Si corre di nuovo nel cuore di Londra

Si corre di nuovo nel cuore di Londra

24 giu, 2015

Fonte:

 

Londra, Gran Bretagna. 23 Giugno 2015. Sono passati più di 40 anni da quando le monoposto di grossa cilindrata hanno corso entro i limiti della città di Londra, ma tutto ciò cambierà in questo fine settimana, quando il si svolgerà in città.

Tornando ai giorni dei lambchop sidies, del glam rock e della Ford Cortina, era il bellissimo parco vittoriano a Crystal Palace che ha ospitato la corsa, ora nell’era dei pantaloni a vita bassa, della musica dance elettronica e delle auto elettriche e ibride è il bel parco vittoriano a Battersea dove si svolgerà l’azione di gara.

Dato che entrambi i parchi sono stati costruiti nel 1850, forse non dovrebbe essere una sorpresa che gli autodromi creati nelle loro strade perimetrali dovrebbero avere più di una somiglianza, anche se il cambio di elevazione al Crystal Palace non è per nulla simile e sono due look completamente diversi.

L’automobilismo sul circuito di Crystal Palace è iniziato nel 1927 con una gara di moto.

La pista è stata aumentata in lunghezza nel 1936, e quando è stata completamente asfaltata nel 1937 è stata in grado di mettere in scena il primo Gran Premio di Londra. Ma quando il parco è stato preso in consegna dal Ministro della Difesa a seguito dello scoppio della seconda guerra mondiale, la corsa è stata messa in attesa.

La pista ha riaperto nel 1953. Il circuito infield, che aveva fatto parte del layout originale, non c’era più, il che significa che la pista era ormai da 1,39 miglia (2,2 km) di lunghezza. Anche se stretta, consisteva principalmente in molte curve ad alta velocità, e nel 1970 il futuro Campione di Formula 1 Jochen Rindt ha registrato il primo giro a velocità media di oltre 100 mph sul giro durante il London Formula 2 Trophy.

Il 1970 è stato un periodo di sviluppo estremo nelle corse automobilistiche con la comprensione aerodinamica che ha spinto la tecnologia in avanti e verso l’alto ed i tempi sul giro si sono spostati sempre verso il basso.

Durante l’ultimo meeting internazionale che si è tenuto a Crystal Palace, il London Trophy del 1972, Mike Hailwood ha stabilito un nuovo record della pista di 103,39 mph (166,39 kmh).

Data la ristrettezza delle strade, la mancanza di vie di fuga a disposizione e la vicinanza degli alberi, era inevitabile che Crystal Palace non era più una casa adatta per una pista da corsa.

Il Club Racing continuò per altri due anni, ma il 23 settembre 1974, le corse del circuito a Londra si sono concluse per sempre.

Nel corso degli anni, Crystal Palace aveva tenuto tutti i tipi di gare, compresi eventi di Formula 1 fuori campionato, auto da turismo britannici e racing club, ma è stata la gara di Formula 2 che ha catturato l’immaginazione, attirando folle di 40.000 persone.

Rimane molto ancora di quella pista, anche se il rettilineo di partenza/traguardo è da tempo scomparso. La sezione Torre Nord del tracciato – una raccolta gloriosa di curve veloci in discesa, resta quasi del tutto intatta, e fu in questa parte del tracciato che il Sevenoaks e Distretto Motorclub organizzato una serie di gare sprint nel 1997.

Dopo tre anni di successi, questi eventi sono stati cancellati nel 2000, ma il lavoro instancabile del club è riuscito a riportarli nel 2010, con gli eventi di due giorni che si tengono a maggio di ogni anno.

La splendida cornice ha portato anche a Crystal Palace ad un certo numero di film e show televisivi, non ultimo la drammatizzazione di Ron Howard della battaglia tra Hunt vs Lauda nel film ‘Rush’ e il classico ‘Lavoro italiano’.

Oltre a questi scatti, non c’è stato più motorsport a Londra da allora.

La banger racing a Wimbledon dovrebbe essere un piacere colpevole per qualsiasi petrolhead che si rispetti, mentre a breve la corsa ovale ha avuto luogo presso Layhams Farm vicino Croydon fino al 2009. La Race of Champions ha visitato lo stadio di Wembley per un paio di occasioni ed è previsto il ritorno a novembre di quest’anno.

Naturalmente, la Formula 1 è stata collegata con una corsa di strada a Londra per molti anni. Nel 2004 una manifestazione di vetture di F1 a Regent Street ha attirato una folla enorme. Ma più di un decennio più tardi non c’è ancora nessun segno di altre gare.

Invece è la Formula E, un campionato nuovo, che ha portato il ritorno delle corse a Londra con una nuova pista. A differenza della gara precedente a Mosca, il circuito non è fatto su strade pubbliche, data la logistica  che non permetteva opzioni nel chiudere le strade principali di Londra.

Invece la Formula E ha guardato indietro al passato per ispirare il futuro.

Come ha detto il CEO di Formula E Alejandro Agag:

“Chi ha progettato questo bellissimo parco tanti anni fa lo ha fatto con una gara in mente. Abbiamo guardato molti luoghi per una gara a Londra e Battersea ci ha fornito la migliore soluzione. E’ nel cuore della città, ha ottimi collegamenti e perché si svolge all’interno del parco, non dobbiamo chiudere nessuna strada”.

Con una gara doppia che porterà a termine la stagione inaugurale di Formula E, il London Visa ePrix è uno degli eventi più prestigiosi del campionato. E per ogni uno dei 20 piloti in questo fine settimana, la vittoria nella prima gara a Londra da più di due generazioni sarà qualcosa di interessante per aggiungere al proprio curriculum vitae.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: battersea park chrystal palace FIA Formula E Championship formula e london visa eprix

Lascia una risposta

 
Pinterest