BYD multata dalla California

BYD multata dalla California

2 nov, 2013

California multa la BYD per i salari del progetto dei bus elettrici

By Stefano Edelstein

Fonte: GreenCarReports

29 ottobre 2013. Il sogno della California di avere gli autobus elettrici della BYD potrebbe cominciare a diventare un incubo.

Lo stato ha aggressivamente corteggiato il produttore cinese di auto elettriche, sperando che creare posti di lavoro e di mettere i veicoli elettrici su strada.

Ma il mese scorso, lo Stato della California ha multato BYD di quasi 100 mila dollari per aver violato le leggi del salario minimo dello stato, secondo il rapporto del New York Times.

BYD (acronimo di Build Your Dreams) impiega 40 persone in California, cinque dei quali sono lavoratori temporanei portati dalla Cina.

Quei cinque dipendenti sarebbero stati pagati molto meno del salario minimo stabilito dallo Stato americano, che è di 8,00 dollari l’ora.

Il vicepresidente BYD America, , ha detto al Times che questi collaboratori erano in California per installare attrezzature e formare i dipendenti a tempo indeterminato presso lo stabilimento statunitense di BYD. La società sostiene che i lavoratori – presenti negli Stati Uniti con visti legali di lavoro – non sono soggetti alle leggi statali sul lavoro.

I lavoratori hanno detto agli investigatori che hanno la dimora negli Stati Uniti da 1 a 6 mesi. Un lavoratore ha detto di guadagnare l’equivalente di 1.50 dollari all’ora, più un assegno di 50 dollari al giorno per il cibo e le altre spese.

Lo scorso anno, BYD ha vinto un appalto per costruire 15 autobus elettrici per la città di Long Beach e poco dopo ha firmato un accordo con Los Angeles per un massimo di 25 autobus.

LA Metro ha accettato di testare cinque di autobus elettrici da 40 piedi di BYD e di acquistare altri 20 se i test fossero stati positivi.

BYD ha costruito più di mile di questi autobus per le città cinesi, ma nessuno è ancora entrato in servizio in California.
Le loro attività negli Stati Uniti sono sempre sotto il controllo dei media perché il leggendario finanziere ha acquistato una quota di quasi il 10 per cento di BYD nel 2008.

Le attività della società sono state incentrate sulla vendita di autobus dopo diversi tentativi falliti di vendere il modello e6 elettrico negli Stati Uniti.

Tuttavia, dopo aver lottato per vendere le auto elettriche ai clienti sul mercato nazionale, BYD ha poi deciso di non vendere la e6 ai consumatori americani. Comunque si può ancora avere il crossover elettrico come un veicolo di flotta.

Con l’attività nel settore dei bus elettrici, BYD continua a generare polemiche ed i piani di BYD per lanciare i propri veicoli elettrici sulle strade degli Stati Uniti sembrano affrontare continue sfide.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Micheal Austin Warren Buffet

Lascia una risposta

 
Pinterest