Sam Bird sigilla la vittoria nel Putrajaya ePrix

Sam Bird sigilla la vittoria nel Putrajaya ePrix

22 nov, 2014

, Malesia. 22 Novembre 2014. Sam Bird  vince la seconda gara della stagione a davanti al leader del campionato Lucas di Grassi e Sebastien Buemi.

Il pilota Virgin Racing ha tagliato il traguardo per raccogliere i ben 25 punti e aggiudicarsi la sua prima vittoria ePrix.

Bird ha detto:

“Il weekend è andato molto bene, siamo stati veloci dalla prima uscita e siamo stati i più veloce nelle prove libere. Le qualifiche non sono andate del tutto bene e come pensavo non eravamo nel gruppo migliore per fare un giro veloce, ma abbiamo fatto meglio proprio in gara.

“Nella prima parte della gara sono stato in grado di raggiungere un buon gap che potevo mantenere facilmente senza fare errori stupidi, cercando di fare un elastico e navigando a modo di crociera fino al traguardo. Devo dedicare questa vittoria ad un mio caro amico, che è molto malato. E’ molto triste quello che è successo a lui e questo è per Jules”.

Il pilota Audi Sport ABT Lucas di Grassi e quello dell’e.dams-Renault Sebastien Buemi sono riusciti a farsi strada attraverso il circuito e salire sul podio pur partendo in fondo della griglia.

Di Grassi ha detto:

“Sicuramente questo era oltre le mie aspettative. Tutti sono qui per vincere, tutti spingono al limite e questa pista ha dimostrato una volta per tutte che questa vettura è molto difficile da guidare, anche se tutti abbiamo fatto dei test. Il margine più piccolo può rovinare l’intero fine settimana e questo è quello che è successo in qualifica da parte mia e dover partire dal fondo della griglia su una pista cittadina alla seconda è una sensazione incredibile. Sento di aver fatto una gara molto migliore che a Pechino, dove ho vinto”.

“Sono davvero felice … che posso dire”, ha detto Buemi. “Siamo stati davvero bene in fase di test e poi quando siamo arrivati alla prima gara semplicemente non è andata bene. E’ andato male oggi in qualifica il che è abbastanza strano, abbiamo fatto alcune modifiche che non hanno funzionato così bene, ma mi sentivo il più forte in questa macchina ed ho finito terzo”.

La vittoria di Bird significa che si sposta fino al secondo posto nella classifica di campionato a soli tre punti dal vincitore della gara di  Pechino, Lucas Di Grassi.

Nicolas Prost ha continuato la buona forma mostrata in qualifica ed è finire quarto. Il francese partiva dalla 11° posizione dopo aver scontato una penalizzazione in griglia di 10 posizioni per aver provocato una collisione evitabile a Pechino.

Il pilota Dragon Racing Jerome d’Ambrosio ha mostrato la sua dipendenza dall’ultimo posto sulla griglia di partenza per tornare a casa in quinta posizione. D’Ambrosio si era qualificato nella top-tre ma è stato penalizzato per il superamento dell’uso massimo di energia.

Oriol Servia, che ha ereditato la pole position, ha fatto una buona fuga per mantenere il comando in partenza, mentre Daniel Abt perdeva molte posizioni con quello che sembrava essere un problema di alimentazione.

La Safety Car Qualcomm è uscita alla fine del primo giro per pulire i detriti dalla pista dell’Amlin Aguri di Katherine Legge e Michela Cerruti (Trulli), entrate in collisione. Legge voleva sorpassare all’interno, ma in frenata ha perso il posteriore e ha causato il testa coda di Cerruti.

Il pilota del team Andretti Autosport, Mattew Brabham, si è scontrato con la Venturi di Nick Heidfeld nello stretto tornate percorrendo il decimo giro ed ha mandato in testa coda l’esordiente pilota della .

Il compagno di squadra di Brabham, Franck Montagny, era di umore esuberante e si è fatto subito strada in pista, ma ha costretto Nick Heidfeld a finire contro la barriera di pneumatici sul lato esterno della curva cinque. La Venturi ha colpito le difese di sicurezza e per la seconda volta è uscita la safety car.

Abt ha sfruttare al meglio l’opportunità della Safety Car ed è entrato ai box per il cambio macchina, nel tentativo di fare un lungo secondo stint. Tuttavia, è stato un azzardo che non ha pagato ed è sceso al 10° posto prendendo un solo punto.

