Dove metto le colonnine di ricarica? Nel parcheggio

Dove metto le colonnine di ricarica? Nel parcheggio

25 ott, 2013

di John Voelcker
Fonte: GreenCarReports

24 ottobre 2013. Con i recenti fallimenti delle reti di stazioni di ricarica Ecotality e della rete di servizi israeliana Better Place, i sostenitori dei veicoli elettrici hanno tranquillamente discusso su quale modello di business esiste per le stazioni di ricarica pubblica di auto elettriche.

Ma supponiamo che non ci sia un problema che riguarda la ricarica?

Supponiamo che il problema riguarda il parcheggio?

Recentemente abbiamo parlato con , che è il vice presidente dello sviluppo di nuove attività e vendite di .

Tale società sviluppa servizi che possono essere definiti come “soluzioni di accesso ai non proprietari” per l’industria della ricarica delle auto elettrica, ovvero i meccanismi di pagamento facile.

Quello che segue è una versione ridotta e modificata della nostra conversazione.

GreenCarReports:

Allora, cosa c’è di sbagliato nel modello “stazione di servizio”, in cui i conducenti delle auto elettriche possono andare in un luogo dedicato a “rifornirsi”?

Williams:

I piloti hanno un vecchio detto: “Niente è più inutile dell’aria sopra di te, della strada dietro di te o dello spazio vuoto nei vostri serbatoi di carburante”

Loro sanno esattamente dove stanno andando e quanto carburante hanno bisogno per arrivare – perché non ci sono stazioni di benzina nel cielo.

I conducenti delle auto elettriche conoscono esattamente questo principio ed è questo il vero problema con il modello “stazione di servizio” di ricarica.

La relativa scarsità di infrastrutture di ricarica significa che il conducente di un’auto elettrica (come il pilota) deve sempre considerare quanto lontano andrà, e se può ricaricare nel punto di destinazione.

Parcheggi solo per veicoli elettrici?. Perché è un problema?

Gran parte della discussione si è concentrata sulla disparità evidente tra il costo della benzina e dell’energia elettrica, che rende molto difficile guadagnare un profitto adeguato.

Ma il vero problema non è il costo, ma il tempo. Nessuno vuole stare in giro per 20 minuti [nel caso di una carica rapida DC], per non parlare di due ore [per il livello 2 di ricarica a 240 Volt] per rifornire il loro veicolo.

Allora qual è il vero e proprio costo?

Ogni volta che si lascia un veicolo in sosta in molte zone per più di 5 minuti, diventa un problema di parcheggio e non un problema di rifornimento di carburante.

Il costo della ricarica delle auto elettriche non si basa principalmente sul costo dell’elettricità (che è trascurabile) , ma sul costo dello spazio che il veicolo occupa.

Detto in altro modo, la carica è il parcheggio !

Allora, allora … ?

L’unica volta che un conducente di un’auto elettrica ha davvero bisogno di usare una stazione di ricarica pubblica è quando si percorrono più di 40 miglia in una sola direzione.

Che di solito significa andare al posto di lavoro, oppure a qualche destinazione dove il conducente intende impegnarsi in una attività (negozi, ristoranti o un appuntamento di lavoro) dove resterà nello stesso posto per diverse ore.
In altre parole: è la destinazione.

Immaginando una soluzione estrema, Williams potrebbe suggerire che le stazioni di ricarica non sono più destinate ad essere offerte complementari nei parcheggi esistenti.

A volte la ricarica può essere a pagamento, altre volte, potrebbe essere gratuita per attirare i clienti che spenderanno molto di più nel parcheggio che nel costo dell’energia elettrica che consumano.

Cosa ne pensi ? C’è posto per allestire stazioni di ricarica pubbliche come destinazione?

Oppure saranno limitati solo ai luoghi dove le persone in ogni caso devono parcheggiare?

E che cosa significa questo per le stazioni di ricarica dedicate che si trovano altrove?

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Forest Williams Liberty Access Technologies

Lascia una risposta

 
Pinterest