A123 è diventata una società di mezzo miliardo di dollari

A123 è diventata una società di mezzo miliardo di dollari

1 giu, 2017

Il produttore di batterie è diventata una società di mezzo miliardo di dollari

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

30 Maggio 2017. Dieci anni fa, il produttore di celle al litio A123 Systems è stata una società Start-up molto pubblicizzata.

Questo autore, infatti, ha profilato l’azienda per IEEE Spectrum nel magazine della rivista tecnologica del Settembre 2007.

I sei anni successivi si sono dimostrati enormemente dolorosi per la compagnia del Massachusetts.

Un punto forte è stato l’annuncio che A123 è stato uno dei due finalisti della concorrenza “bakeoff” tenuta da General Motors per selezionare un fornitore di batterie per la sua, allora prossima al lancio, Chevrolet Volt 2011.

Batteria agli ioni di litio per la Chevrolet Spark EV 2014

Mentre A123 ha perso contro la concorrenza contro la produttrice coreana di celle LG Chem, ha ottenuto qualcosa di un premio di consolazione: le sue celle sono state utilizzate invece nella minicar elettrica a basso volume di produzione Chevrolet Spark EV, così come in alcuni ibridi tedeschi di lusso a basso volume.

La Start-up di alto profilo Fisker Automotive ha anche scelto A123 per fornire le celle della sua berlina di lusso ibrida plug-in .

Alla fine, ciò ha dimostrato l’annullamento dell’azienda. La fabbrica allestita per produrre quelle celle a , nel Michigan, ha prodotto una serie di batterie inaffidabili che hanno richiesto il richiamo per la sostituzione sotto garanzia del pacco montato in tutte le prime Fisker Karma.

Karma Revero 2017

Il problema è venuto alla luce forse nel modo più imbarazzante possibile: una Karma che è stata testata da Consumer Reports è morta durante il test sulla pista di prova della rivista.

Alla fine, entrambi Fisker e A123 hanno dichiarato fallimento – e sono stati acquistati separatamente da , uno dei principali produttori di auto in Cina.

E poco dopo si è sentito parlare di A123 nei media nordamericani.

Ma come Alysha Webb fa notare in un post la scorsa settimana sul suo blog ChinaEV, A123 è cresciuta sotto i suoi nuovi proprietari.

L’attuale CEO di Jason Forcier racconta a Webb che, dopo una riorganizzazione del gennaio 2013 dopo l’acquisizione da parte di Wanxiang, i ricavi di A123 sono cresciuti da meno di 100 milioni di dollari a quasi mezzo miliardo di dollari quest’anno.

Impianto di produzione dei sistemi A123, Livonia, Michigan

Una delle ragioni per cui il profilo aziendale è più basso ora è che completamente la metà della sua produzione non va a macchine elettriche plug-in, ma a sistemi di avvio a 48 volt, forniti principalmente ai fabbricanti cinesi.

Mentre i sistemi start-stop stanno arrivando solo in un numero significativo di veicoli venduti in Nord America, sono pere la maggior parte standard in Europa da circa un decennio e crescono rapidamente anche in Cina.

Dato i rigorosi mandati di economia di carburante del Paese per gli anni futuri, Forcier afferma che probabilmente saranno necessari sistemi start-stop su tutti i veicoli per mantenerli in linea con gli sforzi di riduzione delle emissioni di carbonio della Cina.

Per il momento, l’unico acquirente di celle A123 per i veicoli plug-in è l’ex Fisker, ora rinominata Karma Automotive – e, ovviamente, di proprietà della stessa società madre.

Il veicolo aggiornato, ora conosciuto come Karma Revero 2017, sta appena arrivando nelle concessionarie, anche se i volumi per la berlina di lusso saranno bassi.

General Motors, d’altra parte, ha smesso di utilizzare le celle A123 per la sua Spark EV e le ha sostituite con le celle LG Chem, una mossa insolita per un’auto di conformità da basso volume.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: a123 fisker karma livonia Wanxiang

Lascia una risposta

 
Pinterest