Egli ha detto:. “Ho avuto qualche problema all’inizio che non sono ancora sicuro cosa fosse, sembrava una questione di potenza e sono rientrato in regime di safety car, che è stata una strategia rischiosa e un po’ un gioco d’azzardo che, purtroppo, non ha pagato”.

Il pilota della Mahindra Bruno Senna ha picchiato pesantemente nell’ultimo giro quando era all’inseguimento di Sebastien Buemi per l’ultimo posto sul podio.

Senna ha detto: “Ho visto Buemi ed ho avuto l’opportunità di salire sul podio, ma ho fatto un errore. Di conseguenza ci sono finito contro il muretto quando ho perso la macchina “.

 

– Putrajaya ePrix – Race (31 laps)

Sam Bird, Virgin Racing, 51:11.979

Lucas di Grassi, Audi Sport ABT, +4.175s

Sebastien Buemi, e.dams-Renault, +5.739s

Nicolas Prost, e.dams-Renault, +9.552s

Jerome d’Ambrosio, Dragon Racing, +13.722s

Karun Chandhok, Mahindra Racing, +17.158s

Oriol Servia, Dragon Racing, +18.621s

Antonio Felix da Costa, Amlin Aguri, +19.926s

Jaime Alguersuari, Virgin Racing, +20.053s

Daniel Abt, Audi Sport ABT, +45.663s

Ho-Pin Tung, China Racing, +55.833s

Stephane Sarrazin, Venturi, +56.626s

Matthew Brabham, Andretti, +1:05.036s

Bruno Senna, Mahindra Racing, +1 lap

Franck Montagny, Andretti, +1 lap (penalty)

Katherine Legge, Amlin Aguri, +3 laps (penalty)

Jarno Trulli, Trulli, +3 laps (penalty)

Nelson Piquet Jr, China Racing, DNF

Michela Cerruti, Trulli, DNF

Nick Heidfeld, Venturi, excluded (penalty)

 

Campionato (dopo due gare)

1° Lucas di Grassi 43 pt; 2° Sam Bird, 40 pt; 3° Franck Montagny, Nicolas Prost, Jerome D’Ambrosio e Karum Chandhok, 18 pt; 7° Sébastien Buemi, 15 pt; 8° Charles Pic ed Oriol Servià 12 pt; 10° Nelson Piquet, Antonio Felix da Costa e Jaime Alguersuari, 4 pt; 13° Stéphane Sarrazin, Daniel Abt e Takuma Sato, 2 pt.

 

Classifica Team (dopo due gare)

1° Audi Sport ABT 45 pt: 2° Virgin Racing, 44 pt; 3° e-Dams Renault, 33 pt; 4° Andretti Autosport Formula E ed Dragon Racing, 30 pt; 6° Mahindra Racing, 18 pt; 7° Amlin Aguri, 6 pt; 8° China Racing, 4 pt; 9° Venturi, 2 pt; 10° Trulli, 0 pt.

 

Prossima gara

13 Dicembre a Punta del Este (Uruguay)

 

 

 

In English

Sam Bird seals victory in the Putrajaya ePrix

 

Fonte: Formula E

 

Putrajaya, Malesia. 22 Novembre 2014. Sam Bird cruised to victory at the second race of the season in Putrajaya ahead of championship-leader Lucas di Grassi and Sebastien Buemi.

The Virgin Racing driver crossed the line to pick up the full 25-points and clinch his maiden ePrix win.

Bird said: “The weekend went really well, we were quick from the first outing and we were quickest in practice. Qualifying didn’t quite go our way as I think we were not in the best group for doing a fast lap time but we put that right in the race.

“The first stint I was able to get a very good gap which meant we could take it easy and not make any silly mistakes, do some lift and coasting, and coast to the finish. I have to dedicate this win to a good friend of mine who is very ill. It’s very sad what’s happened to him and this one is for Jules.”

Audi Sport ABT driver Lucas di Grassi and e.dams-Renault’s Sebastien Buemi both managed to fight their way through the field to stand on the podium despite starting at the back of the grid.

Di Grassi said:

“For sure this was beyond my expectations. Everyone is here to win, everyone is pushing to the limit as this track has proven once and for all this car is very tricky to drive even if you have done all the testing. The tiniest margin can ruin your whole weekend and that’s what happened in qualifying from my side and then to come all the way from the back of the grid on a street track to second is an amazing feeling. I felt I had a much better race than in Beijing where I won.”

