Le proposte sostenibili dei partner di H2R

Le proposte sostenibili dei partner di H2R

10 nov, 2017

Fonte: H2R

 

Rimini,10 novembre 2017. Nell’ultima giornata di manifestazione diamo evidenza ad interessanti proposte sostenibili dei partner di H2R – Mobilità e Trasporto Sostenibili, nella piattaforma di Ecomondo,alla Fiera di Rimini.

ENEA espone una nuova city car a zero emissioni, ibrida (elettrico + idrogeno) che supera i problemi di ricarica da rete elettrica (plug-in) con l’utilizzo di una mini cella a combustibile alimentata a idrogeno.

A H2R in Città Sostenibile fa bella mostra di sé Urb-e 4.0, messa a punto nei laboratori dell’ENEA. Dopo le prime versioni ibrido a benzina, elettrico puro con batterie al piombo più super condensatori e batteria litio-ione, la versione 4.0 funziona con una piccolissima cella a combustibile alimentata da due bombole di idrogeno da 10 litri. La batteria da 4 kWh viene ricaricata in 4 ore e garantisce un’autonomia di guida di 70 Km al costo di circa 3 euro di idrogeno, mentre le bombole, una volta esaurite, possono essere sostituite in pochi minuti.

“Attualmente in Italia non esiste una vera e propria distribuzione al dettaglio delle bombole – spiega Giovanni Pede, responsabile del laboratorio ENEA ‘Sistemi e tecnologie per la mobilità e l’accumulo’ – ma si tratta di una commercializzazione assolutamente fattibile, come già avviene negli Stati Uniti dove oltre 6mila muletti elevatori utilizzati nei supermercati hanno adottato questo tipo di propulsione”.

Il progetto Ecowatch di SHARE’NGO,  fa parte della sperimentazione di rilevazione dei dati ambientali da una rete di car sharing per rendere le nostre città più sicure, sostenibili e intelligenti. Una una flotta di auto elettriche che complessivamente percorre 35.000 km al giorno in città e che trasmette fino a 0,25 terabyte di dati all’ora può trasformarsi in un potente strumento di controllo ambientale.
Il progetto è il primo atto del programma internazionale Intelligent Seed di Share’ngo che prevede l’istallazione di dispositivi elettronici necessari per rilevare i dati in mobilità all’interno delle auto in sharing. Le auto Share’ngo Ecowatch sono dotate di un BBOX/ROUTER con connettività Fastweb 3G, di una videocamera e di apparecchiature compatte in grado di rilevare i livelli di 24 diversi parametri di qualità ambientale tra i quali: inquinamento acustico,monossido di carbonio (CO2),polveri sottili (PM 10); qualità dell’aria,
campi elettromagnetici ad alta e bassa frequenza, temperatura,umidità. Obiettivo della raccolta è  sperimentare nuove forme di rilevazione e presentazione di informazioni ai cittadini, a protezione 
della salute e per favorire l’educazione collettiva ai comportamenti volti alla riduzione degli inquinanti, del traffico e del rumore.

Infine Askoll, forte di una storia fatta di innovazione costante, con più di 800 brevetti registrati nel mondo dei motori elettrici, ha sviluppato una bicicletta intorno al motore elettrico Askoll (con batteria agli ioni di litio di ultima generazione) resistente all’acqua e al gelo, che garantisce ottime performance in ogni condizione ambientale, con uno stile tutto italiano. La nuova gamma Askoll a zero emissioni propone le bici eB1 ed eB2 con cambio automatico e quattro differenti livelli di assistenza alla pedalata. Il telaio è studiato ergonomicamente per far mantenere sempre una corretta postura e il computer di bordo aggiorna sullo stato di carica della batteria e sulla percorrenza residua.  In alternativa alle bici, salire a bordo degli scooter eS1 ed eS2 significa spendere 10 € all’anno per una percorrere una media di 10 km al giorno con bollo, gratis per i primi cinque anni ed assicurazione RC dimezzata rispetto a quella di uno scooter a benzina. Facili da usare e comodi da ricaricare: basta collegarli direttamente a una presa elettrica domestica o, in alternativa, estrarre la batteria a ioni di litio dal vano e ricaricarla dove si preferisce.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS:

Lascia una risposta

 
Pinterest