Super Slot Car da electric drag racing

Super Slot Car da electric drag racing

25 dic, 2015

Super Slot Car: via motore V-12 e Cavi!

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

23 Dicembre 2015. Lo sport del drag racing è con noi quasi dalla nasciata dell’automobile.

Negli ultimi dieci anni, i progressi nelle batterie agli ioni di litio ad alta potenza hanno dato origine a una nuova variante: il drag racing elettrico.

Ma prima che le batterie moderne esistessero, come si poteva forse fare un dragster elettrico competitivo?

Beh … che ne dite di un mostruoso motore V-12, un generatore, quattro motori di avviamento dei motori a reazione, e due bobine di grande spessore ed un cavo elettrico ad alta capacità?

Questo è esattamente quello che la leggenda del drag-racing (The Michigan Madman), ha costruito alla fine degli anni ‘60, come dettagliato in una storia sul Kneeslider del 2012.

Lo chiamò “”, dopo l’ora in gran parte-scomparso sport delle corse piccoli modellini di automobili elettriche su una pista scanalata.

Potter aveva creato in precedenza una serie di motociclette drag-strip conosciute come “Vedova Makers” per i loro piccoli block motori V-8 Chevrolet montati in cornici Harley-Davidson.

Ha trascinato le moto per 13 anni, fino a raggiungere 190 miglia all’ora e la fissazione di un Guinness World Record nella sua carriera.

Ma dopo alcune lesioni, ha rivolto la sua attenzione al concetto dell’accecante accelerazione senza motori a combustione interna.

Ha attaccato un motore Allison V-12 di un velivolo ad un generatore e montato l’insieme su un rimorchio, aggiungendo due grandi bobine di cavo elettrico.

Quando esegue delle mostre in occasione di eventi di dragster, ha il cavo per tutta la lunghezza del quarto di miglio della scena della gara..

Un uomo di spettacolo naturale, Potter ha preso il suo tempo (circa 3 minuti) nel guidare la sua pick-up lungo la pista per mettere a posto il cavo e poi sparare il motore Allison.

La Slot Car Super ha il guscio spogliato di una piccola berlina MG 1100 due porte a trazione anteriore, con quattro motori di avviamento elettrici, jet-motore da 200 cavalli, uno per ogni ruota.

Due pickup elettrici sul posteriore della macchina elettrica effettuano il cablaggio che viene distribuito ai quattro motori – proprio come il funzionamento di un modellino (con meno motori).

Le scritte sulla vettura dicono “Smog Free Performance” sul cofano e sul portellone posteriore.

Dopo che la folla era pienamente impegnata, Potter doveva solo premere un interruttore – per inviare la sua auto a razzo lungo la pista ad una velocità a tre cifre.

La Super Slot Car ha percorso il quarto di miglio in meno di 10 secondi, con una velocità registrata di 120 mph (193 km/h). Non male per mezzo secolo fa.

Potter non ha mai trovato uno sponsor per il suo concept unico.

In seguito ha accusato le riviste hot-rod per la mancanza di copertura, dicendo loro editori di non volere inimicarsi gli inserzionisti che vendono i componenti per le automobili convenzionali di drag-benzina.

Potter è morto a 71 nel mese di aprile 2012; un necrologio sul New York Times ha citato non solo il suo nomignolo “Michigan Madman”, ma lo elogiò come “una leggenda delle gare dragster americana”.

“Oggi, però, la fiorente comunità di drag racing elettrico considera Potter come uno dei loro pionieri.”

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: allison E.J. Potter electric drag racing super car slot

Lascia una risposta

 
Pinterest