“I’m really happy I have to say,” said Buemi. “We were really good in testing and then when we came to the first race it just didn’t go well. It went bad today in the qualifying which is quite strange, we did some set up changes that didn’t work so well but I felt the strongest in this car and finished third.”

Bird’s win means he moves up to second place in the championship standings just three points behind Beijing race-winner di Grassi.

Nicolas Prost continued the strong form he showed in qualifying to finish fourth. The Frenchman started from 11th position after carrying over a 10-place grid penalty for causing an avoidable collision in Beijing.

Dragon Racing’s Jerome d’Ambrosio showed his reliance from last place on the grid to come home in fifth. D’Ambrosio qualified in the top-three only to be penalised for exceeding the maximum power usage.

Oriol Servia, who inherited pole position, made a good getaway to retain the lead at the start as Daniel Abt dropped back with what seemed to be a power issue.

The Qualcomm Safety Car was deployed on the opening lap to clean the debris from the track as Amlin Aguri’s Katherine Legge and Michela Cerruti (Trulli) collided. Legge looked to make a pass on the inside but lost the back end and caused Cerruti to spin.

Andretti racer Matthew Brabham clashed with Venturi’s Nick Heidfeld at the tight turn 10 hairpin sending the Formula E debutant into a spin.

Brabham’s team-mate Franck Montagny was in a feisty mood as he carved his way through the field but forced Heidfeld into the tyre barrier on the outside of turn five. The stricken Venturi brought out the safety car for a second time.

Abt make the most of the opportunity and pitted under the safety car in an attempt to run a long second stint. However, it was a gamble that didn’t pay off as he dropped to 10th place to pick up a solitary point.

He said: “I had some problems at the start which I’m not sure what it was, it seemed like a power issue and it didn’t kick in. I pitted in under the safety car which was a risky strategy and a bit of a gamble which unfortunately didn’t pay off.”

Mahindra’s Bruno Senna crashed heavily on the final lap in pursuit of Sebastien Buemi for the final podium spot. Senna said: “I saw Buemi and had an opportunity to get a podium but I made a mistake. I just went for it and got out on the marbles when I lost the car.”

 

FIA Formula E Championship – Putrajaya ePrix – Race (31 laps)

Sam Bird, Virgin Racing, 51:11.979

Lucas di Grassi, Audi Sport ABT, +4.175s

Sebastien Buemi, e.dams-Renault, +5.739s

Nicolas Prost, e.dams-Renault, +9.552s

Jerome d’Ambrosio, Dragon Racing, +13.722s

Karun Chandhok, Mahindra Racing, +17.158s

Oriol Servia, Dragon Racing, +18.621s

Antonio Felix da Costa, Amlin Aguri, +19.926s

Jaime Alguersuari, Virgin Racing, +20.053s

Daniel Abt, Audi Sport ABT, +45.663s

Ho-Pin Tung, China Racing, +55.833s

Stephane Sarrazin, Venturi, +56.626s

Matthew Brabham, Andretti, +1:05.036s

Bruno Senna, Mahindra Racing, +1 lap

Franck Montagny, Andretti, +1 lap (penalty)

Katherine Legge, Amlin Aguri, +3 laps (penalty)

Jarno Trulli, Trulli, +3 laps (penalty)

Nelson Piquet Jr, China Racing, DNF

Michela Cerruti, Trulli, DNF

Nick Heidfeld, Venturi, excluded (penalty)

 

Championship (after two races)

1° Lucas di Grassi 43 pt; 2° Sam Bird, 40 pt; 3° Franck Montagny, Nicolas Prost, Jerome D’Ambrosio e Karum Chandhok, 18 pt; 7° Sébastien Buemi, 15 pt; 8° Charles Pic ed Oriol Servià 12 pt; 10° Nelson Piquet, Antonio Felix da Costa e Jaime Alguersuari, 4 pt; 13° Stéphane Sarrazin, Daniel Abt e Takuma Sato, 2 pt.

 

Team (after two races)

1° Audi Sport ABT 45 pt: 2° Virgin Racing, 44 pt; 3° e-Dams Renault, 33 pt; 4° Andretti Autosport Formula E ed Dragon Racing, 30 pt; 6° Mahindra Racing, 18 pt; 7° Amlin Aguri, 6 pt; 8° China Racing, 4 pt; 9° Venturi, 2 pt; 10° Trulli, 0 pt.

 

Next race

December 13,  Punta del Este (Uruguay)

 

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: FIA Formula E Championship formula e Putrajaya

Lascia una risposta

 
Pinterest