Cina eliminerà gli aiuti all’auto elettrica entro il 2021

Cina eliminerà gli aiuti all’auto elettrica entro il 2021

29 gen, 2016

Cina eliminerà gradualmente gli aiuti all’auto elettrica entro il 2021

Sarà il mercato a decidere

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

27 Gennaio 2016. Dopo anni di sostegno entusiasta, il Governo Nazionale della Cina potrebbe presto cessare i sussidi alle auto elettriche.

Vedendo le auto elettriche come un modo per risolvere i gravi problemi di inquinamento dell’aria del paese, gli organismi locali, statali e governi nazionali della Cina hanno adottato vari generosi incentivi per invogliare un pubblico indifferente.

E nel corso dell’ultimo anno circa, le vendite di auto elettriche in Cina sono aumentate.

Ma il governo nazionale non ha intenzione di prolungare i sussidi oltre il 2021, quando è prevista la scadenza.

Tesla Model S in Cina

Il ministro delle Finanze ha ribadito l’intenzione di eliminare gradualmente le sovvenzioni alle macchine verdi in un discorso a una conferenza di settore a Pechino il lunedi, secondo Reuters.

Lou ha detto che il governo prevede di tagliare i sussidi del 20 per cento nei prossimi anni, e il 40 per cento tra il 2019 e il 2020 – prima di eliminarli tutti insieme nel 2021.

Ha detto che lo scopo di questo è quello di garantire l’industria di non crescere dipendente dai sussidi.

Invece, ha detto Lou, la Cina lascierà che il mercato decida come si giocheranno le cose.

È interessante notare, come ha elogiato lo schema di emissione dicredito della California come le politiche basate sul mercato; tale sistema consente di acquistare dalle case automobilistiche crediti per compensare le emissioni in eccesso.

Le case automobilistiche che raggiungono le medie di flotta inferiori alla massima guadagnano crediti, che possono poi vendere per un profitto ad altri produttori che non hanno soddisfatto le loro medie.

Tesla Motors ha avuto pieno vantaggio di questo sistema, con la vendita di crediti ad altre case automobilistiche che le ha permesso di guadagnare denaro nel processo.

Tuttavia, la Cina non ha un sistemi comparabile e finora non ci sono indicazioni che verrà implementato nel prossimo futuro.

BYD Tang, SUV plug-in cinese

Reagendo alla notizia, alcune case automobilistiche ora si chiedono se le auto elettriche a batteria o le ibride plug-in diventeranno dominanti in Cina.

Mentre la Cina ha registrato la vendita di maggior quantità di auto elettriche rispetto gli Stati Uniti lo scorso anno, gli ibridi plug-in sembrano aver fatto l a maggioranza di quelle vendite totali.

Cina ancora manca sviluppare infrastrutture di ricarica, che rende l’auto plug-in con backup di motori a combustione interna più attraente per molti consumatori.

Ma se gli ibridi plug-in finiranno vendendo più automobili di quelle elettrici a batteria, allora come fare in realtà a ricaricarli diventa cruciale.

Perché se queste vetture non sono collegate ad una presa di ricarica, quindi essenzialmente diventano normali veicoli a benzina e senza grandi benefici per l’ambiente per i quali sono stati realizzati.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Lou Jiwei Ministro finanze cina

Lascia una risposta

 
Pinterest