contribuire a dimostrare la tecnologia plug-in delle auto elettriche e contribuire ad accelerare l’adozione.

Google Electric Vehicle Infrastructure Fleet

A quel tempo, non c’erano veicoli plug-in presenti sul mercato, così Google ha alcuni dei suoi nella flotta di veicoli ibridi convertiti in ibridi plug-in al fine di esaminare i miglioramenti nel chilometraggio e la riduzione delle emissioni di gas e che potrebbero essere fatti una volta convertiti, con motore a benzina convenzionale e sistremi ibridi.
Da allora, Google ha anche investito oltre 1 miliardo di dollari in energie pulite, compreso l’avvio di aziende di auto elettriche, gruppi di difesa e delle imprese delle infrastrutture di ricarica.
Google offre una grande pubblicità gratis

Non tutti coloro che usano Internet avranno sentito parlare della Chevrolet Volt 2012, della Nissan Leaf 2012 o di altre auto plug-in. Ma quasi tutti avranno sentito parlare di Google.

E poiché la Flotta G di Google offre ai dipendenti di Google l’uso gratuito delle loro vetture sia dentro che fuori dal campus, ogni auto elettrica usata nella flotta G è destinata a educare sia i dipendenti di Google, le loro famiglie e le comunità locali per quanto riguarda le auto elettriche.

Se Google ha l’auto prima di chiunque altro, può contribuire a pubblicizzare sia localmente che globalmente per aumentare le vendite tra gli acquirenti di auto private.

I dipendenti di Google fanno da testers

Dal momento che Google è principalmente una società di software e di grandissima ricerca di Internet, la maggior parte dei suoi dipendenti sono ingegneri del software.

Perché è importante? In una parola, il testing.

Con il gran numero tecnici di software dell’atteggiamento pro auto plug-in, Google offre la possibilità perfetta per le prove automobilistiche che necessitano di controllo, nel mondo del test reale.

E poiché gli ingegneri di Google sono ben impostati per quanto riguarda i test, le case automobilistiche beneficiano di un feedback accurato quando le cose vanno male, che permette di modificare il software e l’hardware delle automobili.

Google vuole sviluppare software per le auto elettriche

L’utente non può saperlo, ma Microsoft sviluppa già tutta una serie di prodotti che vengono utilizzati nell’industria automobilistica. In realtà, entrambi del 2012 Ford Focus Electric e Nissan Leaf 2012 hanno già la caratteristica tecnologia sviluppata da Microsoft.

NYT test di autonomia Google della Toyota Prius

Google vuole emulare il coinvolgimento di Microsoft nel settore automotive, sia per quanto riguarda lo sviluppo di soluzioni hardware e software per l’industria automobilistica.

Come chiunque abbia assistito al Google Prius corso di guida vi dirà, Google è sulla buona strada per diventare il punto di riferimento per quando si tratta di automobili intelligenti computerizzate.

Considerando che lo sviluppo dell’auto plug-in è una progressione naturale per una società così innamorata delle auto convenzionali, la precedente esperienza di Google con le automobili plug-che forniscono un’esperienza essenziale che le aziende di software potrebbero non avere ancora.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: google

Lascia una risposta

 
Pinterest