Ricca storia di corse nella città di Miami

Ricca storia di corse nella città di Miami

13 mar, 2015

Fonte:

 

Miami, USA. 15 marzo 2015. Il di Formula E di questo fine settimana porta il motorsport elettrico per la prima volta nel cuore di una città degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, fa rivivere una ricca tradizione di corse su strada nella zona del centro della metropoli della Florida che risale a più di 30 anni.

Il circuito di 2,17 km dell’ePrix è il quarto tracciato disegnato sulle strade in questa zona di Miami e vi è un legame comune tra tutti loro – il Biscayne Boulevard. La principale strada statale che corre da nord a sud lungo la costa della città è stata incorporata in ciascuno dei tracciati, tra cui il layout da otto curve in cui le 20 Spark-Renault SRT_01E si daranno battaglia sabato prossimo.

La storia delle corse su strada a Miami inizia con il compianto , che aveva una mano nei tre precedenti circuiti cittadini di Miami. Il rifugiato cubano, arrivato negli Stati Uniti su un ‘Volo della Libertà’ da L’Avana nel 1960, è diventato un immobiliarista di successo e corridore dilettante. Ha combinato le due cose e si avvicinò con l’idea del Grand Prix di Miami, concepita come una tappa del North American IMSA GT Championship che si teneva all’inizio della stagione tra i classici di resistenza della Florida, quelli di Daytona e Sebring.

Un circuito di 2,98 km fu realizzato nella zona Bayfront adiacente al porto, dove era basata la flotta da pesca d’altura di Miami. E’ stato un vero circuito cittadino che incorporava una sezione del Biscayne Boulevard, le strade all’interno del Bayfront Park e anche una parte attraverso un scalo merci ferroviario, che ha comportato che le auto attraversassero anche i binari.

Il primo Miami GP non è stato un successo. Forti piogge hanno portato ad una fine prematura per la gara dopo 27 giri (10 di loro dietro la safety car), dopo di che la leggenda sportiva americana Al Holbert Jr è stato dichiarato vincitore a bordo della sua Chevrolet con motore March GTP prototipo. Sanchez è rimbalzato fino all’84, quando tirando fuori un colpo da maestro ha convinto il due volte campione di Formula 1 Emerson Fittipaldi a ritirarse dalla pensione per prendere parte alla gara con una macchina GTP iscritta sotto il nome di ‘Spirit of Miami’ banner.

Jaguar ha vinto la gara dell’84 con Brian Redman e Doc Bundy, prima che Holbert trionfasse di nuovo, questa volta condividendo una Porsche 962 con il cinque volte vincitore delle 24 Ore di Le Mans Derek Bell. Il britannico, che aveva assunto la macchina da Holbert per la corsa alla bandiera, sembrava in corsa per una facile vittoria fino a quando una serie di bandiere gialle ha consentito l’avvicinamento di Darin Brassfield, che ha condiviso la sua March-Chevy con David Hobbs, che l’ha sorpassato quando la gara ha avuto il via libera per gli ultimi 15 minuti della sua durata di tre ore.

“E’ stato nei primi giorni della Porsche 962 e non avevano lavorato per ottenere le miglior ripartenza dei motori dopo andare piano dietro la safety car”, ricorda Bell. “Quando la bandiera verde è venuta fuori, il mio motore è andato a singhiozzo e ho perso la testa sorpassato da Brassfield.

“Ricordo che ero all’interno di lui alla prima curva per riprendere l’iniziativa. Mi ha detto in seguito che non pensava che fosse possibile sorpassare lì, e ho risposto che nemmeno io – ma ho pensato che potevo anche provarci!

“Questo primo circuito di Miami era piuttosto sorprendente. Aveva un mix di tutto, curve veloci e lente – è stato davvero vario”, continua Bell. “E’ stato un luogo in cui non ci si poteva permettere di colpire il muro, ma se si voleva essere veloce si doveva sfiorarlo occasionalmente.”

Il Miami GP è stato anche un evento eccezionale che ha contribuito a cambiare il volto della città, secondo Bell. “Ha trasformato la città nella Monaco degli Stati Uniti in un momento in cui aveva una piuttosto scarsa reputazione” dice.

La riqualificazione di gran parte del sito del primo tracciato ha costretto il Miami GP a spostarsi verso nord, anche se solo per alcuni pochi isolati. È saltato a Port Boulevard, una strada rialzata e al Bicentennial Park, il che significa che alcune parti del circuito dell’ePrix di oggi seguono lo stesso percorso utilizzato nel 1980 e ’90.

Il Miami GP ha trovato una casa sul circuito di tre miglia del Bicentennial Park dal 1986 fino al 1995. Il tracciato, ancora una volta include sezioni del Biscayne Boulevard, ma gran parte della sua lunghezza era su strade che attraversano il parco.

