Aspes nella rivista Moto Dealer News

Aspes nella rivista Moto Dealer News

3 giu, 2011

Aspes nella rivista Moto Dealer News di maggio

Fonte: Electric Motor News

3 giugno 2011. ASPES (www.aspesitalia.com) è sempre presente nel settore dei veicoli a due ruote. Ora , general manager di Menzaghi Motors, l’azienda con sede a Mornago che a rilevato il mitico marchio motociclistico; ha rilasciato un’intervista alla rivista Moto Dealer del mese di maggio 2011.

Il servizio è parte di una serie di pagine dedicate a tutto il pianeta di scooter elettrici, dove ASPES spicca per offrire un prodotto equipaggiato sia con motore elettrico che con motore a combustione interna, ovvero una gamma di scooter ibridi.

Ecco il contenuto nella parola di Umberto Pertosa e di , Responsabile di S.a.s.(www.crmoto.it), dealer ASPES.

Il Servizio

Sempre più elettrico
inchiesta : Nuove tendenze, performance, dati di vendita e un confronto con case, dealer e istituzioni per sapere quali sono i trend di mercato di questo nuovo modo di muoversi su “due ruote”

La parola all’azienda

Umberto Pertosa – Menzaghi Motors – Aspes

Qual è la proposta Aspes per il mercato italiano?

La proposta Aspes per il mercato Italiano non differisce da quella proposta per tutta l’Europa.

Proponiamo veicoli a due ruote “ibridi” di tre differenti cilindrate 50-125-151 cc. Il sistema ibrido è stato pensato, progettato e realizzato per un maggior rispetto dell’ambiente, per offrire la massima economia di esercizio e flessibilità d’utilizzo in ogni circostanza.

L’ibrido di Aspes, è costituito da un motore termico a quattro tempi catalizzato al quale è stato adattato un motore elettrico senza spazzole, il tutto è gestito da elettronica progettata per ottenere tre modalità d’utilizzo (EP-MP-GP), tre veicoli in un’unica soluzione.

Questo sistema permette all’utilizzatore di muoversi liberamente e senza problemi in ogni situazione:
EP – la modalità solo elettrica consente di circolare nella City e/o comunque in tutte quelle aree precluse ai tradizionali motori termici, in questa modalità di utilizzo il veicolo è equivalente ad un veicolo solo elettrico a impatto zero.
MP – la modalità combinata (MIX) ha molteplici funzioni, la combinazione dei due motori è gestita automaticamente:
1. La partenza in modalità elettrica.
2. Raggiunta la velocità di 25 km/h i due motori si combinano sommando le potenze.
3. Raggiunta una velocità superiore il motore elettrico di stacca, il motore termico continua a lavorare dando motricità al veicolo e caricando la batteria LiFePO4.
Quanto sopra funziona poi a ritroso.
Questo sistema (MP) consente quindi performance interessanti sotto molti punti di vista:
1. Partendo da fermo in modalità elettrica si ottiene la funzione stop and go, utile nelle soste ai semafori poiché in quel momento non inquina, non consuma non produce rumore, in ripartenza lo spunto in elettrico è superiore a quello del termico, consuma meno, non inquina, non produce rumore.
2. Con la successiva combinazione dei due motori si ottengono ulteriori vantaggi, il motore termico viene accompagnato a regime da quello elettrico che nel frattempo avrà già dato spunto e motricità al veicolo, la somma delle potenze rende più sicuro il sorpasso, le salite diventano più aggredibili.
3. L’ulteriore e successivo passaggio al motore termico consente di raggiungere la velocità di punta e di caricare la batteria.
GP – la modalità solo termico consente di utilizzare il veicolo in modo tradizionale e contemporaneamente di ricaricare la batteria.

Quali possibili linee di business si aprono per un dealer che volesse distribuire un vostro veicolo elettrico/ibrido?

Il sistema ibrido di Aspes moltiplica le funzioni in confronto a un veicolo tradizionale o solo elettrico, ragion per cui va da se che allo stesso modo anche le linee di business si moltiplichino. In pratica la possibilità di vendita di veicoli con questo sistema diventa trasversale perché soddisfa ogni esigenza di utilizzo in un’unica soluzione. Occorre tenere anche conto che il sistema ibrido consente di accedere e ottenere i benefici degli eventuali incentivi Regionali/Nazionali senza però subire i vari limiti che un veicolo a sola modalità elettrica comporta.

