Accordo Tesla per costruire 400 stazioni di ricarica in Cina

Accordo Tesla per costruire 400 stazioni di ricarica in Cina

3 set, 2014

di Antony Ingram

Fonte: GreenCarReports

 

31 agosto 2014. Il mercato cinese è diventato di vitale importanza per molti produttori globali.

Per alcuni, è un paradiso di numeri di vendita elevati per compensare le lotte in mercati come gli Stati Uniti e l’Europa. Per altri, come Tesla Motors, è un modo per promuovere il suo prodotto a un vasto e crescente mercato.

Tesla si è fortemente impegnata in Cina con un nuovo accordo per creare 400 nuove stazioni di ricarica in tutto il paese.

Secondo Bloomberg, Tesla sta lavorando con China Unicom, il secondo più grande vettore di comunicazione mobile del paese, per costruire 400 punti di ricarica in 120 città nei punti di China Unicom.

Inoltre, la casa automobilistica ha piani per altri 20 stazioni di ricarica rapida Supercharger per la crescente quantità di proprietari cinesi di Model S.

Il problema della carica si dimostra un punto critico per gli acquirenti di auto elettriche in Cina, il paese è relativamente sotto dotato per soddisfare la domanda potenziale.

C’è anche confusione rispetto allo standard di carica ideale nel paese. Non esiste uno standard di comunicazione in uso, il che significa che anche se qualcuno ha il connettore adeguato – e non c’è alcuna garanzia che sia così, senza nessuno standard di connessione proprio il veicolo con lo standard corretto potrebbe non essere compatibile.

Alcuni hanno preso la questione della ricarica nelle proprie mani. Nel mese di luglio, un uomo d’affari e proprietario di Model S di nome ha pagato per l’installazione di 16 stazioni di ricarica lungo un percorso di 3.750 miglia da Pechino a Guangzhou (6.034 km).

Zong ha usato i social media per scegliere le migliori posizioni per ogni stazione ed ha interrogato i proprietari di immobili sull’installazione lungo il percorso – vicino ad alberghi e siti con parcheggio gratuito.

Quei 16 stazioni saranno utilizzabili da qualsiasi veicolo elettrico e anche le stazioni non-Supercharger di Tesla, nonostante essere pensate per i proprietari di Tesla, saranno anche disponibile per la ricarica libera.

Tesla, però, non è la prima casa automobilistica a creare una rete di ricarica nel paese. A maggio, la BMW ha annunciato i propri piani per istituire una rete di caricabatterie con la società elettrica State Grid.

L’azienda tedesca dice che la Cina “diventerà il più grande mercato per l’elettromobilità in pochi anni” e intende sfruttare al massimo la potenziale domanda nella fase iniziale.

Per gli acquirenti cinesi, l’ingresso di costruttori di automobili elettriche di serie può solo migliorare la prospettiva di mercato dei veicoli plug-in nel paese.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: tesla model s Zong Yi

Lascia una risposta

 
Pinterest