“E ‘stata una buona pista”, ricorda , che ha conseguito la prima vittoria GTP di Nissan sul circuito Bicentennial Park nel 1987. “Ci sono state alcune curve abbastanza veloci per un circuito cittadino. Era irregolare in alcuni posti, ma questo ci si aspetta in un circuito cittadino”.

Forbes-Robinson, noto nel paddock degli sportscar come ‘EFR’, ha conseguito la vittoria nel ’87 del Miami GP insieme a Geoff Brabham, il cui figlio Matthew ha corso nella seconda e la terza gara di Formula E di quest’anno in Malesia e Uruguay, rispettivamente. Erano tra i piloti di grandi nomi per vincere nel circuito del Bicentennial insieme al francese leggenda di Le Mans Bob Wollek, Camione Mondiale Sport nel 1987, Raul Boesel e II, nipote di cinque volte campione del mondo di Formula 1 con lo stesso nome.

In cima alla lista all’evento su strada di Miami nel 1994 è stata la serie di silhouette sportiva US Trans-Am, prima che Sanchez abbia portato le serie di top monoposto del Nord America, CART, di ritorno a Miami, avendo precedentemente gestito un evento nel 1985-1988 sul Circuito del Parco Tamiami. Questo è stato un lead-in per un appuntamento CART regolare al Homestead-Miami Speedway che Sanchez stava costruendo a sud della città.

La gara di CART sul circuito del Bicentenario, che correva in direzione opposta alla sua iterazione con gli sportscar, è stata vinta dal futuro campione del mondo di F1 Jacques Villeneuve nella gara di apertura della sua stagione vincente del campionato.

Le corse su strada sono scomparse da Miami con l’apertura del Homestead, ma la sua pausa durò solo fino al 2002. Sanchez, che aveva venduto il suo interesse per Homestead all’International Speedway Corporation, stava lavorando con il fondatore dell’American Le Mans Series Don Panoz per promuovere congiuntamente la Series. Hanno covato un piano per portare le sportcar da corsa di nuovo al centro della città, anche se al momento della gara Sanchez si era allontanato per malattia.

L’ex capo ALMS Scott Atherton ricorda il percorso della gara che diventa una realtà nel 2002.

“Ralph ci aveva presentato a due suoi amici, uno sviluppatore chiamato Willy Bermello e un avvocato conosciuto come Peter Yanowitch, che alla fine sono diventati i promotori della manifestazione”, spiega. “Si, come Ralph, erano molto entusiasti del motorsport e ci hanno unito le forze per portare le corse su strada di nuovo a Miami”.

Il nuovo evento è stato eseguito dopo come ALMS / CART con la doppia denominazione, ricorda Atherton, “alcune lobby piuttosto aggressive dal loro presidente Chris Pook. Giustamente hanno visto Miami come un mercato piuttosto importante in cui volevano essere rappresentati”.

La nuova pista – ufficialmente conosciuta come il Corso di Miami Bayfront Park Street – misura 2,23 km ed è stata in gran parte contenuta all’interno del Bayfront Park ristrutturato, con un rettilineo del traguardo sulla Biscayne Boulevard e un ciclo attraverso un parcheggio. L’ultima sezione è stata abbandonata nel 2003, riducendo la lunghezza del circuito di appena 1,85 km.

La gara ALMS inaugurale è stata vinta dal cinque volte vincitori di Le Mans e al volante di un prototipo ufficiale Audi gestito dal team Joest Racing. Pirro ricorda una “pista di bassa aderenza impegnativa con un bizzarro, lungo destrimano attorno ad una fontana”, che non era particolarmente di suo gradimento. Il suo ricordo più vivo, però, è quello del caldo e l’umidità della corsa che si svolgeva a settembre.

“Il caldo significava che riuscivo a malapena a finire la gara”, spiega. “Credo di essere stato sempre al limite di esaurimento e sono quasi svenuto sul podio”.

Questo è stato l’anno della gara CART che è stata vinto dal futuro pilota della Toyota F1 Cristiano da Matta, mentre il messicano Mario Dominguez ha preso gli onori della serie Champ Car rinominata nel 2003. Ma quell’anno Miami resterà nella storia delle corse ALMS per uno dei momenti salienti avvenuto proprio a Miami. Gli ex Grand Prix Drivers e hanno conseguito la vittoria contro la squadra Audi Joest di Frank Biela e Marco Werner, completando la gara con una sola fermata di rabocco carburante dopo una fiammata ai box.

Il terzo capitolo delle corse di sportscar nel centro di Miami si è concluso dopo l’evento del 2003.

Un nuovo capitolo moderno si inizia con la quinta gara del questo fine settimana.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: dereck bell Elliott Forbes-Robinson emanuele pirro FIA Formula E Championship formula e frank biela jj lehto johnny herbert juan manuel fangio miami eprix ralph sanchez trans am

Lascia una risposta

 
Pinterest