Arabia Saudita promette la fine della sua dipendenza dal petrolio

Arabia Saudita promette la fine della sua dipendenza dal petrolio

29 apr, 2016

Anche l’ promette di porre fine alla sua ‘dipendenza dal

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

27 Aprile 2016. Ricca di petrolio, l’Arabia Saudita sta cominciando a contemplare un futuro in cui la benzina e il diesel non alimenteranno più la maggior parte delle auto di tutto il mondo.

Nel corso del prossimo decennio e mezzo, si spera di vedere la transizione della sua dal petrolio, in gran parte, investendo i proventi del petrolio di oggi in altri settori.

E’ parte di un piano denominato “Vision 2030″, che secondo le rivendicazioni dell’Arabia Saudita finirà la sua “dipendenza dal petrolio.”

Infiniti sul circuito di Al Reem, Arabia Saudita

Il , capo architetto del piano, ritiene che l’economia saudita sopravviverà “senza alcuna dipendenza dal petrolio” appena dopo il 2020, come ha recentemente riportato il Washington Post.

Sarebbe un passaggio importante ma necessario per l’economia saudita.

Negli ultimi anni, il petrolio ha rappresentato circa il 90 per cento del reddito del Regno, ma il calo dei prezzi ha portato ad un deficit di 98 miliardi di dollari l’anno scorso.

Dato che i paesi di tutto il mondo mettono in scena più severi standard di risparmio di carburante e altre misure per ridurre le emissioni di carbonio, l’Arabia Saudita sarà solo in grado di dipendere di meno dalle entrate petrolifere.

Bentley Continental GT attraversando l'Arabia Saudita

Il primo importante passo del governo per affrontare questa tendenza sarà un’offerta pubblica iniziale (IPO) in , la compagnia petrolifera nazionale saudita.

Mentre il governo prevede di vendere meno del 5 per cento della Aramco, la compagnia del principe ereditario Mohammed si ritiene che sarà valutata in 2,5 trilioni di dollari secondo alcuni analisti che l’hanno già descritta questo come il più grande IPO nella storia.

Alcuni fondi derivanti dalla vendita saranno utilizzati per stabilire una partita di 2 trilioni di dollari per “finanziare gli investimenti pubblici”, che saranno poi investiti in altri settori.

L’obiettivo è quello di rendere i redditi da capitale la principale fonte di reddito saudita, ha detto Mohammed.

Eppure, nonostante il valore immenso di Aramco, il governo e le pratiche commerciali opache dell’Arabia Saudita potrebbero mantenere gli investitori lontani dal mercato.

Gran parte della gestione di Aramco resta molto poco chiara ai potenziali investitori, ha detto un insider industriale a Green Car Reports a condizione di anonimato.

L’IPO ad Aramco è la più importante di una serie di politiche proposte nel piano di Vision 2030.

Si chiede inoltre la diversificazione della forza lavoro saudita, incoraggiando una maggiore partecipazione da parte delle donne, e un programma di “green card” per i lavoratori ospiti provenienti da altri paesi arabi e musulmani.

Il piano dovrebbe anche vedere l’Arabia Saudita concentrarsi maggiormente sulla sua industria turistica, e coltivare una industria della difesa nazionale come alternativa all’acquisto di armi da paesi come gli Stati Uniti

Ancora, l’Arabia Saudita continuerà a mantenere il pompaggio di petrolio per decenni, fino a quando l’attività non sarà più economicamente sostenibile.

Il governo vuole diversificare non per la preoccupazione dell’inquinamento legata ai combustibili fossili, ma perché sa che un’economia dipendente dal petrolio pone il Regno in una posizione vulnerabile.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: arabia saudita aramco economia petrolio politica Vice principe ereditario Mohammed bin Salman

Lascia una risposta

 
Pinterest