La tecnologia delle batterie si sviluppa più velocemente del ciclo medio di vita dei veicoli attualmente in commercio. Avete previsto un upgrade gratuito (o a pagamento) dei prodotti che il dealer dovesse avere ancora a magazzino?

La tecnologia delle nostre batterie può considerarsi al top, la nostra batteria è capace di raggiunge 3000 cicli di ricarica pari a 10/12 anni di vita, non ha memoria e quindi può essere caricata in qualsiasi condizione di carica/scarica, è assolutamente ecologica tanto che una volta esaurita può essere considerata un rifiuto secco, la garanzia prevista è pari a due anni come il veicolo stesso. Quanto sopra ci consente di non dover preoccuparci di provvedere e/o prevedere up-grade in questo senso, siano essi gratuiti piuttosto che a pagamento.

Su quali leve commerciali può puntare il dealer, tenuto conto dello svantaggio di prezzo rispetto al prodotto tradizionale?

Nell’ambito della politica commerciale di Aspes è previsto anche il massimo contenimento del prezzo di vendita dei propri veicoli. La filosofia è quella di cercare di soddisfare il numero più vasto possibile di clientela, si tenga conto che il prezzo a listino dei veicoli Aspes non si discosta molto da quello dei veicoli tradizionali ed è equivalente se non inferiore in alcuni casi a quello di veicoli a modalità solo elettrica, tutto ciò nonostante gli investimenti e il grado di tecnologia impiegati siano di gran lunga superiori. Aspes ha una vocazione tecnologica e ambientale che cerca di coniugare e offrire su vasta scala senza creare un sistema elitario.

Aspes avrà un ruolo attivo nello sviluppo della rete di infrastrutture necessario per il successo del veicolo elettrico/ibrido?

Aspes è consapevole che allo stato e ancora nel medio periodo le infrastrutture capaci di soddisfare la richiesta degli utenti che utilizzano veicoli elettrici non saranno disponibili non a caso propone veicoli ibridi in grado di superare tale problematica.
Certamente Aspes avrà un ruolo attivo attraverso delle partnership con i costruttori di sistemi per la distribuzione dell’energia elettrica (stazioni di ricarica), certamente la dove viene richiesto.

Secondo voi, qual è l’orizzonte temporale che il dealer dovrebbe prendere in considerazione per poter valutare il successo, o meno, del suo investimento su questo nuovo mercato?

Immediato, il dealer che investe e diventa partner commerciale di Aspes può contare su prodotti capaci di accontentare in modo trasversale ogni cliente, questo grazie al fatto che il sistema ibrido non limita l’utilizzo del veicolo piuttosto lo moltiplica.

Aspes ritiene il sistema ibrido un sistema ideale “oggi”, in grado di traghettare senza scompensi su sistemi che solo “domani” potranno essere ideali, il veicolo solo elettrico di Aspes sarà commercializzato solo quando le condizioni di “servizio” saranno in grado di soddisfare gli utenti.

 

La parola al dealer

Cristian Ripamonti CR Moto Sas dealer ASPES

Abbiamo parlato con Cristian Ripamonti dealer moto di Aspes e chiesto cosa ne pensa del veicolo elettrico e ibrido e del mercato.

“Ho iniziato a gennaio 2011” – ci spiega Cristian – “perché ero e sono convinto che il veicolo elettrico possa essere il futuro. In particolare ci siamo rapportati con Aspes perché credo molto nell’ibrido, un veicolo che potrà essere il futuro della mobilità urbana”.

Il mercato secondo Ripamonti ha risposto bene e progressivamente sta aumentando,

“l’azienda ci segue costantemente, abbiamo incentivi della Regione Lombardia e visto il prodotto abbiamo subito scommesso sull’ibrido e continueremo a farlo proprio perché crediamo moltissimo nel prodotto”.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: aspes italia christian ripamonti cr moto scooter ibrido umberto pertosa

Lascia una risposta

 
Pinterest