Cosa arriverà dopo le batterie agli ioni di litio?

Cosa arriverà dopo le batterie agli ioni di litio?

7 dic, 2015

Quello che viene dopo le agli ioni di litio per auto elettriche, e quando?

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

3 Dicembre 2015. Tutte le auto elettriche del mercato di massa in vendita da oggi hanno una cosa in comune, che sono alimentate da gruppi batterie composte da elementi con chimiche agli ioni di litio.

Ma per superare i limiti attuali di autonomia e tempo di ricarica – così come per abbassare il costo e il peso dei pacchi batterie – i ricercatori stanno diligentemente lavorando alla ricerca di modi per aumentare o sostituire le celle agli ioni di litio con qualcosa di meglio.

Ma cosa potrebbe sostituire le celle agli ioni di litio nei pacchi batteria delle auto elettriche?

Impianto di assemblaggio del gruppo batteria della Chevrolet Spark EV 2015 a Brownstown, Michigan

Secondo un recente post del blog Navigant Research, la tecnologia agli ioni di litio potrebbe toccare l’apice dello sviluppo entro la fine del decennio, quindi ci vuole lo sbocco di qualche chimica alternativa.

Nel breve termine, tuttavia, la densità energetica delle celle agli ioni di litio dovrebbe aumentare costantemente – accompagnata da una diminuzione dei costi.

L’economia di scala offerta dalla produzione ad alto volume negli impianti quela la “Gigafactory” Tesla del Nevada prevede di contribuire a portare i prezzi verso il basso, come la speratia diminuzioni nelle quantità di metalli preziosi utilizzati.

Navigant stima che i prezzi complessivi dei pacco batteria agli ioni di litio continuerà a diminuire di circa il 5-6 per cento ogni anno per il resto del decennio.

E le case automobilistiche stanno sperando di sbloccare ulteriori guadagni di efficienza.

Pacco batterie aglio ioni di litio della Tesla Model S

Parlando alla conferenza eCarTec di ottobre a Monaco di Baviera, il capo dello sviluppo batteria Renault, ha detto che i miglioramenti nella densità di energia permetteranno di raggiungere l’autonomia di 200 miglia (320 km) di serie nelle auto elettriche tradizionali entro il 2020.

Prima di allora, il partner di Renault nell’alleanza, Nissan, pensa ampiamente di lanciare alla vendita una Leaf da 200 miglia di autonomia, e la Chevrolet Bolt EV e Tesla Model 3 da 200 miglia di autonomia faranno anche il debutto nel corso dei prossimi anni.

Ma oltre a questo, gli analisti ritengono che altre chimiche potrebbero gradualmente sostituire gli ioni di litio.

Alla stessa conferenza di Monaco, il fornitore Bosch ha detto che alternative come il litio-aria, litio-zolfo, e le batterie a stato solido presto diventeranno commercialmente rilevanti.

Le batterie a stato solido saranno le prime di queste tecnologie da commercializzate a breve termine, ha detto il dottor Holger Fink, vice presidente senior di ingegneria per Robert Bosch Battery Systems.

Prototipo pacco batterie da 60-kWh - Nissan Technical Center, Ottobre 2015

Le batterie a stato solido sostituiscono l’elettrolita liquido tipica con un materiale solido. La tecnologia ha già ricevuto una certa attenzione dalle case automobilistiche, tra cui Volkswagen, che possiede una partecipazione nella società di batteria a stato solido QuantumScape.

Le batterie al litio-zolfo possono diventare commercialmente fattibili intorno al 2030, ha detto Fink.

Con gli ioni di litio ben consolidati, il passaggio alle batteria chimiche alternative sarà probabilmente lento e graduale.

Nessun’altra cella chimica ha raggiunto la fase in cui una casa automobilistica tradizionale sia pronta ad impegnarsi per usarla in veicoli di produzione.

E anche quando queste nuove tecnologie diventino commercialmente redditizie, è probabile che loro prenderanno tempo prima di erodere la quota di mercato del .

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: batterie li-ion litio-ion

Lascia una risposta

 
Pinterest