Entro il 2015, 1 milione di EV negli USA

Entro il 2015, 1 milione di EV negli USA

29 apr, 2011

di Margaret Sullivan

Fonte: All Cars Electric 

29 aprile 2011. All’inizio di questo mese, il segretario all’Energia degli USA era sotto la pioggia davanti ad una fila di auto elettriche parcheggiate nell’enorme complesso delDipartimento di Energia, in Washington, DC, parlando a una folla di giornalisti, produttori e dirigenti di utilities.

Chu, premio Nobel per la fisica, ha propagandato l’obiettivo del presidente Obama di mettere 1 milione di veicoli elettrici su strada entro il 2015. Egli ha poi esaminato ulteriormente nel futuro. Guidare 100 miglia in una macchina elettrica, ha detto, “è solo la punta di un iceberg”.

Le batterie al litio in fase di sperimentazione presso il National Laboratory, che ha contribuito a sviluppare la tecnologia della batteria utilizzata nellla Chevrolet Volt, potrebbe permettere l’auto di percorrere fino a 500 miglia con una singola carica entro la fine del decennio. “Batterie”, si vantava Chu, “che costano un terzo di quelle di oggi, ma danno almeno tre volte l’autonomia.”

L’emozione di parlare di queste scoperte, ha detto Chu mentre la folla sentiva rannicchiata sotto gli ombrelli, è “palpabile”. Dopo i discorsi, i funzionari del settore hanno preso le loro auto elettriche per un “corteo di innovazione”, attraverso la capitale per la conferenza dell’Electric Drive Transportation Association.

Ma, per tutti l’entusiasmo per il progresso della tecnologia dell’auto, resta da vedere se gli Stati Uniti possono veramente mettere 1.000.000 di veicoli elettrici su strada entro il 2015. Il simbolismo del temporale è stata come si conviene, come era ovvio: sarebbe realtà la pioggia sulla parata di auto elettriche?

Una piccola quota della flotta

L’obiettivo dell’amministrazione non è affatto un “programma Apollo” – un’analogia dal presidente Obama nel suo discorso sullo Stato dell’Unione del 2011 – che, dopo tutto, è necessario agli scienziati alla propulsione per portre gli astronauti a 250,000 miglia fino alla luna e poi riportarli indietro.

In confronto, l’obiettivo degli EV è ottimista, questo obiettivo dovrebbe essere facile ed ha i vantaggi tangibili di riduzione della dipendenza dal petrolio estero e della repressione dei gas a effetto serra. “Abbiamo la tecnologia”, ha detto Brendan Bell, un esperto del programma di veicoli puliti all’Union of Concerned Scientists.

Che la tecnologia comprende qualsiasi set di gomme che possono essere guidate da un motore elettrico – alimentati dalla batteria della Nissan Leaf, che non ha un motore a benzina, oppure come per la Chevy Volt, che usa la sua potenza della batteria prima di toccare un motore a benzina per alimentare un generatore che amplia la gamma della vettura.

La Toyota Prius 2012 prevista ibrida plug-in funziona a batteria, quindi diventa un ibrido benzina-elettrico.
Bell ha sottolineato che anche 1 milione di auto elettriche rappresenterebbe poco più di un terzo dell’1 per cento dei 246 milioni di veicoli registrati negli Stati Uniti

La percentuale è molto piccola, ha detto, ma la gente dovrebbe guardare a 1 milione di veicoli elettrici come acconto sul futuro del parco auto degli Stati Uniti. Abbiamo bisogno di raccogliere una quantità enorme di informazioni su come i consumatori utilizzano le auto elettriche, al fine di decidere dove mettere le stazioni di ricarica e di imparare come funzionano con la rete elettrica, ha detto Bell.

La distribuzione di massa permette anche di ridurre i costi, di sviluppare al meglio le batterie delle automobili e imparare dalle esperienze dei consumatori. “Abbiamo bisogno di iniziare ad avere questi veicoli sulla strada ora in modo che, entro il 2030, questi possano essere i veicoli standard” – ha detto.

Nissan Leaf 2011 e il 2011 Chevy Volt, nella stazione di ricarica;
foto di George Parrott

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Steven Chu

Lascia una risposta

 
Pinterest