25 milioni di dollari per la Fisker

25 milioni di dollari per la Fisker

26 ago, 2013

Quello che resta di Fisker Automotive vale 25 milioni di dollari? Forse…

da Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

25 agosto 2013. Alzi la mano chi di voi ha dimenticato che Fisker Automotive esiste ancora?

L’azienda non ha potuto produrre una sola auto da più di un anno, ma l’azienda lotta ancora per non dichiarare il fallimento, in quanto si trova in una sorta di letargo automobilistico fino a quando troverà un investitore o acquirente.

Fisker vale una mera frazione di 1,4 miliardi dollari, che originariamente sono andati nell’azienda, incluso il prestito di 192 milioni dollari ottenuto dal Dipartimento dell’Energia (DOE). Come riporta AutoBild (tramite il sito Motor Authority), un gruppo tedesco si dice interessato ad acquisire la società, per soli 25 milioni di dollari.

Il gruppo con sede a Francoforte, ha già elaborato un piano di ristrutturazione per la Fisker. Uno dei più grandi elementi comporterebbe lo spostamento della produzione Fisker dal produttore indipendente finlandese Valmet ad un impianto negli Stati Uniti – probabilmente il Wilmington, nel Delaware, impianto acquistato da Fisker per costruire il suo secondo modello nato morto, l’Atlantic. stava avrebbe un buon rapporto qualità-prezzo di un tale accordo considerando al primo posto che l’ex impianto GM è costato a Fisker 20 milioni di dollari …

L’azienda tedesca dovrebbe investire più di 25 milioni di dollari per acquistare la casa automobilistica elettrica e per farla funzionare di nuovo, ma se l’offerta ha successo Fritz Nol punta a costruire altre 2.500 Karma, prima di aggiungere gli altri modelli programmati come la Surf e la Sunset convertibile.

Fritz Nol è solo uno dei diversi investitori che hanno mostrato interesse in quanto la società ha licenziato la maggior parte del suo personale nel mese di aprile. , la cui aveva previsto un veicolo equipaggiato con il motore V-8 powered by Karma chiamato Destino, messa in listino a maggio. L’omonimo di Fisker e fondatore della società, , ha anche mostrato un interesse per l’azienda con il supporto di un gruppo di investitori di Hong Kong. Fisker aveva lasciato la sua azienda pochi mesi fa, nel mese di marzo.

Dal momento del fallimento dell’azienda di batterie A123 Systems l’anno scorso, Fisker Automotive ha subito un continuo scivolo verso il basso. Incendi, inondazioni in un porto devastato dall’uragano Sandy e problemi successivi con le assicurazione dopo l’incidente aggravato con altri temi, hanno lascianto la casa automobilistica a lottare per la sopravvivenza.

Con gli investitori ancora interessati, forse c’è ancora speranza per Fisker – ma l’azienda vale solo quella piccola frazione di quello che era una volta.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Bob Lutz Fritz Nol Henrik Fisker vl automotive

Lascia una risposta

 
Pinterest